MOSCI: ILLEGITTIME LE MODIFICHE DI GIUNTA SULLA TASSA DI SOGGIORNO

Piombino (LI) – Cresce il malcontento dentro la maggioranza in consiglio comunale a Piombino. Lo testimonia il fatto che da più parti si sente mormorare che la giunta ormai stia operando considerando il consiglio comunale come se fosse un incidente di percorso ( lo testimoniano i 10/11 voti a favore della variante di bilancio del 25 maggio sui 22 voti della maggioranza completa e sui 16 necessari per governare la città).  Oggi è il turno nuovamente della tassa di soggiorno. Marco Mosci, consigliere IDV replica ad un articolo apparso sul tirreno di sabato 26 maggio e fa notare che è illegittimo derogare ad un regolamento votato in consiglio.

«L’Italia dei valori  – inizia Marco Mosci – prende atto dalla stampa della decisione di giunta di scontare a 50 centesimi la tassa per i lavoratori “dipendenti”. Questa notizia ci pare davvero curiosa, la città e la giunta sanno che l’Idv dette un voto di astensione alla tassa di soggiorno chiedendo 3 emendamenti che il sindaco e il PD hanno rifiutato votando fermamente contro:

il primo chiedeva di dare un indirizzo di spesa alla tassa, al voto contraio del PD in aula è seguito un ordine congiunto della maggioranza che destinava questi soldi alla società parchi.

il secondo chiedeva di esonerare dalla tassa i lavoratori….ma tutti, anche quelli che hanno la sfortuna di avere contratti atipici, anche qui voto fortemente contrario e poi delibera di giunta.

Il terzo chiedeva di aspettare un anno ad istituire la tassa a causa della crisi che si abbatte sull’economia e sul fatto che potrebbe incidere ancora più negativamente sulle presenze. A questo punto ci aspettiamo che ormai a fine stagione ci sia un ripensamento della giunta e del pd che si scusano con tutti gli operatori per aver ulteriormente contribuito a diminuire il lavoro degli stessi.

Colgo l’occasione – conclude Mosci –  per far notare agli operatori, e anche alla giunta stessa ,che non è assolutamente  legittimo che la giunta modifichi o deroghi un regolamento votato in consiglio comunale, cosa ben specificata anche dal segretario generale durante il dibattito, per questo credo che per la giunta e gli operatori sia il caso di informarsi molto bene. Riguardo a questa deroga e alla sua applicabilità faremo comunque un interpellanza urgente in modo da mettere gli operatori in condizioni di sapere come comportarsi».

Mosci marco
IDV – Piombino

_________________________

Tratto da IL TIRRENO del 26-05-2012

Uno sconto sul soggiorno a chi è in città per lavoro
di Cecilia Cecchi

PIOMBINO – Ridotta a 50 centesimi la tassa di soggiorno per i dipendenti che si trovano a Piombino per lavoro. Con una delibera la giunta Anselmi è venuta incontro – quanto possibile – alle richieste degli albergatori. Da considerare che qui gli hotel sono soprattutto a 3 o 4 stelle e che dunque la tassa di soggiorno è pari rispettivamente a 1 euro e cinquanta o 2 euro al giorno. Passo importante che è già stato approfondito dagli assessori Giuliani e Pallini durante una riunione col consigliere Amerini (Fli) e col già presidente del nascente comitato che riunisce alberghi di Piombino città Alberto Mariani (hotel Esperia). Incontro dedicato alla situazione turistica e problemi connessi proprio all’istituzione della tassa di soggiorno.

«Questa tariffa giornaliera unica per i soggiorni dei lavoratori di 50 centesimi – commenta Mariani – è una scelta valida. In questo modo gli amministratori ci hanno ascoltato, accogliendo positivamente le nostre richieste. E c’è l’impegno – aggiunge Mariani – di cercare di eliminarla, almeno in quest’ambito, con l’inizio dell’anno prossimo». «È stato spiegato – prosegue Mariani – che i fondi derivati saranno necessari alla Parchi. Però gli assessori avevano ben chiaro quanto per i trasferitisi o per le piccole ditte, spesso individuali , in un momento così difficile, potesse essere pesante sostenere cifre aggiuntive per i soggiorni. C’è accordo anche sulla necessità di un sempre maggiore impegno da parte di tutti , amministratori e operatori, per il bene di tutti». Per i soggiorni dei dipendenti sarà applicata la tariffa “a sconto”, ma la presenza in città dovrà essere certificata a cura del datore di lavoro e del lavoratore stesso.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 27.5.2012. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “MOSCI: ILLEGITTIME LE MODIFICHE DI GIUNTA SULLA TASSA DI SOGGIORNO”

  1. Andrea Serni

    Credo che gli articoli usciti non colgano il senso di quello che voleva dire Marco e mettano troppo l’accento sul vizio di forma dell’atto della giunta ; da lui citati solo x far capire che x rimediare ad un provvedimento alla fine risultato sbagliato anche nei loro giudizi (dal momento che si cerca di cambiarlo anche in modo non regolare) sarebbe bastato ascoltare e valutare piu’ quello che era stato proposto su quella tassa dagli alleati e capire che quella era una posizione di buon senso ,e non dandoci ragione cambiandola nella nostra direzione dopo che ci hanno costretti in consiglio comunale ad astenerci x non votar addirittura contro.

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 24 giorni, 13 ore, 31 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it