SAN VINCENZO: IL SINDACO BIAGI E IL FUTURO DEL TERRITORIO

Il Sindaco e la giunta comunale di San Vincenzo fanno un bilancio dell’anno appena trascorso e presentano i maggiori interventi in programma per il 2012. Investimenti in politiche sociali, culturali e opere pubbliche.

“Il 2011 si era presentato come un anno difficile per la nostra amministrazione, dal punto di vista economico, soprattutto a causa della mancanza di entrate e dei vincoli imposti dalla Finanziaria che hanno portato ad una necessaria riorganizzazione della nostra spesa pubblica. La crisi economica che ha colpito tutto il paese nel corso di questo anno che si sta per concludere, sembra purtroppo che avrà i suoi effetti negativi anche nel 2012. Durante questi mesi, pur nella difficoltà, abbiamo saputo reagire portando avanti con impegno i nostri progetti ma soprattutto abbiamo continuato ad alimentare la coesione sociale e la solidarietà garantendo tutti i servizi essenziali per la nostra comunità.
Nel corso del prossimo anno la nostra amministrazione dovrà fare i conti necessariamente con una ulteriore riduzione delle risorse che si tradurrà in concreto in circa 600.000,00 euro in meno derivanti dall’Imu e in circa 300.000,00 euro di mancati trasferimenti nazionali e regionali. Nonostante tutto questo continueremo a lavorare con rigore per garantire la stabilità del bilancio.”

Un’ulteriore riduzione delle entrate, rispetto al passato, deriverà anche da oneri di urbanizzazione inferiori e minori sanzioni al codice della strada.

“Questo tipo di entrate – proseguono il sindaco e la giunta comunale – aveva permesso fino a questo momento, nonostante i tagli operati in questi ultimi anni, di salvaguardare la tenuta del nostro bilancio. Il passo successivo da fare, arrivati a questo punto, è quello di pensare ad una ulteriore attenzione nella spesa pubblica e ad una rimodulazione delle entrate così da presentare un bilancio che ci permetta di salvaguardare la qualità della vita dei nostri cittadini e, al contempo, l’immagine del paese ora più che mai importanti sia in termini economici e promozionali ma soprattutto per il mantenimento del clima sociale del nostro territorio”.

La giunta passa poi ad illustrare i settori sui quali l’amministrazione interverrà nel corso del 2012.

“I maggiori interventi riguarderanno innanzitutto i servizi alla persona e in particolare i settori della sanità e del sociale con maggiori sostegni alle persone in difficoltà e non autosufficienti. Destineremo, dunque, maggiori risorse rispetto al passato a questi settori così come accadrà per la scuola e la cultura.
Nel 2012 inaugureremo anche la nuova sede dell’Archivio Storico Comunale all’interno del Palazzo della Cultura.
Altro settore importante sul quale investiremo – prosegue la giunta – sarà quello delle opere pubbliche. Visto anche il blocco della stipula di nuovi mutui e i limiti che ci vengono imposti dal Patto di Stabilità, i nostri maggiori interventi riguarderanno innanzitutto il primo stralcio della ristrutturazione del Palazzo Comunale, ex scuole Fucini, per una spesa totale di circa 500.000,00 euro e il rifacimento e la messa in sicurezza del sovrappasso ferroviario per una spesa totale di circa 400.000,00 euro. Interverremo con l’illuminazione della pista pedonale ciclabile lungo via della Principessa per assicurare maggiore sicurezza e fruibilità a pedoni e ciclisti.
In materia ambientale vorremmo riconfermare anche per il 2012 il raggiungimento di alcuni traguardi importanti come l’ottenimento della Bandiera Blu e della certificazione Emas. Estenderemo, inoltre, il servizio di raccolta dei rifiuti porta a porta anche ad altri quartieri del paese.
Ultima, ma non in ordine di importanza, la manutenzione e la valorizzazione del nostro patrimonio pubblico affinché i cittadini possano vivere in un paese ordinato e decoroso.
La nuova imposta di soggiorno, inoltre, la cui adozione è stata concertata in  questi ultimi mesi con tutti i comuni i comuni della Val di Cornia e della Bassa Val di Cecina, permetterà di investire ulteriori risorse nella valorizzazione e manutenzione dei nostri beni culturali, ambientali e paesaggistici così come previsto dal decreto legislativo del marzo 2011.
Questo ci permetterà anche di investire fin dall’inizio del nuovo anno in importanti eventi turistico- sportivi che coinvolgeranno tutto il paese con ricadute notevoli per la nostra economia; da San Vincenzo, infatti, partiranno due corse ciclistiche di livello internazionale come il Gran Premio Costa degli Etruschi e la Tirreno- Adriatico.
Altro passo importante nel 2012 – conclude la giunta – sarà la chiusura del percorso che porterà all’adozione e all’ approvazione del nuovo Piano Strutturale. All’interno di questo percorso presenteremo due progetti, uno che riguarderà il nuovo villaggio scolastico, con una nuova funzionalità degli spazi per i servizi socio-sanitari, scolastici, culturali e delle politiche abitative, l’altro che riguarderà invece il progetto della riorganizzazione dei suoli pubblici e la riqualificazione del centro cittadino.”

Principali Dati Anagrafici
Residenti al 31/12/2010: 7000
Residenti al 30/11/2011: 7013
Famiglie: 3430
Nati al 30/11/2011: 44
(maschi 20 e  femmine 24)
Morti al 30/11/2011: 74
(maschi 35 e  femmine 39)

Andrea Fabbri

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 29.12.2011. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

2 Commenti per “SAN VINCENZO: IL SINDACO BIAGI E IL FUTURO DEL TERRITORIO”

  1. kurt

    Neanche una parola sul costante consumo del territorio di Rimigliano e altrove.
    Sconcertante

  2. trillo

    il sindaco Biagi dovrebbe solo spiegare come mai ha dato l’autorizzazione all’aumento di volume per la pizzeria in corso Italia,come mai ha dato come parcheggio riservato l’area dietro al Mediterraneo pur essendo una strada di passaggio di servizio ai condomini; si potrebbe continuare con i marciapiedi su corso Italia non ancora terminati o il porto completamente difforme dal progetto iniziale. Ma tutto questo è politica

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 25 giorni, 1 ora, 33 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it