I GIOVANI-VECCHI E I VECCHI-GIOVANI

L’EDITORIALE                                   di Giuseppe Trinchini trinchini

_____________________________________________________________

Corriere Etrusco “numero 12” del 21 giugno 2013

Non basta l’età anagrafica per essere giovani, e questo (specialmente) in politica è più di una semplice verità. Ci sono giovani che sono anni che militano nei partiti senza avere mai espresso nulla di concreto; ci sono giovani che per anni hanno fatto da “galoppini” al  gruppo di potere di turno e questo è stato il loro migliore esercizio di militanza politica; ci sono giovani che sono cresciuti all’ombra dei soliti marpioni politici acquisendo la loro stessa mentalità, la loro stessa “grettezza” politica, il loro stesso agire “furbesco” che a poco più di trent’anni li ha di fatto resi già vecchi. Vecchi come i loro maestri/maestre che il tempo ha reso, politicamente parlando, come impresentabili al cospetto degli elettori.

Questi giovani, pur avendo trent’anni, poco più o poco meno, non sono giovani ma vecchi; vecchi nell’anima, nel loro muoversi, nel loro atteggiarsi da leader, nel loro pensare arguto, nel loro agire mediocre. Questi giovani-vecchi non sognano, non sono capaci di sognare. L’unica cosa che sono capaci di sognare è il potere, e non ambiscono a nulla se non alla mera fama incoronata dal semplice successo personale. Per essere giovani non occorre avere solo una buona data anagrafica, ma bisogna esserlo davvero, dentro la propria testa.

Dall’altra parte poi abbiamo invece i settantenni che si spacciano per il nuovo che avanza, di cui il nostro Silvione nazionale è l’esempio più plateale. Ma questi li trovi anche vicino casa, vestiti con la camicina attillata o la giacca alla moda nell’associazione locale di turno, cercando di spacciarsi ancora al passo coi tempi, ma incollati alla stessa poltrona da più decadi impedendo ai giovani, quelli veri, di crescere, creando di fatto, un buco generazionale e l’invecchiamento del volontariato locale. Una situazione questa che logora i pochi giovani che ancora hanno voglia di fare, facendoli allontanare dalla politica e dal terzo settore, mentre i “vecchi-giovani” sono tutti impegnati a “imbonire” i loro “giovani-vecchi”.

Giuseppe Trinchini

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 21.6.2013. Registrato sotto Editoriali. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 29 giorni, 9 ore, 20 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it