NOTIZIE DALLA COSTA ETRUSCA DEL 19 MAGGIO 2013

SAN VINCENZO: A RIMIGLIANO TORNANO I PARCHEGGI A PAGAMENTO

San Vincenzi (LI) – A San Vincenzo tornano i parcheggi a pagamento a Rimigliano, dal fosso Botro ai Marmi fino al confine con Piombino, compreso il piazzale della Torraccia. Il periodo del pagamento va dal 1° giugno al 30 settembre, dalle ore 8 alle ore 20, giorni festivi inclusi. E c’è una novità rispetto allo scorso anno.

I posteggi destinati alla sosta a pagamento saranno solo quelli lato mare: la decisione è stata proposta dal dirigente dell’area servizi generali Giorgio Ghelardini, alla luce della difficoltà oggettiva di disegnare gli stalli sulla banchina a lato monte. La giunta ha anche proposto degli interventi per facilitare la viabilità: la realizzazione di alcune rotatorie e di alcune aree di fermata per far scendere in sicurezza i passeggeri.

Come lo scorso anno saranno esentati i veicoli di forze di polizia, di amministrazioni pubbliche, dei residenti nel comune di San Vincenzo, di associazioni di volontariato, i portatori di handicap. Non dovranno pagare il parcheggi anche coloro che vanno al parco di Rimigliano in moto, bicicletta e ciclomotore. I residenti dei restanti comuni della Val di Cornia potranno invece usufruire della tessera “parking pass”, uno speciale abbonamento per la sosta nei parcheggi della costa per tutta la stagionale balneare in vendita al costo di 35 €. Altri abbonamenti speciali sono destinati agli ospiti di strutture turistiche e ai proprietari di seconde cose, situate nel territorio della Val di Cornia. Il costo orario della sosta a tariffa piena sarà di 1,30 €.

_______________________________

AL GATTAROSSA IL CONCERTO DI JAIMI FAULKNER

Piombino (LI) – Domenica 19 maggio dalle ore 18  al Gattarossa, situato a Calamoresca a Piombino si terrà il concerto di Jaimi Faulkner. L’ingresso è gratuito.

Jaimi Faulkner, un giovane australiano che non rimarrà inosservato per lungo tempo. Con solo chitarra e voce è in grado di creare un irresistibile performance, mescolando blues, soul, rock, folk, jazz in uno stile completamente personale. Allevato fin da piccolo con una dieta ricca di Blues, Country e Folk, all’età di appena 10 impara a suonare la chitarra dal suo vicino di casa (un famoso musicista di chitarra slide) ascoltando nastri di Muddy Waters e altri musicisti blues.

______________________________________

COPPOLA (UDC): «OLTRE LE PROVINCE, LUNGO IL SOLCO DIOCESANO»

Piombino (LI) – Luigi Coppola (UDC) commenta l’approvazione della delibera per il passaggio di Piombino dalla Provincia di Livorno a quella di Grosseto. Ricordiamo che Coppola si era astenuto dal voto. Riportiamo integralmente il suo intervento.

«Il Consiglio Comunale di Piombino ha approvato la delibera che di fatto porta Piombino verso la provincia Grosseto dando una risposta precisa al comitato sostenitore che aveva posto la questione raccogliendo le firme di molti cittadini.
Prendiamo atto del risultato conseguito da costoro che con pieno mandato hanno ottenuto il loro obbiettivo peraltro a larga maggioranza dei consiglieri presenti, nonostante qualche evidente mal di pancia ed ipotizzabile pressione.
E’ indubbio che Piombino abbia iniziato un percorso autonomo ed in solitudine, guardando oltre i rigidi territorialismi delle circoscrizioni provinciali tradizionali e non solo.

Pertanto ad oggi Livorno dovrebbe rappresentare il passato e così tutto il sistema dei rapporti consolidati negli anni come anche le strutture organizzative subordinate ai confini attuali. La motivata iniziativa del comitato Piombino verso sud entrava nel merito di urgenze rispetto a provvedimenti, come l’accorpamento delle province, del passato governo che oramai non sono più impellenti.

Oggi le condizioni sono cambiate e lo stesso Presidente del Consiglio Letta si è impegnato in prima persona a portare avanti ineludibili riforme di riassetto dello Stato, partendo proprio dall’abolizione definitiva delle province, delle quali da tempo è certificata l’inutilità. In virtù di ciò sarà fondamentale andare oltre la definizione amministrativa di limiti territoriali precisi e creare rapporti ad ampio raggio che mettano insieme le diverse realtà rispetto alle comuni vocazioni soprattutto nell’ambito economico.

Le territorialità diocesane in tal senso hanno da sempre tenuto conto di questo aspetto mantenendo i loro confini inalterati negli anni ed ancora oggi funzionali alle esigenze episcopali con una logica sociale, culturale ed economica.
La diocesi Massa Marittima-Piombino, che comprende la Val di Cornia, le Colline Metallifere  e l’Isola d’Elba è il perimetro naturale sul quale costruire un percorso post-provinciale con il quale la politica locale dovrebbe misurarsi, invece di rincorrere posizioni propedeutiche a disegni strumentali che non anno più senso, in quante le provincie sono oramai superate da tempo.

Il problema non è l’indipendenza da un capoluogo o da un altro, ma la costruzione di ambiti in cui sviluppare politiche di crescita per uscire dalla staticità di cui sono in parte responsabili coloro che fino ad oggi hanno governato con gli schemi degli ultimi 50 anni. Su queste questioni dovremo confrontarci in modo sereno e chiaro invece di aprire un dibattito superato che alla fine servirà solo a stimolare inutili divisioni e campanilismi strumentali ad esigenze di ogni genere, anche di tipo personalistico.

A fronte di ciò e delle diverse posizioni emerse nell’ambito del partito di maggioranza che ha responsabilità in tutti i livelli di governo locale  è  evidente una mancanza di sintonia fra le realtà limitrofi che hanno lungamente consentito un cammino comune nei rapporti sovra comunali.
In definitiva il risultato conseguito è stato quello di creare una netta divisione nella Val di Cornia ed ancor di più con l’Isola d’Elba ancor prima di prevedere assetti futuri che guardino oltre gli attuali confini provinciali oramai superati dalla storia ed ancor più dalla crisi economica».

Luigi Coppola

___________________________

CAMPIGLIA: TAGLIO DEL NASTRO AL MUSEO DEL MINEARALE

Campiglia (LI) – Taglio del nastro alla nuova sede del Circolo Mineralogico Toscano e del Museo del minerale. Finora la nuova sede del Museo del minerale di Campiglia era aperta e visitabile in via informale, da domani però si partirà in modo organizzato. Sabato 18 maggio alle ore 17,00 si è tenuta l’inaugurazione della Nuova sede del Circolo Mineralogico Toscano e del Museo, al piano terra del Palazzo Pretorio. Iniziative anche domenica 19 maggio.

Nell’occasione sono attesi esperti gemmologi e un famosissimo intagliatore di pietre dure e materiali pregiati per una conferenza. L’intagliatore è Tosco Ticciati che ha un laboratorio a Motaione (Fi) dove segue la tradizione avviata in Toscana nel 1588per volere del granduca Ferdinando 1° dei Medici. Le sue opere sono apprezzate a livello mondiale, dagli Emirati Arabi agli USA. Le pietre preferite sono malachite, lapislazzuli, porfido rosso egiziano, occhio di tigre e serpentina.

Questo il programma di domenica 19 maggio. Giornata dedicata a Campiglia e i suoi minerali con visita alla Miniera di Botro ai Marmi e Montorsi. Alle 9.00 ritrovo alla sede del Circolo Mineralogico per la registrazione dei partecipanti. Ore 9.30 partenza. Rientron previsto nel pomeriggio e pranzo al sacco. Percorso a cura del Centro Guide Costa Etrusca. Info: 3336133700 – 0565838073 – geoangiolo@alice.it

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 19.5.2013. Registrato sotto cronaca, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    54 mesi, 18 giorni, 7 ore, 24 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it