CAMPIGLIA M.MA: «MA QUANDO FINISCONO I LAVORI NELLA PIAZZA DAVANTI LA STAZIONE?»

campiglia_marittima_stazioneRiceviamo, e con la speranza che il principale snodo ferroviario della Val di Cornia smetta di essere un cantiere dopo 12 anni, pubblichiamo dalla lista civica “Comune dei Cittadini”.

«Da una valutazione superficiale si potrebbe dedurre che questa lista civica sia veramente incontentabile e che qualsiasi decisione prenda e attui l’amministrazione campigliese, i consiglieri d’opposizione siano sempre pronti a cercare l’ago nel pagliaio per attaccare la maggioranza.

Ma per valutare con oggettività le critiche mosse dalla nostra lista basta mettersi nei panni dei cittadini, di quei cittadini, in questo caso, a cui, da circa due mesi, è negato l’accesso al piazzale della stazione e a cui da più di dieci anni è reso impossibile posteggiare l’auto in un parcheggio decente. Certo, i disagi relativi all’accesso al piazzale sono oggi dovuti ai lavori di riqualificazione; ma potevano essere progettati meglio? Si poteva evitare che le persone che devono prendere l’autobus non fossero per mesi costrette ad uscire di corsa dalla stazione per non rischiare di perderlo? A nostro parere si e sarebbe stato facile.

Partiamo dalla constatazione che i suddetti lavori di riqualificazione interessano un’area particolarmente vasta. Aggiungiamo che il numero degli operai presenti quotidianamente sul cantiere, le più volte tre, a volte quattro, suggerirebbe di procedere per piccoli lotti e, una volta terminati, lavorare ai successivi. Non è stato fatto; i lavori sono iniziati nell’area dell’ex scalo merci, dove non sono completamente terminati, e successivamente si è demolito interamente il piazzale antistante la stazione. Come ha detto una persona che lavora in loco: “A smantellare tutto, anche in tre persone, si fa presto. Il problema è ricostruire”.

Procedere per piccoli lotti avrebbe sicuramente evitato gli ingorghi che si creano nelle ore di punta, l’isolamento quasi totale di alcune attività commerciali, l’allontanamento delle aree di sosta per bus e taxi. Inoltre, in un interpellanza presentata in Consiglio Comunale nel Giugno del 2012, chiedemmo al Sindaco quale fosse, vista la sospensione dei lavori che ci fu ad inizio anno, la data prevista per la loro fine ma non ci fu data risposta.

Inoltre, visto che l’amministrazione non ci nega mai questa opportunità, merita qualche osservazione anche il parcheggio previsto dietro l’hotel “I 5 Lecci”. Il 29 Novembre scorso, in Consiglio Comunale, è stata approvata una delibera che prevedeva che le opere di urbanizzazione primaria sono in fase di ultimazione e che entro la data del 31 dicembre 2012 avrebbero dovuto concludersi improrogabilmente; un’altra promessa caduta nel vuoto.
Detto ciò, saremmo veramente felici, noi del Comune dei Cittadini, e probabilmente anche molti cittadini, se l’amministrazione volesse concederci il privilegio di conoscere la data di ultimazione dei lavori di riqualificazione della piazza e la data da cui sarà possibile utilizzare lo storico parcheggio in costruzione da quasi dodici anni. Dopo il silenzio in Consiglio auspichiamo che con questo invito pubblico l’amministrazione degni i cittadini di una risposta precisa».

Daniele Scafaro
Consigliere CDC

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 28.1.2013. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 22 giorni, 0 ore, 59 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it