CAMPIGLIA: APPROVATO IL REGOLAMENTO URBANISTICO

veduta del Palazzo Comunale di Campiglia

Il consiglio comunale di Campiglia ha approvato il Regolamento Urbanistico che era stato adottato nel maggio 2010 e che aveva ricevuto dal 28 luglio al 10 settembre le osservazioni come previsto dalla legge. Ne sono arrivate 147 tra quelle presentate da istituzioni, soggetti privati singoli o associati e da associazioni e partiti. Lunedì 30 maggio 2011 il momento dell’approvazione definitiva con l’illustrazione delle caratteristiche principali del piano e le controdeduzioni alle osservazioni. Ecco i principali contenuti della pianificazione per i prossimi 5 anni, come indicato nel comunicato del comune che pubblichiamo.

Ciò che maggiormente caratterizza il Regolamento Urbanistico, il primo del piano strutturale vigente (che ne prevede tre di durata quinquennale) è innanzi tutto la filosofia del recupero e della riqualificazione dei centri urbani, in particolare di Venturina dato che per Campiglia è stato sufficiente puntare ad una sostanziale conservazione e piccoli interventi puntuali. Più complessa la situazione a Venturina dove le maggiori aree critiche individuate e oggetto di interventi complessi sono l’area industriale dell’Italian Food ormai inglobata nel centro abitato; la “porta nord” come cerniera di collegamento tra terme, aree verde e centro urbano; il centro cittadino nell’area della banca Monte dei Paschi di Siena dove dovrebbe tornare a vivere una piazzetta urbana, oppure, in via alternativa, sarà ceduta un’area di 400 metri quadrati al Comune da adibire a scopi sociali.

Per quanto riguarda gli aspetti più  strettamente legati alle opere pubbliche si ha la previsione del nuovo plesso scolastico con il trasferimento della scuola Marconi nel centro scolastico Altobelli e la trasformazione dell’edificio e del giardino Marconi in via Indipendenza in area residenziale con spazi pubblici integrati al tessuto urbano limitrofo. La realizzazione del nuovo plesso scolastico ha l’obiettivo di favorire i rapporti e gli scambi d’esperienze tra scuole e quello di razionalizzare i costi che attualmente, dal trasporto alla mensa, lievitano a causa della collocazione sparsa delle scuole.

Altro tema importante quello della costruzione del nuovo cimitero a Venturina, che è stato confermato nell’area a monte della via Suveretana, all’incirca all’altezza di Montioncello. La necessità di quest’opera è dovuta al fatto che nel giro di sei o sette anni il cimitero di Campiglia sarà esaurito nelle sue potenzialità, anche considerando l’attuale ampliamento che porterà a una disponibilità di circa 550 posti e 470 ossari. Ciò anche perchè, a fronte di circa 100 decessi l’anno, le richieste di cremazione che non hanno superato il 16%  nel periodo dal 1994 al 2009,  secondo le previsioni non supereranno di molto il 20% in futuro. La struttura come è stato detto più volte  sarà progettata con la massima cura in modo da integrasi nel contesto ambientale in maniera armoniosa per garantire il dovuto rispetto al culto dei defunti e al tempo stesso essere un luogo di impatto visivo gradevole, funzioni senza dubbio non in contrasto tra loro.

Una menzione particolare merita anche il territorio aperto per il quale le scelte, come ha sottolineato il sindaco, vanno nel senso della più stretta tutela dando in tal modo centralità all’agricoltura che è considerata un presidio per il buon mantenimento dell’ambiente e uno dei settori strategici nell’economica locale per le numerose produzioni di qualità che offre.

Alla seduta del consiglio comunale è stata presente anche l’architetto Silvia Viviani, consulente scientifico del Regolamento urbanistico, insieme agli architetti comunali Annalisa Giorgetti e Alessandro Grassi dell’Ufficio di piano comprensoriale, ai geologi e al rappresentate di Simurg Ricerche (agenzia che si è occupata dello studio del piano del commercio).

L’architetto Viviani ha sottolineato che il R.U. presentato è caratterizzato dalla qualità e non dalla quantità e rispetto alle osservazioni ha messo in risalto il criterio principale della valutazione per il l’accoglimento, l’accoglimento parziale o il respingimento, che è stato quello del non entrare in contraddizione con il Piano strutturale e con le linee generali del R.U.

Viviani ha anche sottolineato i problemi generali dell’attuale pianificazione urbanistica parlando di enti locali messi in condizioni di debolezza. Infatti, mentre dagli anni ’90 è cambiato il quadro normativo della pianificazione urbanistica non sono stati riformati gli strumenti della sua attuazione, ad esempio il fatto che il prezzo d’esproprio debba essere quello di mercato  pone gli enti territoriali in una condizione di debolezza nella realizzazione di opere e infrastrutture pubbliche, e ciò sempre di più anche in considerazione delle sempre più ridotte risorse disponibili.

Inoltre l’architetto ha  notato come norme apparentemente distanti dall’urbanistica, vi incidano invece in modo pesante; è passata poi a tracciare il quadro critico degli impianti alimentati da fonti energetiche rinnovabili che la legge nazionale consente di realizzare praticamente senza limitazioni e rimanda alla regione, che ad oggi ha affrontato gli indirizzi per gli impianti fotovoltaici, l’individuazione di aree non idonee. Da questo punto di vista mentre il comune di Campiglia insieme agli altri della Val di Cornia aveva regolamentato la loro realizzazione, si trova oggi praticamente esautorato.

Infine una precisazione dell’Ufficio di Piano in risposta alle dichiarazioni inesatte comparse sulla stampa a proposito degli alloggi realizzati a Campiglia dal 2005 ad oggi: “Abbiamo più volte cercato di spiegare i numeri del dimensionamento del Regolamento Urbanistico, a quanto pare senza riuscirci. Nella tabella del dimensionamento non c’è alcun dato inedito ma solo informazioni disaggregate sulla realizzazione degli alloggi. In realtà gli alloggi realizzati e ultimati dal 2005 ad oggi non sono 58 bensì 325, di cui 98 di edilizia economica e popolare già abitati dal 2009, ai quali si aggiungeranno nei prossimi mesi i 75 alloggi ormai terminati dell’ultimo lotto Peep in diritto di superficie.”

__________________________________________

CDC: UN CONSIGLIO COMUNALE MORTIFICANTE

«Consiglio mortificante quello che, dopo 8 anni di lavoro, ha approvato il 1° Regolamento Urbanistico». Con queste parole la lista civica campigliese, Comune dei Cittadini riassume l’approvazione del nuovo regolamento urbanistico del comune collinare. Riportiamo integralmente le osservazioni.

«Una maggioranza incapace di dialogare, ma anche di rispondere alle precise osservazioni che gli sono state mosse dai gruppi di opposizione. Silenzio assoluto su un dato clamoroso che gli uffici comunali hanno dovuto evidenziare rispondendo alla Regione. Perché si prevedono 457 nuovi alloggi per i prossimi 5 anni (qualcosa come quattro ettari di superficie pavimentata!) quando negli ultimi 5 anni sono stati  costruiti solo 58 alloggi nei centri abitati? Uno scarto abissale, aggravato dal fatto che nel vecchio PRG ci sono ancora centinaia di alloggi da realizzare (tra cui 75 alloggi al posto dei vecchi magazzini comunali) e che si è formato un crescente stock di alloggi invenduti. Lo stesso vale per i capannoni, con la previsione di altri 25 ettari nei prossimi 5 anni.

Nessuna risposta. Solo la difesa di un piano indifendibile che aspetta la ripresa della speculazione immobiliare e finanziaria. La stessa che negli ultimi 15 anni ha distrutto territorio e paesaggio  e  ha contribuito ad aggravare la crisi in cui ci dibattiamo. Il piano, al di là delle vuote parole, non orienta l’edilizia verso la riqualificazione e il riuso, come auspica la Regione, ma verso l’espansione e il consumo di suolo.  Tra le previsione di espansione vengono confermate le scandalose lottizzazioni della Pulledraia: 7 ettari di terreno da edificare con 156 nuovi alloggi intorno ai laghetti della Tufaia. Una colata di cemento davanti a quello che doveva essere il parco termale che ridurrà la possibilità di sviluppo di questo comparto.  Avevamo proposto di fare in quella zona un parco verde che dalle terme si spingesse fino ai laghetti della Tufaia e alle zone verdi previste nel campo d’aviazione. Una proposta  che poteva essere attuata con il meccanismo della perequazione, chiamando i privati a concorrere per un obiettivo pubblico  in grado di caratterizzare davvero l’identità di Venturina.

Dal piano esce mortificata anche l’agricoltura. Nelle campagne si prevede un po’ di tutto: dagli impianti temporanei per la frantumazione degli inerti alle grandi distese di pannelli solari.  Le linee guida della Regione, che invitano a contenere il fenomeno, sono state vissute come un intrusione che limita l’autonomia del Comune. Saranno contrastate, dimostrando con ciò che il Comune è sensibile più agli interessi delle imprese energetiche che alla difesa della produzione agricola.

Impressionante anche il fenomeno della speculazione edilizia nelle campagne. Ancora una volta sono gli uffici a fornire dati inediti. Negli ultimi 5 anni sono stati realizzati  più alloggi di civile abitazione nelle campagne che nelle zone urbane. Precisamente 64 alloggi con la sola trasformazione di annessi agricoli in civile abitazioni  contro i 58 realizzati nei centri abitati di Venturina e Campiglia.

Le nostre proposte erano altre e parlavano di sostegno alla produzione, di qualificazione e tutela dell’ agricoltura, di sviluppo del termalismo, di innovazione delle piccole e medie imprese, di turismo qualificato, di parchi, di rinnovo del patrimonio edilizio più vecchio,  di qualità della vita nei centri abitati, di forte sostegno all’identità culturale e produttiva di Campiglia.

Il Regolamento che hanno imposto – conclude la lista civica Comune dei Cittadini – contro tutte le minoranze del Consiglio Comunale, guarda invece indietro e continua a sperare sulla ripresa della speculazione».

Andrea Fabbri

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 31.5.2011. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 21 giorni, 11 ore, 50 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it