NOTIZIE DALLA COSTA ETRUSCA DEL 17 FEBBRAIO 2012

WWF: NESSUNA TRANQUILLITÀ FINCHÉ TUTTI I FUSTI TOSSICI NON SARANNO RECUPERATI ALLA GORGONA

Il WWF esprime viva apprensione per l’incidente occorso il 17 dicembre 2011 all’Eurocargo della Compagnia Grimaldi Lines che ha causato la dispersione in mare al largo dell’Isola della Gorgona di alcuni fusti contenenti materiale altamente tossico. La contaminazione dell’ecosistema marino potrebbe essere molto grave e la popolazione non potrà tranquillizzarsi finché tutti i bidoni non saranno recuperati integri.

Abbiamo appreso dai media che il piano di recupero, affidato da parte della Grimaldi alla Società Castalia, è partito, e che il materiale sarebbe già stato localizzato, tuttavia le notizie a disposizione nostra e della cittadinanza continuano ad essere frammentarie. E’ stato davvero difficile in questi due mesi cercare di essere informati sulla vicenda sia come cittadini che come associazione ambientalista tra ritardi e dati continuamente modificati.

Il WWF, nelle sue sedi locali, regionali e nazionali sta seguendo con attenzione la vicenda e ha inviato a tutte le autorità competenti lettere con cui chiede chiarimenti, informazioni e garanzie sull’iter avviato per il recupero e soprattutto sulle procedure che dovranno verificare eventuali contaminazioni. Valuteremo le risposte che ci saranno fornite.

Inoltre chiede al più presto di lavorare all’attuazione di strategie che possano evitare nel futuro incidenti di questo tipo: aumentando ad esempio il numero e l’estensione delle aree interdette al traffico marittimo pericoloso e rendendo più sicure le modalità di controllo delle rotte e dei materiali trasportati,  in un’area come la nostra che vede la presenza delle aree marine protette dell’Arcipelago Toscano, della Meloria oltre che del Santuario dei Cetacei.

La fiducia nelle Istituzioni che devono proteggere e tutelare il nostro mare nonché la salute pubblica e la nostra sicurezza è stata messa a dura prova in questi ultimi mesi. Chiediamo garanzie non astratte per affrontare un futuro nel quale sono previsti progetti, su tutti il rigassificatore, che attrarranno ancor di più traffici marittimi potenzialmente pericolosi.

WWF Toscana

______________________________

UDC: GRAVE ERRORE LA TASSA DI SOGGIORNO IN VAL DI CORNIA

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

«I comuni della Val di Cornia si apprestano ad introdurre la “tassa di soggiorno” ed al più presto i diversi Consigli Comunali approveranno il regolamento per l’introduzione.

Al di là delle legittime perplessità avanzate dalle categorie economiche e dalle diverse forze politiche in merito a questa nuova imposta, è evidente che è troppo tardi per introdurre un ulteriore balzello alle tariffe delle attività ricettive, in quanto i listini prezzi sono già stati pubblicati.

La stagione è alle soglie e molte attività hanno già iniziato a ricevere le prenotazioni, quindi, anche se possono esserci a maggio delle modifiche ai prezzi già dichiarati, gran parte delle prenotazione confermate con caparra avranno già dei costi del soggiorno stabiliti.

Pertanto, dovranno essere gli operatori a sobbarcarsi l’onere di una parte della tassa di soggiorno, il che in un momento di difficoltà economica con un inizio di stagione con molte incognite, potrebbe gravare pesantemente sulle aziende del settore turistico.

Oltretutto, tale imposta è facilmente evitabile, per come verrà strutturata l’applicazione, da coloro che affittano appartamenti privati per le vacanze e ciò avverrebbe soprattutto in realtà, come quella di Piombino, dove è molto difficile poter risalire agli immobili utilizzati per affitto stagionale.

Noi lo abbiamo già detto più volte che siamo contrari alla tassa di soggiorno ed abbiamo spiegato chiaramente le nostre opinioni, ma, nonostante siano comprensibili le motivazioni per cui gli enti locali cerchino soluzioni per applicarla,  sarebbe logico perlomeno desistere per la stagione oramai già in corso».

Luigi Coppola

(Segretario Provinciale UDC Livorno)

______________________________________

PIOMBINO: SI INAUGURA LA MOSTRA DEI BOZZETTI DEL PALIO

L’ associazione Porta a Terra ,informa che sabato 3 Marzo presso il palazzo Appiani in Piombino alle ore 17,00 si Inaugura la 2° mostra bozzetti per la realizzazione di un dipinto che domenica 11 verrà giudicato il più adatto a rappresentare il Palio  di Santa  Anastasia 2012 .

Espongono 16 Artisti del comprensorio , più 3 classi della scuola media , Andrea Guardi. Tutta la cittadinanza è invitata.

_____________________________________

ANCI: TESORERIE COMUNALI “ENNESIMA TAGLIOLA PER COMUNI” 

Riceviamo e pubblichiamo integralmente dall’ANCI Regione Toscana.

“L’articolo 35 del dl ‘liberalizzazioni’ rappresenta un’ennesima tagliola che si abbatte sui comuni, ne penso tutto il male possibile perché va di nuovo ad attaccare il comparto degli enti locali e perché la norma è stata presa in considerazione senza nemmeno coinvolgerci, non possiamo più accettare questo tipo di situazioni”. Parlando al sito Anci ci va giù duro Alessandro Cosimi, sindaco di Livorno e coordinatore nazionale delle Anci regionali. “E’ innegabile che le tesorerie sono bloccate dal patto di stabilità, ma le risorse presenti all’interno servivano come opportunità per le banche che stanno sul territorio e per le stesse aziende, ora ci ritroviamo in grande imbarazzo”.

Per il sindaco di Livorno “questa norma è irricevibile, perché ancora una volta va ad attaccare il comparto che più ha risparmiato e più ha rispettato i saldi in questi anni”. Cosimi sottolinea come da oggi in poi “i Comuni sono disponibili ad ogni forma di collaborazione con il governo relativamente alla salvezza del Paese, ma sul terreno della nostra autonomia non siamo più disposti a fare passi indietro”. “Tra il precedente governo e quello attuale – ricorda – di norme neo centraliste ne abbiamo riscontrate tante, davvero troppe, la penso come il collega di Varese, Attilio Fontana, quando sottolinea che se vogliono commissariare gli enti locali lo facciano davvero e non con forme surrettizie”, conclude il sindaco di Livorno.

________________________________

LA PARCHI VAL DI CORNIA ALLA BIT DI MILANO CON IL PROGETTO “COSTA TOSCANA PARKS”

Venerdì 17 febbraio alle ore 12.30, alla BIT di Milano, presso lo stand della Regione Toscana, la Provincia di Livorno presenterà in una conferenza stampa un ampio ventaglio di iniziative dal titolo “Mare, natura, storia, vini, intrattenimento: tutte le esperienze in una vacanza”. La conferenza stampa, presieduta da Paolo Pacini, assessore al Turismo della Provincia di Livorno, vedrà coinvolta anche la Parchi Val di Cornia Spa come aderente al nuovo progetto “Costa Toscana Parks”, sostenuto dalla Provincia stessa e da Toscana Promozione.

Questa nuova rete di parchi, che vede coinvolti, oltre ai Parchi della Val di Cornia, l’Acquario di Livorno, il Parco divertimenti Cavallino Matto, l’Acqua Village di Cecina e il Consorzio Strade del Vino e dell’Olio Costa degli Etruschi si pone l’obiettivo di creare un percorso tematico in una realtà unica e versatile come quella del territorio della Costa degli Etruschi, offrendo al turista divertimento, cultura, storia e divulgazione scientifica.

Una nuova esperienza che mette in atto una stretta collaborazione tra soggetti pubblici e privati con il prioritario scopo della promozione e dello sviluppo turistico territoriale.

Alla Bit, luogo di incontro principale per chi opera nel settore del turismo, si trova il “mondo che viaggia e il mondo del viaggio”, assumendo le caratteristiche di una borsa mondiale del turismo. La presentazione di questa iniziativa alla Bit di Milano, manifestazione leader per gli operatori del settore turistico e vetrina principale per il turismo internazionale, assume un ruolo importante per la visibilità della nuova rete di parchi e conferma la volontà della Parchi Val di Cornia di operare nell’ottica di uno sviluppo del marketing territoriale offrendo alla Val di Cornia un’importante vetrina turistica.

__________________________________

CONSORZIO DI BONIFICA PER UN UTILIZZO RAZIONALE DEL FOSSA CALDA

Recentemente il Presidente del Consorzio di Bonifica Alta Maremma ha inviato una lettera agli utenti dell’impianto irriguo Fossa Calda per evidenziare alcune problematiche e criticità ed invitare tutti ad un utilizzo quanto più possibile razionale e oculato delle risorse idriche in vista della prossima annata irrigua.

“Per prepararsi ad affrontare le difficili e complesse situazioni che in questo momento attanagliano l’economia del nostro Paese e soprattutto il settore agricolo della nostra zona, scrive Vallesi, auspichiamo la vostra ampia collaborazione, e prosegue, i sensibili aumenti del costo dell’energia elettrica e in generale delle parti di ricambio e delle manutenzioni hanno fatto lievitare i costi di gestione, ma nonostante questo noi siamo riusciti a mantenere invariati i costi al mc”. Nella lettera il Presidente richiama l’attenzione, poi, alla crisi idrica, da molti sottovalutata, che rischia di mettere in discussione il regolare servizio idrico che il Consorzio Alta Maremma dovrà fornire nei mesi a venire. “Non vogliamo creare allarmismi, puntualizza Giancarlo Vallesi, ma cercare di farvi riflettere”.

L’assenza di precipitazioni piovose ha comportato, infatti, un calo rilevante della portata delle sorgenti che alimentano gli impianti irrigui gestiti dal Consorzio di Bonifica, costringendo oggi a rivedere e riprogrammare le proprie colture e semine. Un richiamo alla coscienza e alla responsabilità per gli utenti che usufruiscono del servizio irriguo ad oggi realmente in difficoltà; un invito del Presidente ad utilizzare l’impianto nelle ore notturne, quando il costo dell’energia elettrica è minore, a controllare il funzionamento del contatore ed a mantenerne efficiente l’alloggiamento, eseguendo periodicamente manovre di apertura e chiusura delle valvole, a segnalare tempestivamente eventuali anomalie e criticità con l’obiettivo di ridurre i costi di gestione e mantenere l’impianto in condizioni di efficienza.

Minori costi e impianti efficienti per un contributo reale a sostegno dell’agricoltura in Val di Cornia già messa in ginocchio da crisi economica, siccità e proprio in questi giorni anche dal ghiaccio.

_______________________

“TASSA SULLA DISGRAZIA”, ROSSI: “BENE LA CONSULTA. ORA IL GOVERNO SI MUOVA”

FIRENZE – “Era una norma assurda, irragionevole e soprattutto ingiusta. La Corte Costituzionale ci ha dato ragione e siamo soddisfatti. Ora però bisogna che il governo mantenga i suoi impegni e ci faccia arrivare al più presto le risorse promesse. Lunigiana, Isola d’Elba e tanti territori devastati dal maltempo e da eventi disastrosi non possono aspettare”.

Così il presidente Enrico Rossi commenta la decisione della Corte Costituzionale di dichiarare illegittima la cosiddetta “tassa sulla disgrazia”, introdotta l’anno scorso dal governo Berlusconi nel suo decreto Milleproroghe. La norma prevedeva che per accedere ad eventuali aiuti da parte dello Stato (in questo caso 25 milioni di euro) le Regioni avrebbero dovuto elevare la massimo le proprie addizionali fiscali per reperire fondi per l’emergenza.

“Quella legge puniva proprio le popolazioni danneggiate – afferma il presidente Rossi – imponendo ai toscani una forma di solidarietà obbligatoria che andava in direzione del tutto contraria a quello spirito collaborativo che è fondamentale per risollevare chi è colpito da calamità. La Toscana non si è comunque tirata indietro, ha fatto e sta facendo la propria parte per i territori colpiti dalle alluvioni e dall’emergenza neve. Ora però – conclude il presidente Rossi – il governo deve far presto nel convocare le regioni per attivare in tempi rapidi tutti gli strumenti in grado di garantire tutte le risorse necessarie per far fronte agli impegni già definiti per la ricostruzione”.

La Regione Toscana è stata obbligata ad applicare la “tassa sulle disgrazie” nell’ottobre scorso, dopo l’alluvione che ha colpito la Lunigiana. In quell’occasione aveva aumentato l’accisa sulla benzina di 5 centesimi per un anno. Contestualmente aveva finalizzato l’intero gettito previsto – 50 milioni di euro – al ripristino della sicurezza e alla ricostruzione delle zone colpite dal disastro. Il presidente Rossi si era successivamente rivolto al governo Monti per chiedere di cancellare l’Iva sull’aumento dell’accisa, definendola una “tassa ingiusta sulla solidarietà”.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 17.2.2012. Registrato sotto cronaca, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 25 giorni, 8 ore, 34 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it