CAMPIGLIA: LA LISTA CIVICA INSISTE SUL RISPETTO DEI PIANI DI COLTIVAZIONE

Le cave del campigliese

Chiedere il rispetto – per la lista civica Comune dei Cittadini – dei piani   di coltivazione delle cave irrita il sindaco e la maggioranza di Campiglia. LEggiamo insieme integralmente il loro commento.

«Se a Campiglia i fronti delle cave di Monte Calvi e di Monte Valerio sono desolate pareti rocciose lo si deve al fatto che sono stati disattesi i piani di coltivazione approvati dal Comune 11 anni fa. In quei piani era previsto che le escavazioni dovessero avvenire per gradoni discendenti, dall’alto verso il basso, rinverdendo i gradoni più alti man mano che si passava alla coltivazione di quelli più bassi. Erano previste precise fasi, tempi, volumi scavabili e modalità per i ripristini paesaggistici. Se i piani fossero stati rispettati, le cave non sarebbero state devastanti ferite che degradano il paesaggio e danneggiano il turismo di Campiglia e dell’intera Val di Cornia.

Questa realtà è documentata dai rapporti che annualmente vengono illustrati al Consiglio Comunale dal collegio di controllo delle attività estrattive: un organo tecnico di cui, da anni, si è dotato il Comune.

Nella cava di Monte Calvi al 31.12.2010 risultavano scavati 4 milioni di metri cubi degli 8,5 milioni  autorizzati. Con quelle quantità, secondo il piano approvato, doveva essere conclusa la coltivazione e il ripristino paesaggistico della prima e della seconda fase (quelle più alte) e ci si doveva trovare nella fase tre (più bassa).   Dai dati del collegio risulta  invece che a giugno del 2011 non è stata ancora conclusa la coltivazione della seconda fase.  Un dato che evidenzia come nel corso degli anni si è scavato altrove, in zone più basse, lasciando senza ripristini le zone alte della cava. Un modo di procedere che ha aggravato gli impatti della cava sul paesaggio. Il collegio, infine, ha informato il Consiglio che ad ottobre del 2011, per “mettere ordine”, è stata autorizzata una variante con la quale le fasi di coltivazione e ripristino sono state posticipate: quelle del  2004 al 2011, quelle del  2009 al 2013  e così via fino al 2018. In sostanza si adegua il piano a quello che è accaduto in cava.

Nella cava di Monte Valerio (Sales) la situazione non è diversa. Al 31.12.2011 risultavano scavati 3 milioni di metri cubi degli 8,3 milioni autorizzati. Secondo il piano approvato nel 2000, con quei volumi la cava doveva essere al termine della terza fase di coltivazione e dovevano essere completate le fasi uno e due (quelle più alte) con relativi ripristini. Il collegio di controllo segnala invece che a dicembre del 2011 non si è ancora conclusa l’escavazione della prima fase e si sta lavorando al completamento della seconda. Conti alla mano, risulta che in questi anni oltre un milione di metri cubi sono stati scavati in zone diverse da quelle previste dal piano originario, ritardando così i ripristini sul crinale di Monte Valerio. E’ per queste ragioni che sui  60 ettari della cava i ripristini paesaggistici sono poche migliaia di metri.

Emerge dunque  – insiste la lista CDC – una realtà nella quale l’amministrazione sembra essere stata più sensibile ad assecondare le esigenze delle imprese estrattive che a garantire che procedessero di  pari passo le escavazioni e i ripristini paesaggistici. Cosa che sarebbe stata possibile rispettando i piani approvati e le leggi.

L’argomento, sollevato dal Comune dei Cittadini nell’ultima seduta del Consiglio Comunale, sembra aver irritato il Sindaco che, per questo, ha minacciato di non rispettare l’ordine del giorno votato all’unanimità dal Consiglio Comunale con il quale si chiedeva l’urgente avvio di una discussione sulla riconversione delle attività estrattive e dell’occupazione.

Ci spiace per l’irritazione – conclude il comitato –  ma ci preme informare i cittadini che, dall’opposizione, continueremo a chiedere al Sindaco il rispetto dei piani approvati e l’avvio di una seria e concreta discussione sul futuro dell’occupazione in questo settore».

Comune dei Cittadini

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 3.2.2012. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

2 Commenti per “CAMPIGLIA: LA LISTA CIVICA INSISTE SUL RISPETTO DEI PIANI DI COLTIVAZIONE”

  1. ASTUTO CACCIATORE

    “L’argomento, sollevato dal Comune dei Cittadini (…), sembra aver irritato il Sindaco che, per questo, ha minacciato di non rispettare l’ordine del giorno” …
    Non so se questa “irritazione” sia solo una supposizione, ma nel caso che ci sia stata veramente dimostra come i rappresentanti del Partito Padrone non amino essere osteggiati. Ma, scusate, signori, perché li infastidite continuamente, hanno moltissime cose di cui occuparsi, un sacco di interessi da curare. Se si continua così, potrebbero arrabbiarsi molto. E’ proprio vero, non c’è più la vecchia, sana, CONSOCIATIVA, accondiscendenza di una volta. Essi amano sentirsi circondati da un popolo rispettoso e plaudente per il quale sacrificano le loro notti nell’insonnia, e voi, con “insolenza”, vi permettete di “irritarli”. (A da venì baffone!)

  2. ASTUTO CACCIATORE

    ” l’amministrazione sembra essere stata più sensibile ad assecondare le esigenze delle imprese estrattive che a garantire che procedessero di pari passo le escavazioni e i ripristini paesaggistici” .
    Le signorie illustrissime degli amministratori pare che debbano, in primo luogo, rispettare certi interessi, e voi pretendete che facciano piantare alberelli e arbusti. Chi li ha sostenuti nel loro “insediamento”, avrà pur diritto a un minimo di riconoscenza. Ma come vi permettete di “irritarli” così, lasciateli lavorare, perbacco!

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    42 mesi, 20 giorni, 11 ore, 21 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it