VAL DI CORNIA: IL FORUM, LA PARCHI E LA TASSA DI SOGGIORNO

la Val di Cornia

Riceviamo e pubblichiamo integralmente. Spazio per i commenti al termine dell’articolo.

«Aver correlato la tassa di soggiorno al mantenimento del sistema dei parchi  – inizia Nicola Bertini del Forum per San VIncenzo – contrappone le imprese turistiche alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale. Una scelta pazzesca occultata da letture distorte del costo di mantenimento della Società Parchi fatte circolare per giustificare l’imposizione di una nuova tassa che sarà destinata a coprire le spese generali dei bilanci comunali.

Si legge che al solo Comune di Piombino la Società Parchi costerebbe 1,5 milioni di euro. Una cifra assurda sulla quale i Comuni della Val di Cornia, dovrebbero dar conto quanto prima. Noi sapevamo che la Società Parchi era stata portata ad esempio come esperienza positiva proprio perché riusciva ad avere un altissimo livello di autofinanziamento, contrariamente a quanto avviene per la quasi totalità dei parchi e dei musei che vivono prevalentemente di trasferimenti dello Stato o degli enti locali.
Nel 2007 l’attuale presidente della Società, annunciò il pareggio tra entrate e uscite per la gestione dei parchi. Nelle entrate ci sono i biglietti d’ingresso dei musei e dei parchi archeologici e soprattutto i parcheggi a servizio dei parchi costieri. Non è possibile che in soli 4 anni si sia passati dal pareggio a una perdita di 1,5 milioni di euro.
Da quello che si legge sulla stampa, sembra che il nodo del contendere siano proprio i parcheggi del parco della Sterpaia il cui incasso, anziché al sistema dei parchi, dovrebbe andare nelle casse del Comune di Piombino o della sua Società Patrimoniale: una società di cui non si comprende l’utilità sociale e per la quale già oggi il Comune di Piombino sborsa consistenti contributi.

E’ chiaro che se alla Società Parchi vengono tolte entrate, lasciandogli gli oneri della gestione e della manutenzione dei parchi e dei musei, il bilancio non potrà che avere un risultato pesantemente negativo. In un momento in cui simili settori economici possono costituire una risorsa per attenuare gli effetti della crisi sui lavoratori dipendenti del settore manifatturiero e sul mercato turistico, si sceglie di fiaccare la Società dei Parchi. È un po’ come affondare le scialuppe di salvataggio quando la nave comincia ad affondare.
Il Comune di Piombino, per suoi problemi di bilancio, vuole prendersi le entrate dei parcheggi realizzati nel parco della Sterpaia, lasciando a carico di tutti i Comuni della Val di Cornia i costi per ripianare il bilancio della Società Parchi che, per questa decisione, avrà un grave peggioramento. Questa è la vera spiegazione della tassa di soggiorno che il Comune di Piombino ha imposto a tutti gli altri Comuni della Val di Cornia. Non solo. Nel Comune di San Vincenzo il Sindaco è già pronto a far pagare i parcheggi sulla Principessa per andare a Rimigliano ed ha ventilato l’ipotesi di affidare alla Parchi gli eventi di promozione turistica e di intrattenimento che dovrebbero essere svolti dalla pro loco, immaginiamo per far arrivare qualche euro in più alle casse della Società.

E’ una decisione scellerata – conclude il Forum – che rompe il patto solidaristico con il quale i Comuni si erano impegnati a sostenere finanziariamente il progetto dei parchi con un bilancio unitario dell’intero sistema. A farne le spese saranno proprio i parchi e gli operatori turistici. A rimetterci sarà tutta la Val di Cornia. Come possano essere condiscendenti di fronte a tutto ciò i Sindaci di San Vincenzo, Suvereto e Campiglia, non è chiaro, certo non stanno facendo l’interesse dei loro concittadini».

Nicola Bertini
Forum del Centrosinistra per San Vincenzo

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 2.1.2012. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    42 mesi, 16 giorni, 15 ore, 0 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it