SOPRAVVIVERE ALLA CRISI VIVENDO ALLA GIORNATA

L’EDITORIALE                                   di Giuseppe Trinchini trinchini

_____________________________________________________________
Corriere Etrusco “numero 2” del 12 aprile 2013

«La crisi economica si sta abbattendo come una scure sul potere di acquisto anche nella nostra provincia. Le difficoltà delle nostre famiglie per “arrivare alla fine del mese” affollano giornali e televisioni di ogni colore e orientamento. L’andamento costantemente negativo dell’economia del nostro paese, ha fatto sì che le famiglie oggi siano in difficoltà anche ad effettuare gli acquisti della terza settimana.

Una condizione che spinge le persone alla “sindrome del day by day”, a vivere alla giornata insomma, senza alcuna previsione per un futuro, anche solo a breve termine, e con la consapevolezza di doversi barcamenare nel quotidiano. A questo si è aggiunto, o si aggiungerà a breve, per molti lavoratori un drastico taglio delle ore o peggio la perdita del posto di lavoro, che aggraverà ulteriormente la loro già precaria situazione.
Due giorni fa è arrivata alla nostra redazione una lettera dai “Disoccupati Organizzati di Cecina” chiaro esempio della crisi che colpisce anche la provincia di Livorno.

«Quest’anno 16 lavoratori dentro l’uovo di Pasqua hanno trovato la lettera di licenziamento. Si tratta di 12 lavoratrici della DUSSman di Poggio Gagliardo (in Val di Cecina) che sono state licenziate in tronco il 31 marzo e di 4 lavoratori della coop sociale COMIL (nel Mugello), licenziati lo stesso giorno dopo 15 mesi di Cassa Integrazione. Le motivazioni sono che c’è la crisi, non c’è lavoro e sono costretti a ridimensionare l’organico, ma in realtà danno in sub-appalto a peggiori condizioni lavorative e sobbarcando di lavoro extra chi rimane costringendoli a pericolose e forsennate modalità di lavoro, in barba al contratto nazionale dei lavoratori. Anche questi due episodi dimostrano che il lavoro da fare c’è: i Sindaci devono schierarsi e insieme ai sindacati devono fare la loro parte per trovare soluzioni concrete istituendo “Tavoli per il lavoro”».

Perché sta accadendo tutto questo? Le responsabilità vanno cercate tra chi “ieri” doveva svolgere un azione preventiva di intermediazione, e invece “oggi” è buono solo a strapparsi le vesti dopo che i buoi sono scappati…».

Giuseppe Trinchini

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 12.4.2013. Registrato sotto Editoriali. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 18 giorni, 12 ore, 57 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it