GRUPPO LUCCHINI VERSO LO “SPEZZATINO”

Delegazione in visita alla Lucchini di Piombino

Segnaliamo ai nostri lettori un articolo del Blog “NCC News” sul possibile smembramento del gruppo lucchini.

«Verso vendite separate. Nel caso di questi esiti aziendali si utilizza sovente la metafora gastronomica dello “spezzatino”. E il sempre più probabile “spezzatino” marca-Lucchini si compone di quattro ingredienti, che saranno cucinati da Rotschild, incaricata di trovare acquirenti.

Il primo ingrediente: Piombino, che con i suoi 2200 addetti è il più grande e il più difficile da digerire. Il secondo: la triestina Ferriera di Servola, una volta chiuso il faticoso accordo con Elettra (in settimana, se tutto va bene), potrebbe avere, con altri quattro anni garantiti dal Cip 6, più agevole mercato. Il terzo: il laminatoio di Lecco dovrebbe essere quello più rapidamente collocabile. Il quarto: il torinese Condove, con un’ottantina di dipendenti, presenta il quadro menoansiogeno. In tutto, il gruppo Lucchini occupacirca 3 mila addetti, che diventano molti di più calcolando la vastità dell’indotto, soprattutto a Pombino.

Tremila addetti come lo stabilimento “inox” di Terni, che, a proposito di grandi operazioni in atto nel settore a livello continentale, da qualche giorno è transitato dalla tedesca ThyssenKrupp alla finnicaOutokumpu Di nomi siderurgici interessati a rilevare l’eredità russa della Severstal ne corrono molti, anche troppi: occorre censire quante sono le attenzioni autentiche e quanti sono invece i “depistaggi”. Tanto per cominciare, ritenendo quantomeno probabile che il gruppo Lucchini venga smembrato, occorre individuare i potenziali acquirenti dei singoli asset».

Leggi integralmente l’articolo sul Blog premendo qui.

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 5.2.2012. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 25 giorni, 6 ore, 0 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it