CAMPIGLIA: CHI RISPETTA LE LEGGI SUL RIPRISTINO DELLE CAVE?

Il Capogruppo Massimo Zucconi

Clima teso nel comune di Campiglia per la questione cave. Riportiamo la replica del capogruppo della lista civica “Comune dei Cittadini” ad un intervento di Brogioni di “Campiglia democratica” sulle cave a Campiglia. Siano i lettori a farsi un idea di cosa sta succedendo…

«Le scuse dovrebbero chiederle Brogioni e la maggioranza a tutti i cittadini per aver consentito che le cave di Monte Calvi e Monte Valerio non venissero ripristinate, così come previsto dai piani di coltivazione approvati nel 2000. Forse Brogioni non lo ha ancora compreso, ma questo è quello che è emerso nell’ultimo consiglio Comunale, partendo proprio dai dati forniti dallo stesso collegio tecnico di controllo. Questi dati dicono che  negli ultimi 11 anni, nelle due cave, sono stati scavati 7 milioni di metri cubi sui 16,8 autorizzati. Se fossero stati rispettati i piani approvati, che prevedevano di scavare dall’alto verso il basso e di ripristinare contestualmente i gradoni terminati,  i piani  alti delle cave dovevano essere rinaturalizzati da tempo.

In realtà, come attesta lo stesso collegio, nel 2011 non sono ancora concluse le escavazioni della prima fase delle sei previste nella cava Monte Valerio e della seconda delle cinque previste nella cava di Monte Calvi.  Ciò vuol dire che si è scavato in modo diverso da come inizialmente previsto. Non sappiamo quanto questo sia dipeso da autorizzazioni in deroga o da iniziative difformi delle imprese, ma la sostanza non cambia: se i fronti di cava appaiono nudi o con ripristini in grave ritardo è perché si è scavato in modo diverso da quanto previsto nei piani approvati. Questo è il giudizio politico che a noi interessa e su questo  Brogioni e la maggioranza non hanno dato nessuna risposta in Consiglio e continuano a non darla sulla stampa. Ribadiamo la richiesta di convocare con urgenza una commissione per confrontare i piani  approvati e lo stato attuale delle cave. Valuteremo in quella sede se vi sono anche responsabilità giuridicamente rilevanti. In tal caso sarebbe dovere di chiunque segnalarle all’autorità giudiziaria, per prima l’amministrazione che ha il compito di vigilare sulle cave.

Brogioni dovrebbe scusarsi anche per aver confuso consapevolmente il  controllo sui piani di coltivazione e il dibattito sul futuro delle cave. Sa benissimo Brogioni che nell’ultimo Consiglio Comunale eravamo chiamati a discutere solo dei rapporti del collegio tecnico di controllo. E questo abbiamo fatto.  A chiedere un dibattito sul futuro delle cave e dei lavoratori siamo stati noi, proponendo un ordine del giorno che tutto il Consiglio ha approvato da mesi, ma che il Sindaco e la Giunta non stanno rispettando, mettendo addirittura in discussione la stessa volontà di farlo. Ci pare grave e soprattutto poco responsabile, considerando che mancano pochi anni alla scadenza dei piani di coltivazione delle cave».

 Massimo Zucconi Capogruppo CdC

Segue l’intervento di Matteo Brogioni…

CAMPIGLIA: NON SOPPORTEREMO ALTRE OFFESE DA MASSIMO ZUCCONI
«Nell’ultimo consiglio comunale è stato toccato il fondo e superato il limite della decenza». Lo dice il capogruppo di Campiglia Democratica, Matteo Brogioni. «Non è possibile tollerare le accuse rivolte dal capogruppo del Comune dei Cittadini, Massimo Zucconi, sull’operato del Collegio di controllo sulle attività estrattive e sull’amministrazione comunale; accuse in cui si ipotizzava la collusione di tali enti con le società che gestiscono le attività».
«Se si è sicuri  di ciò ci si rivolga alla Procura — incalza Brogioni — ma non lo farà, perché adotta tale comportamento solo per mettere in mostra le sue doti di salvatore della cosa pubblica contro le amministrazioni inefficienti o succubi dei poteri forti. Non accettiamo questo metodo politico fatto di sospetti che servono solo a invelenire il clima. Speravo che parlando di attività estrattive avremmo svolto un dibattito sul futuro del territorio e dei lavoratori. Niente di tutto ciò: forse perché i problemi di chi lavora in questo comparto stanno a cuore solo alle forze politiche che oggi governano il Comune. Invito Zucconi a scusarsi con i membri del collegio e con l’amministrazione. Il nostro gruppo ha sopportato già troppe offese: d’ora in poi non tollererà più e tutelerà la propria dignità e rispettabilità».
Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 4.2.2012. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

2 Commenti per “CAMPIGLIA: CHI RISPETTA LE LEGGI SUL RIPRISTINO DELLE CAVE?”

  1. ASTUTO CACCIATORE

    ” Il nostro gruppo ha sopportato già troppe offese: d’ora in poi non tollererà più e tutelerà la propria dignità e rispettabilità».
    Cari signori, la dignità e la rispettabilità si tutelano solo con i fatti. Dimostrate che il vostro operato è corretto e nessuno avrà da ridire.
    Non so chi e come vi può aver offeso, ma non si possono scambiare le critiche per offese. E, poi, di che vi lamentate? : “Tanti nemici, tanto onore” !!
    Ma forse preferite avere solo un corteo di adulatori plaudenti e votanti.

  2. enzo

    mi pare che il partito-padrone sia in evidente difficoltà e quindi la butta sulla rissa. Atteggiamento tipico di chi è incapace di rispondere con i fatti e la trasparenza

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 23 giorni, 17 ore, 23 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it