CAMPIGLIETO: «QUANTA CON-FUSIONE IN VAL DI CORNIA»

Il Capogruppo Massimo Zucconi

Il Capogruppo Massimo Zucconi

Dibattito appassionato quello organizzato dal Movimento 5 Stelle alla saletta comunale di Venturina per presentare ai cittadini le ragioni per il “sì” o per il “no” alla fusione tra Campiglia e Suvereto. C’erano esponenti delle giunte dei due Comuni e i rispettivi sindaci Rossana Soffritti e Gianpaolo Pioli che hanno illustrato quali siano le differenze tra l’associazione di funzioni, l’Unione dei Comuni e la fusione.

Mentre per la lista Civica Comune dei Cittadini più va avanti il dibattito sulla fusione tra i due comuni, più la decisione appare improvvisata e contraddittoria. Abbiamo chiesto il perché al capogruppo in consiglio comunale a Campiglia Massimo Zucconi.

In cosa consiste l’improvvisazione nella proposta dei sostenitori del SI’ alla fusione di Campiglia e Suvereto?
L’improvvisazione consiste nel non aver fatto nessun studio sulla fusione. I sostenitori snocciolano numeri sui contributi regionali e nazionali, ma non forniscono nessun dato sui costi della riorganizzazione che riguarderà, tra l’altro, anche l’unificazione dei tributi (IMU compresa) e la revisione dei documenti anagrafici. Tra i benefici della fusione annoverano la deroga temporanea al patto di stabilità (che hanno votato in parlamento) e annunciano investimenti per circa 7 milioni di euro senza dire che circa 4 milioni sono vincolati per insediamenti produttivi e piani di edilizia economica e popolare a Venturina la cui realizzazione, vista la crisi immobiliare, è quanto mai improbabile. Tutte cose che dovrebbero essere conosciute prima di chiedere ai cittadini di esprimersi con un si o con un no, altrimenti tutto ha il sapore della propaganda che li riduce a sudditi inconsapevoli.

Ma così non si risparmia nei costi della politica risparmiando i costi di una intera giunta?
La propaganda la si avverte anche sul delicato tema dei costi della politica. Problema serissimo, da aggredire, ma non certo partendo dai piccoli Comuni che non eccedono certo in gettoni di presenza e indennità per i sindaci. Ma ora anche questo è argomento da spendere perché con la fusione si “risparmia un sindaco”, omettendo di dire, però, che il nuovo Comune supererebbe i 15.000 abitanti con obbligo di prevedere, oltre al Sindaco, un presidente del consiglio comunale che, come ricorda l’ex sindaco Gasperini “avrebbe costi più alti dell’attuale sindaco di Suvereto e consiglio comunale”.

La soluzione quindi quale sarebbe secondo la vostra lista civica?
La contraddizione è proprio qui: i nostri problemi, dal lavoro ai servizi, hanno tutti bisogno di una programmazione estesa almeno alla Val di Cornia. Invece, per manifesta incapacità di chi ha governato, assistiamo alla sua diaspora: Piombino chiede di entrare da solo nella Provincia di Grosseto quando il governo dichiara di voler sciogliere le province; San Vincenzo e Sassetta associano le funzioni con Castagneto e Bibbona; Campiglia e Suvereto hanno deciso la minifusione dopo aver respinto la proposta della fusione di tutti i Comuni della Val di Cornia perché gli avrebbe fatto perdere l’identità. La realtà è che siamo di fronte ad una decisione regressiva, frutto di divisioni, pensata frettolosamente dopo il fallimento della sovracomunalità. La nostra proposta è nota: ripartire dall’Unione dei Comuni della Val di Cornia che consente contemporaneamente di affrontare i problemi di quelli piccoli e di far svolgere a tutti un ruolo più incisivo nella risoluzione dei tanti problemi di questi territori.

Andrea Fabbri

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 17.5.2013. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 21 giorni, 11 ore, 35 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it