RIFONDAZIONE: STOP ALLA CRISI ISTITUZIONALE E POLITICA IN VAL DI CORNIA

rifondazione_2Riceviamo e pubblichiamo integralmente un comunicato sulla crisi istituzionale e politica che, secondo il partito, sta avvolgendo e disgregando tutta la Val di Cornia.

«In Val di Cornia si è aperta una profonda crisi istituzionale – inizia Rifondazione Comunista –  conseguenza della fine delle politiche di area e del fallimento degli obiettivi programmatici del PD, che fin dal 2009 aveva dichiarato di realizzare il Comune unico all’Elba e l’Unione dei Comuni in Val di Cornia. Né l’uno né l’altra si sono realizzati, anzi è rimasto sul terreno un cumulo di macerie. Dopo il referendum dell’Isola d’Elba che ha bocciato il comune unico, si prospetta un’altra debacle sul progetto di fusione Campiglia-Suvereto, che penalizzerebbe gravemente il Comune di Suvereto, decretando la scomparsa di una delle migliori realtà locali della Toscana.

La proposta di fusione Campiglia-Suvereto, la scelta di Piombino di abbandonare la provincia di Livorno per passare in quella di Grosseto, l’intesa tra San Vincenzo, Sassetta e Castagneto per le funzioni associate sono tutti aspetti che infrangono gli ambiti ottimali stabiliti dalla legge regionale 68 e che rappresentano altrettanti macigni sulla strada della ricostruzione di una coerente politica di area per assicurare servizi ai cittadini e opportunità ai territori. La crisi istituzionale è diventata anche crisi politica: il dibattito su questi temi sta mettendo a dura prova addirittura la leadership del Partito democratico, stretta tra la prepotenza di alcuni sindaci (Piombino, Campiglia, Suvereto), che vorrebbero a tutti i costi la fusione e il trasferimento di provincia, e le perplessità di alcune segreterie, a partire da quella di Federazione, e di altri sindaci (San Vincenzo, Sassetta) che invece lavorano giustamente per mantenere l’autonomia comunale pur collaborando con i comuni limitrofi. Da segnalare anche una incredibile discrasia tra il pd nazionale, che con 80 deputati ha presentato alla Camera un disegno di legge per la tutela e la valorizzazione dei comuni sotto i 5000 abitanti, mentre a livello locale lo stesso partito vuole chiudere il Comune di Suvereto.

Noi – continua il segretario di zona di Rifondazione Comunista – pensiamo che di fronte a scelte così rilevanti, che cambierebbero per molto tempo l’assetto istituzionale della zona, con conseguenze imprevedibili per i diritti dei cittadini, sia necessaria una pausa di riflessione, ripartendo dalla necessità di costruire un governo di area basato sul concetto “autonomi e insieme”, cioè salvaguardando le autonomie comunali e sviluppando la capacità di lavorare in collaborazione per l’esercizio delle funzioni amministrative e la gestione dei servizi.

Raccogliamo perciò le perplessità sollevate dal Segretario della Federazione del PD e peraltro in linea con quanto espresso dal nostro capogruppo al Comune di Piombino in occasione del voto sulla richiesta di cambio di provincia e chiediamo quindi di bloccare le procedure in corso per la fusione dei comuni e per il cambio di provincia, per affrontare la questione istituzionale in modo trasparente e partecipato tramite i programmi elettorali per le elezioni amministrative che si terranno nel 2014.

Questo – conclude Rifondazione – consentirebbe, invece di sventolare specchietti per le allodole, di concentrarsi sui problemi reali di un’area vasta che comprende anche l’Elba e che sono la grave crisi economica e industriale, l’aumento conseguente dell’area del disagio e delle povertà, la diminuzione dei sevizi a cominciare dalla sanità e lo sviluppo dei Porti di Piombino, Portoferraio e Rio Marina questioni da affrontare tutti insieme. Perché prendere decisioni non programmate e così impegnative con le amministrazioni locali a fine mandato? Sarebbe irresponsabile e avvantaggerebbe soltanto qualche sindaco».

Il Segretario

Alessandro Favilli

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 28.5.2013. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “RIFONDAZIONE: STOP ALLA CRISI ISTITUZIONALE E POLITICA IN VAL DI CORNIA”

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    60 mesi, 1 giorno, 1 ora, 52 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it