CHE FINE HANNO FATTO LE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO URBANISTICO DI CAMPIGLIA?

Il manifesto della lista civica "Comune dei Cittadini"

E’ questa la domanda che si pone la lista civica “Comune dei Cittadini” sulle 144 osservazioni fatte da più soggetti ormai 7 mesi fa al regolamento urbanistico di Campiglia, senza che si sappia ancora nulla sulla loro lettura. Leggiamo insieme il comunicato integralmente.

«Lo scorso anno – inizia Comune dei Cittadini –  alla fine del mese di luglio, il Comune pubblicò il Regolamento per 45 giorni. Di fatto i cittadini ebbero a disposizione solo il mese di agosto per fare osservazioni. Il Comune motivò la scelta con ragioni d’urgenza. Una motivazione risibile, visto che per arrivare all’adozione del Regolamento sono occorsi tre anni e che, come se non bastasse, il Comune fece passare inutilmente altri tre mesi dopo l’adozione senza pubblicarlo. I fatti ci hanno dato ragione. L’urgenza sembra dissolta visto che, a distanza di oltre 7 mesi, non c’è traccia delle risposte del Comune.  Sappiamo che sono state presentate 144 osservazioni, ma nulla ci è stato riferito circa l’esito delle istruttorie. Abbiamo anche chiesto che siano convocate con congruo anticipo le Commissioni che dovranno esaminare preventivamente il lavoro degli uffici e della Giunta, consentendo così al Consiglio di dare il proprio contributo.  Per ora non è accaduto nulla.

Intanto crescono i problemi urbanistici. Non vanno a conclusione i lavori del programma integrato d’intervento del Campo d’Aviazione e il risanamento della zona dei vecchi magazzini comunali di Via Cerrini. Alla Stazione c’è un piano di lottizzazione scaduto con interventi ancora da realizzare e opere di urbanizzazione ancora da completare. Del tanto decantato parco termale di Caldana si è perso traccia. Ci sono capannoni vuoti alla stazione e a Campo alla Croce. Il centro di Venturina si sta svuotando di attività commerciali e di servizi. Il centro storico di Campiglia si spopola d’inverno, mettendo in crisi le poche attività commerciali che vi sono rimaste.

Noi abbiamo espresso un giudizio molto negativo sul nuovo Regolamento Urbanistico proprio perché ignora questi problemi e punta tutto sulle espansioni, con nuove case e nuovi capannoni un po’ ovunque. Ignora la riqualificazione dei centri urbani. Ha aperto le porte alla speculazione nelle campagne. Ha previsto dai 400 ai 700 nuovi alloggi nei prossimi 5 anni quando sarà difficile portare a compimento anche quelli già avviati. Ha previsto altri 23 ettari di terreno per capannoni, quando si svuotano quelli già costruiti. Ci sarebbe da chiedersi come favorire il completamento degli investimenti in corso e invece la maggioranza ha ragionato solo su dove prevedere nuove lottizzazioni e nuovo consumo di suolo.

Le osservazioni – conclude la lista civica –   contengono questi rilievi e anche precise proposte. Le hanno fatte i cittadini, i gruppi consiliari di opposizione, la stessa Regione Toscana. Sono una opportunità per correggere gli errori del Regolamento adottato a maggio del 2010.   Se ne parli, dunque, prima possibile, in modo trasparente, ponendo al centro i bisogni reali dei cittadini e delle imprese e non le logiche della speculazione immobiliare che sono una delle cause della crisi in cui ci troviamo».

Comune dei Cittadini

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 13.4.2011. Registrato sotto politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    41 mesi, 1 giorno, 15 ore, 42 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it