PORTO PIOMBINO: SODDISFAZIONE DI TORTOLINI PER L’APPROVAZIONE DEL PIANO REGOLATORE

porto_piombino2Piombino (LI) – Dopo che il Consiglio Regionale della Toscana ha dato il via libera al Piano Regolatore del Porto venerdì 26 luglio, arriva il commentato di Matteo Tortolini, consigliere regionale PD.
Con il voto favorevole dei commissari di Pd e Idv, la commissione Trasporti ed infrastrutture, presieduta da Fabrizio Mattei (Pd), ha licenziato la proposta di deliberazione. E’ stato il commissario straordinario dell’Autorità portuale Luciano Guerrieri ad illustrare le principali linee di intervento che prevedono l’adeguamento degli accosti, delle banchine, dei piazzali e dei collegamenti viari e ferroviari. Il nuovo assetto terrà distinte le diverse funzioni dello scalo ed i relativi traffici: commerciale e industriale; traghettistica e crocieristica; le autostrade del mare.
«Nella giornata di ieri (26 luglio 2013, ndr) abbiamo avuto la manifestazione dei lavoratori, l’approvazione del Piano regolatore del porto in consiglio regionale, il sindaco e le istituzioni dal ministro per lo sviluppo economico. Questo significa che siamo in campo non solo per difendere la Piombino di oggi, quanto per dare un futuro ad un territorio che ha grandi potenzialità che vengono soprattutto dal mare e che si legano intimamente alla competitività del polo siderurgico». Questo quanto dichiarato da Matteo Tortolini consigliere regionale Pd, intervenuto in aula durante il dibattito sull’approvazione del Piano Regolatore del Porto di Piombino, votato dalla maggioranza e che ha visto le astensioni di Udc e Più Toscana e il Pdl che non ha partecipato al voto.
«Stiamo parlando della crescita di tre volte delle superfici utili portuali, della 398, di due accessi ferroviari e un pescaggio medio nei fondali di 13-15 metri con banchina a – 20.  578 milioni di interventi previsti comprese le bonifiche di cui 150 già stanziati. Uno strumento che potrà attivare importanti investimenti privati all’interno di uno dei più rilevanti progetti di riconversione economica del territorio e di competitività del comparto siderurgico».
«Durante il dibattito il Pdl non ha partecipato al voto per l’impossibilità di approfondire il provvedimento che solo il giorno precedente alla seduta del consiglio è stato varato dalla commissione competente. Credo non sia il tempo delle polemiche, anzi, ringrazio l’ufficio di presidenza e i capigruppo dell’opposizione che hanno permesso la convocazione di un Consiglio d’urgenza che altrimenti sarebbe slittato a settembre ritardando la predisposizione degli atti per la realizzazione delle opere finanziate soprattutto del primo stralcio, funzionale al possibile accoglimento della Concordia – conclude Tortolini – Ora tocca al Governo approvare l’accordo di Programma per smobilitare le risorse previste dal decreto sulle aree industriali in crisi».
Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 28.7.2013. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 0 giorni, 21 ore, 9 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it