MOSCHINI: ALLARMANTI CONFERME PER LA CRISI DELLE AREE PROTETTE MARINE

Riportiamo una lettera di Renzo Moschini sulla crisi delle aree naturali marine, e le possibili soluzioni al problema.

La situazione di crisi delle aree protette marine registra  ormai ogni giorno di più allarmanti conferme. Ultima in ordine di tempo la lettera del presidente di Federparchi Sammuri al ministro Clini per chiedere solleciti interventi per evitarne la chiusura. Ma la vicenda del Giglio e i bidoni avvelenanti dell’Arcipelago Toscano avevano già drammaticamente evidenziato la stato preoccupante del Santuario dei cetacei di cui recentemente si è discusso all’Accademia Navale di Livorno con la regione Toscana e Ligure.

D’altronde già da diversi anni la crisi delle aree protette marine è oggetto di denunce a tinte forti che hanno parlato ora di stato preagonico, di rischio chiusura tanto che si era riusciti a mettere in crisi persino situazioni come quella di Ustica una delle poche aree protette insieme a quella di Miramare funzionante. Tanto è vero che si pensò circa tre anni fa  per porvi rimedio ad una nuova legge dedicata appunto esclusivamente alle aree protette marine  testo poi rapidamente e frettolosamente esteso anche alle altre. Si trattò come in pochi denunciammo allora di una operazione doppiamente provocatoria sia perché attribuiva alla legge quadro responsabilità e inadempienze dovute unicamente ad una gestione ministeriale pretenziosamente centralistica  avviata subito dopo l’entrata in vigore della 394 e mai più abbandonata sia perché come vedemmo dal primo testo del Senato ne approfittava per rincarare la dose con  una gestione ancor più rovinosa.

E siccome siamo alla vigilia di alcuni appuntamenti politico-istituzionali e culturali importanti compresi  alcuni rinnovi di presidenze come al parco dell’Arcipelago Toscano, il Congresso di Federparchi, l’incontro di maggio  del Gruppo di San Rossore sarà  bene ricordare alcuni passaggi e precedenti che sembrano essere spariti nel nulla e dimenticati. E da ricordare è innanzitutto che delle aree protette marine prima ancora della legge 394 si era occupata la legge sul mare che non a caso riguardava e riguarda le nostre coste da allora non più considerate esclusivo affare dello stato e in riferimento unicamente alla difesa. Quella legge sottoponeva, infatti, le coste ad una politica ambientale della stato e delle regioni che avrebbero dovuto provvedere ai piani costieri regionali per frenare la speculazione che aveva già divorato chilometri  e chilometri di coste e di dune. Legge che prevedeva anche la istituzione di aree protette marine sia pure gestite senza quei criteri di coinvolgimento istituzionale che avrebbe poi introdotto la legge 394.

Una legge che in Commissione Affari Costituzionali della Camera aveva visto una conclusione mal digerita e non condivisa dal ministro della Marina Mercantile Calogero Mannino che la considerò troppo di manica larga nei confronti delle regioni (tanto per cambiare). La legge 394 estese questa competenza regionale  anche ai parchi marini nazionali e nei brevi tratti di costa prospicenti con proprie aree marine. Era inoltre stabilito che se le aree protette marine erano confinanti con un parco terrestre ad esso doveva esserne affidata la gestione. Ma evidentemente non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire e così Ronchi con il pretesto che il parco di Portofino era ora regionale e non più nazionale l’area marina decise di affidarla ad un Consorzio separato dal parco.

Questa decisione e la sua motivazione fu considerata qualche anno dopo del tutto infondata dalla Corte dei Conti sia in riferimento alla 394 ma anche alla 426 ma il ministero continuò ad infischiarsene. E’ a quel punto che Federparchi d’intesa con la Regione Marche decise di costituire un proprio strumento CIP (coste italiane protette) che facendo base al Parco del Conero elaborò posizioni e proposte raccolte in libri e documenti che coinvolsero tra tanti altri il prof Greco che era stato l’artefice principale della legge sul mare. Ed è a nome di CIP e quindi di Federparchi che alla seconda Conferenza nazionale dei parchi di Torino  presentai quelle nostre idee nella sezione dedicata alle aree protette marine presieduta dall’allora direttore del ministero Cosentino. Ricordo che dopo di me parlò il comandante della Capitaneria di Porto di Genova che esordì dichiarandosi d’accordo con quanto avevo detto e cioè che la gestione delle aree protette marine doveva riguardare soprattutto le istituzioni a partire da quelle locali. Il documento finale della Conferenza incluse CIP tra quegli obiettivi già presenti nella legge 426. Purtroppo poi non se ne fece di nulla come non si fece di nulla di altre proposte che anche come Centro studi Giacomini avanzammo ad esempio in un incontro al parco della Maddalena a cui intervenne anche l’attuale ministro Barca allora da poco sbarcato al ministero di Ciampi. Ma a tutto questo abbiamo dedicato recentemente un tosto volume sulle aree protette marine della Collana ETS curato da Fabio Vallarola direttore dell’area marina Torre del Cerrano discusso anche in un incontro in San Rossore un po’ di mesi fa.

Venendo all’oggi e agli appuntamenti ravvicinati che ci aspettano non si può non ripartire dagli sconcertanti silenzi che continuano su un testo che ai primi articoli ha addirittura previsto di cancellare il riferimento della 394 ai brevi tratti di costa prospicienti che specie dopo il Giglio appare addirittura provocatorio e irresponsabile. Insomma niente pi camera con vista sul mare per le regioni. Ora mi chiedo come sia  possibile non dire nulla su questo come nulla fu detto quando l’UPI prima e poi Calderoli proposero l’abrogazione e scioglimento dei parchi regionali. Non ho dimenticato che all’ultimo congresso di Federparchi a Roma ne parlai solo io a nome di Legautonomie. Il tutto fece da battistrada e si accompagnò alle prime sconcertanti  sortite della Prestigiacomo su poltronismo, privatizzazione che al momento restano le sole idee –si fa per dire- in circolazione. E non  è meno sorprendente  che né al Senato né nei vari incontri dedicati al ventennale della legge quadro non un parola sia stata dedicata al ministero, alla sua struttura priva ormai da anni di qualsiasi sede, strumento e tavolo dove i parchi possano fare la loro parte come possono farla comuni, province e regioni peraltro neppure consultati al Senato. Si è discusso recentemente del ruolo della scienza in rapporto alla gestione dei parchi e delle aree protette ma il ministero non ha più riunito la Consulta Tecnica da anni tanto che il prof Sandro Pignatti mi ha espresso tutta la sua amarezza per essere stato a suo tempo designato a farne parte ma di non essere mai stato convocato. O meglio, dopo essere stati convocati per discutere alcune banalità ed avere perciò proposto di mettere all’odg cose più importanti venne meno anche qualsiasi convocazione.

Speriamo che questa volta nessuno faccia lo gnorri (finga di non sapere, ndr.)».

Renzo Moschini

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 3.5.2012. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    42 mesi, 20 giorni, 10 ore, 34 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it