IN TOSCANA LA SICUREZZA SI IMPARA SUI BANCHI DI SCUOLA

L'inizio dell'anno scolastico

FIRENZE – A lezione di sicurezza fin dai primi anni di scuola, dalla materna fino alle superiori. Lo prevede un protocollo che è stato firmato a fine luglio da Regione Toscana, Ufficio scolastico regionale per la Toscana e Inail, il cui contenuto viene presentato ora, in occasione dell’avvio dell’anno scolastico. Obiettivo del protocollo, la costituzione di un sistema regionale in materia di sicurezza e salute nelle scuole, con interventi mirati per la messa in sicurezza delle scuole e per la promozione di una cultura della sicurezza e della salute sui luoghi di lavoro e negli ambienti di vita, compresi quelli domestici.

A presentare i contenuti del protocollo, stamani nel corso di una conferenza stampa, sono stati l’assessore al diritto alla salute Daniela Scaramuccia, il direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale per la Toscana Angela Palamone, e Tommaso De Nicola, vicario del direttore regionale dell’Inail.

“Diciamo sempre che per prevenire infortuni e malattie professionali è necessario promuovere e diffondere una cultura della sicurezza – ha detto l’assessore Scaramuccia – Ecco, credo che per questo la scuola sia il luogo ideale da cui partire. L’educazione dei giovani è un momento fondamentale per l’affermazione di quella cultura della sicurezza e della salute che è alla base del formarsi di un agire più attento in coloro che saranno i lavoratori e i datori di lavoro di domani. Grazie alle iniziative previste dal protocollo che presentiamo oggi, i ragazzi possono crescere con questa cultura, trasmetterla in famiglia, tradurla in azioni concrete quando saranno grandi ed entreranno nel mondo del lavoro. L’accordo che abbiamo fatto tra Regione, Ufficio scolastico regionale e Inail ha proprio l’intento di promuovere tra i ragazzi, i docenti, tutto il personale scolastico, questa cultura della sicurezza negli ambienti di vita, di studio, di lavoro”.

“La sicurezza degli studenti deve essere il nostro obiettivo principale – dichiara Angela Palamone – Con il protocollo d’intesa si è voluto attivare una sinergia tra gli Enti istituzionali che a vario titolo intervengono nell’ambito della sicurezza, ottimizzando le risorse finanziarie e umane necessarie. Occorre precisare che si tratta di un’azione a trecentosessanta gradi, dalla formazione specifica del personale addetto, alla formazione dei docenti, nell’ottica della diffusione della cultura della sicurezza, fino alla messa in sicurezza degli ambienti scolastici”.

“La Regione Toscana, l’Inail e l’Ufficio scolastico regionale, con l’accordo sottoscritto lo scorso 27  luglio, hanno inteso proseguire nell’attuazione di una politica della sicurezza tra gli alunni delle scuole di ogni ordine e grado – è il commento di Tommaso De Nicola, intervenuto a nome del direttore regionale Inail Bruno Adinolfi – Tale impegno muove dalla consapevolezza che le nuove generazioni costituiscono un “capitale” umano fondamentale per diffondere e far recepire le informazioni essenziali su un tema così rilevante, per i singoli e per la collettività, quale la sicurezza sul lavoro. E sono numerosi e significativi i ritorni positivi delle diverse iniziative assunte, in Toscana come sull’intero territorio nazionale, che hanno sempre visto la convinta ed ampia partecipazione di alunni e docenti, espressa in molte occasioni da idee e proposte di particolare interesse. Proseguire su questa scia è dunque opportuno, se non addirittura doveroso, soprattutto nei confronti degli studenti in procinto di concludere il corso di studi presso le scuole superiori, alcuni dei quali, pur con le difficoltà della presente congiuntura economica e produttiva, potrebbero fare tra breve il loro ingresso nel mondo del lavoro”.

Tra le iniziative previste dal protocollo, interventi per la messa in sicurezza degli ambienti scolastici; attività didattiche su temi specifici relativi alla sicurezza, interventi formativi per docenti e personale scolastico; promozione di iniziative (concorsi, manifestazioni, progetti) per favorire la sensibilizzazione e l’acquisizione di comportamenti corretti; visite guidate per gli studenti in luoghi di svolgimento di attività lavorative a rischio e realizzazione di incontri con soggetti che hanno vissuto esperienze significative in ambito lavorativo, come operatori di vigilanza, vittime di infortuni, medici, assistenti sociali. Le prime iniziative saranno rivolte agli istituti tecnici per geometri e agrari, in considerazione del fatto che il settore delle costruzioni e quello agricolo sono i settori a maggior rischio infortunistico.

Da almeno un decennio la Regione Toscana sostiene interventi rivolti alle scuole. Progetti importanti, realizzati in collaborazione con le Asl, sono stati “Scuola sicura”, rivolto agli istituti tecnici agrari, “Sicurezza in cattedra” e altri ancora, fino a recenti bandi e avvisi pubblici per la selezione di progetti educativi e formativi. Ed è in occasione di alcune di queste iniziative che è iniziata la collaborazione fattiva tra Regione Toscana, Inail e Ufficio scolastico regionale. Regione Toscana e Ufficio scolastico regionale collaborano a progetti per lo sviluppo della cultura della sicurezza nelle scuole, e Ufficio scolastico regionale e Inail collaborano al progetto “A scuola di sicurezza, sicurezza a scuola”, con assegnazione annuale di borse di studio per le scuole toscane.

I dati

Nel 2009 gli infortuni che si sono verificati tra gli studenti delle scuole toscane sono stati 5.131, e 1.396 quelli accaduti tra il personale docente e amministrativo. Nel 2010, sono stati 4.891 quelli accaduti agli studenti, e 1.421 al personale docente e amministrativo.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 17.9.2011. Registrato sotto Foto, Giovani e Sapere, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 29 giorni, 9 ore, 16 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it