BENIFEI: MA DOVE E’ FINITA L’UNIONE DEI COMUNI IN VAL DI CORNIA

Il segretario di SEL Val di Cornia Ilio Benifei

Riceviamo e pubblichiamo integralmente dal Segretario di SEL – Val di Cornia, Ilio Benifei.

 

Il dibattito scaturito dopo le dichiarazioni di Anselmi e Tortolini ha evidenziato :

–  che la proposta del comune unico , non la ritiene attuale neppure il segr. della federazione  Fabiani, oltre a un giudizio dell’Ass. Guidoni di San Vincenzo, credo non parlasse a titolo personale,che non solo dice No alla proposta ma evidenzia l’involuzione politica che purtroppo c’è nella Val di Cornia sulle politiche di area.

E’ del tutto evidente , da ciò, quanto le incertezze, la confusione, i proclami e poi le frenate dei vari dirigenti del PD, su temi, di grande importanza , dimostrino un procedere contraddittorio . Del resto il voto contrario in Parlamento sulla abolizione della Provincie , oggi l’ipotesi per la Toscana delle Max Provincie, e domani chissà ….evidenzia una difficoltà, quella di andare oltre le convenienze e mettere solo al centro l’interesse del Paese. In questo senso la scelta sarebbe una sola: l’abolizione delle Provincie.

Sul Comune Unico la discussione segue i soliti metodi, si fanno proclami senza partire dai dati di fatto. Il primo dato di fatto è che nella Val Di Cornia siamo nel periodo più regressivo dal punto di vista delle politiche unitaria di area. L’esempio ci viene dalla vicenda dell’Autostrada. Ogni Comune è andato per la propria strada.

Guidoni dice che ognuno ha fatto i propri interessi… credo proprio di no… forse non è interesse di San Vincenzo come degli altri Comuni avere la SS398 fino al porto? Avere una autostrada gratis per i residenti e le complanari?

Ma questo modo di ragionare conferma la regressione politica che è in atto e soprattutto i pericoli che comporta in un momento di crisi come questo. Secondo dato di fatto e che la proposta del comune unico è debole perché oggi non c’è nessun assetto istituzionale che inpersonifichi  una politica di area.

L’UNIONE dei Comuni è nel programma di legislatura ma ancora non c’è. Perché il Sindaco oltre che sulla stampa non coinvolge direttamente il C. Comunale in una discussione seria e approfondita su questo tema?

La nostra proposta è la seguente :

–         si apra una riflessione seria sul livello delle politiche del territorio coinvolgendo i cittadini , le istituzioni, le associazioni di categoria, le organizzazioni sindacali…

–         si faccia una proposta per una Unione dei Comuni che aggreghi competenze oggi presenti in vari Comuni, rappresenti un abbassamento dei costi, una semplificazione per i cittadini, e che non si fermi alla Val di Cornia ma coinvolga le Colline Metallifere.

–         Sulle Provincie l’unica proposta è la loro abolizione.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 25.8.2011. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    53 mesi, 7 giorni, 8 ore, 58 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it