COMUNE DEI CITTADINI:«UN ANNO DI CAOS PER PARCHI E TURISMO»

la Val di Cornia

Riceviamo e pubblichiamo integralmente dal Comune dei Cittadini, che fa il punto sullo stato del turismo e della gestione dei parchi della Val di Cornia, dopo un 2012 che ha apportato diversi cambiamenti.

«Spendono 200.000 euro per farsi dire dalla Scuola Superiore S.Anna che il destino della Val di Cornia passa dal rilancio di parchi, agricoltura, turismo e produzioni industriali innovative e poi si comportano in modo opposto.

Che la società Parchi è stato un modello virtuoso lo hanno ripetuto, anche di recente, studiosi inglesi e americani. Ma anche questo non serve. Nel Consiglio Comunale di Campiglia sono venuti al pettine i nodi di un anno caotico nel quale i Comuni hanno dimostrato incapacità amministrativa e assenza di visione strategica, proprio nel settore dei parchi e del turismo. I fatti ce li ha raccontati il Sindaco di Campiglia e ci sembrano chiarissimi.

Alla fine del 2011 il Comune di Piombino, per proprie ragioni di bilancio, decide di sottrarre alla società Parchi le entrate dei parcheggi dei parchi della Sterpaia e di Baratti, per circa 1,2 milioni. Una decisione in contrasto con la convenzione in vigore per la gestione associata dei parchi, approvata dai Consigli Comunali nel 2002. Per compensare la sottrazione dei parcheggi, a febbraio 2012 i Sindaci si sono impegnati a versare alla Parchi contributi per 1,2 milioni (contro i 450.000 euro del 2011) con criteri diversi da quelli previsti dalla convenzione in vigore. La decisione viene messe in opera ugualmente senza che nessun atto sia stato modificato. A settembre, a stagione turistica conclusa, i Sindaci annunciano che non ci sono più le risorse promesse. Mancano 190.000 euro e invitano la società ad agire di conseguenza, riducendo gli organici. I primi effetti sono che parchi e musei restano chiusi in bassa stagione, contrariamente a quanto servirebbe per destagionalizzare il nostro turismo.

Basterebbero questi dati per denunciare contraddizioni programmatiche, irregolarità amministrative e risultati negativi. Ma il 2012 è stato anche l’anno della tassa di soggiorno che, nelle enunciazioni, doveva servire a sostenere proprio i parchi e il turismo della Val di Cornia. I dati parlano chiaro: nonostante la tassa, sono state tolte risorse ai parchi e al turismo… Insieme al disordine amministrativo deve poi essere evidenziata l’umiliazione del ruolo dei Consigli Comunali. Le decisioni sono state prese dai Sindaci all’inizio dell’anno e messe subito in opera.

Al Consiglio Comunale di Campiglia, al quale spettavano le decisioni, è stato chiesto di ratificarle il 19 dicembre, quando tutto era già accaduto. Per di più le decisioni prese, tra cui i criteri di ripartizione delle spese, risultano ancora in contrasto con la Convenzione del 2002 che regola la gestione associata dei parchi. Ce n’è a sufficienza per dire che è stato dato prova di come si può far male alla Val di Cornia, umiliando le istituzioni e danneggiando l’economia reale».

Comune dei Cittadini

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 21.12.2012. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “COMUNE DEI CITTADINI:«UN ANNO DI CAOS PER PARCHI E TURISMO»”

  1. sasso indigesto

    La partitocrazia crea e distrugge, il delirio di onnipotenza dei partitocrati non conosce limiti.

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 24 giorni, 10 ore, 40 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it