LIVORNO: BANDA DI RUMENI DEDITI AI FURTI DI GENERI ALIMENTARI

La merce recuperata

La merce recuperata

Nel pomeriggio di martedì, su segnalazione del personale addetto alla vigilanza, le volanti intervenivano presso l’Ipercoop, dove era stato notato un gruppetto di circa quattro persone, tre uomini e una donna, che si aggiravano tra gli scaffali del reparto gastronomia  con fare sospetto. Arrivati a una delle casse, uno di loro pagava soltanto una bottiglia di coca cola e un pacchetto di biscotti Ringo, quindi, subito dopo veniva fermato dall’addetto alla vigilanza il quale gli chiedeva di mostrare anche il contenuto dello zaino che risultava contenere 73 bustine di pinoli per un valore complessivo di euro 382,52. L’uomo insieme ai suoi due complici che lo avevano aiutato a riempire lo zaino veniva fermato in attesa della polizia. I tre, tutti rumeni, di età compresa tra i 30 e i 35 anni, venivano quindi denunciati a piede libero per furto aggravato in concorso. 

All’uscita dal supermercato un’altra pattuglia della polizia, presente in zona, notava che il gruppetto mentre si incamminava verso via di Padula, ad un certo punto, tornando suoi propri passi, si dirigeva in direzione di Decathlon, dove si aveva modo di scorgere la quarta persona mancante  a bordo di un’autovettura parcheggiata in quella zona. Avvicinatisi alla stessa, gli operatori immediatamente si accorgevano che la persona a bordo corrispondeva al quarto uomo descritto dalla guardia giurata come colui che era riuscito ad allontanarsi dal supermercato. Durante il controllo del mezzo, all’interno della bauliera, venivano rinvenuti decine e decine di articoli alimentari e non, tra cui diversi pezzi di formaggio parmigiano reggiano e grana padano, diverse confezioni di, prosciutto crudo sottovuoto, shampoo, rasoi ed altro, la cui quantità, in rapporto agli scontrini in loro possesso tutti corrispondenti a cifre molto basse, faceva presumere una sospetta provenienza di tutta la merce.

Accompagnati in ufficio, si procedeva al fotosegnalamento di tutto il gruppo e a contattare diversi supermercati di Livorno e di tutte le altre città limitrofe,della Toscana e della Liguria, da cui sembra provenissero i rumeni. In questo modo si riusciva a rintracciare il titolare del discount Dico di Sarzana, il quale effettivamente aveva scoperto da poco di aver subito il furto di alcuni pezzi di formaggio (circa 35 pezzi in totale), allo stesso modo anche un supermercato Conad di Sarzana confermava un furto di salumi. Invitati a formalizzare la denuncia, la merce riconosciuta veniva quindi riconsegnata agli aventi diritto.

Anche il quarto rumeno, di età compresa tra i 30 e i 35 anni, veniva quindi denunciato a piede libero per furto aggravato in concorso e ricettazione.

Sono ancora in corso accertamenti al fine di risalire ai legittimi proprietari della restante merce sequestrata che si presume sia stata asportata in qualche supermercato presente sulla tratta compresa tra Genova e Livorno.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 14.3.2013. Registrato sotto cronaca, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 25 giorni, 1 ora, 10 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it