DANILO FIORE COMMENTA LA LETTERA DEL SENATORE FILIPPI SULLA TIRRENICA

Tutto pronto per pagare a Rosignano.Danilo Fiore in una lettera aperta risponde a titolo personale alle affermazioni (post “Report”) del Senatore del PD Marco Filippi (che potete leggere integralmente premendo su questo link) che pone molti dubbi sull’Autostrada Tirrenica, dicendo di fatto che realizzata così non serve, ricordandogli che «come al solito dobbiamo sorbirci la doppiezza incoerente di coloro che per anni hanno beatificato una falsa “opera strategica”, salvo poi, cambiato il vento, osare di venirci a chiedere a cosa serva questa autostrada».

Leggiamo la lettera integralmente ricordando con l’occasione ai lettori che l’altro rappresentante del nostro territorio, la vice presidenti della commissione trasporti Silvia Velo, invece sull’argomento ancora non si è ancora pronunciata.

«Che l’autostrada Tirrenica diventasse orfana, era cosa risaputa fra i contestatori della “superstrada a pagamento”. Si trattava di capire quando sarebbe accaduto. Mai avrei immaginato che essa avrebbe perso la paternità del PD e la maternità del PDL durante la costruzione dei suoi primissimi chilometri a caselli ancora aperti. Mi viene da chiedere su quale isola sperduta abbia sonnecchiato il senatore del PD Marco Filippi se è vera la sua recente dichiarazione… Sinceramente sono molto infastidito del duplice atteggiamento opportunista dei rappresentanti del Pd, non è certo una novità… Al solito dobbiamo sorbirci la doppiezza incoerente di coloro che per anni hanno beatificato una falsa “opera strategica”, salvo poi, cambiato il vento, osare di venirci a chiedere a cosa serva questa autostrada. Ma voi del PD pensate veramente che la gente porti l’anello al naso ???!!!

La vicenda Tirrenica penso farà scuola sul nostro pianeta: un’opera avanzata a braccio, fondata non su un progetto, ma su di un progetto “dinamico”, da cambiare ad uso e consumo della Sat e degli interessi che stanno dietro; un esproprio a beneficio di pochi privati, senza un piano finanziario serio la cui copertura cade direttamente sulle spalle dei cittadini; uno schiaffo alla salute dei residenti costretti a respirare il traffico spostato sulle strade gratuite; un’opera che lascia intatte le problematiche a sud di Grosseto, sebbene già ponderate da almeno un ventennio nel progetto di superstrada  dell’Anas… Un’opera che non andava fatta e basta, indipendentemente dalle complanari promesse con un tratto di pennarello alla lavagna.

Onorevole Filippi, la sua impraticabile proposta di un concorso d’idee o di un contest europeo alla ricerca di qualche nuova società che “adotti” l’orfana Tirrenica, conferma solo l’assurda ricerca di una inesistente exit strategy per farvi salvare la faccia. Non si illuda, l’unica strada che forse vi farà guadagnare qualche punto rimane il blocco immediato della Tirrenica.

Dopo quel che è successo e lo schifo che avete perpetrato sulla pelle dei cittadini, dovreste prima bloccare tutto e poi dimettervi all’istante, senza scusanti. Ancora sinceramente spero che personaggi come voi vengano spazzati via alle prossime elezioni, senza se e senza ma, come oggigiorno va tanto di moda articolare… E sia chiaro che lo stesso sentimento, se non di più, lo nutro anche per i suoi attuali oppositori. Siamo stanchi di subire inciuci e lo dimostreremo a breve bloccando l’autostrada a suon di manifestazioni!»

 Danilo Fiore – un (pure troppo) moderato cecinese

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 8.6.2012. Registrato sotto Foto, Lettere, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

3 Commenti per “DANILO FIORE COMMENTA LA LETTERA DEL SENATORE FILIPPI SULLA TIRRENICA”

  1. Andrea Serni

    Sicuramente visto la noizia di oggi 45 km all’ andata e 45 al ritorno gratuitifara’ dire a qualche partito politico di aver lavorato bene ; e che noi siamo troppo avventati anche se magari prima hanno cercato di far passare tutto sotto silenzio e di farci trovare l’opera finita .
    come erano disposti ad accettare i 20 km e o meno mettendo anche forze in campo x far digerire la cosa ,anche perche le richieste che venivano fatte erano vaghe tese a vedere fino dove potevano arrivare x non mettersi contro tutta la piazza ,ma la protesta montava e non si sono presi la responsabilita’ di tutta l’ operazione e hanno dovuto rialzale l’asticella della trattativa .
    Mi chiedo pero’ quale sarebbe stato il punto di incontro se non ci fosse stata tutta questa protesta ,di sicuro a ribasso ,anche se ora cercheranno di prendersi i meriti di questo primo risultato ottenuto .
    Ma questo e’ un giochetto che non ci crede piu’ nessuno.

  2. ASTUTO CACCIATORE

    “Ma voi del PD pensate veramente che la gente porti l’anello al naso ???!!!” Ebbene, SI

  3. Andrea Serni

    Non credo che ti riferisca a me col PD ma provo a integrare quello che ho scritto : Ammesso che ci siano i 45 km gratis (da dimostrare) tutto ha un sens
    o se ci mettono insieme tutta la 398 a compensazione dei km gratis che abbiamo e ci tolgono.
    Senza quella compensazione sarebbe come se un rapinatore ti prendesse solo mezzi soldi e dovremmo essere anche contenti!

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 25 giorni, 5 ore, 58 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it