PSI: BARATTI, LUCI ED OMBRE NEL NUOVO PIANO

Riceviamo e pubblichiamo dal partito socialista sul nuovo Piano per per Baratti.

«Il nuovo piano su Baratti – inizia il Partito Socialista – contiene indubbiamente alcune occasioni perse insieme ad altre importanti e positive conferme. Aver tolto lo stabilimento balneare dopo Canessa è un’occasione persa per riqualificare un’area degradata che oggi è un parcheggio privato e per ampliare e diversificare l’offerta dei servizi turistici su Baratti, sia che l’avesse potuta gestire la nascente struttura di Poggio all’Agnello, sia un altro soggetto. Stabilimento balneare che non avrebbe tolto un solo metro di spiaggia pubblica e non avrebbe aumentato la pressione su zone già oggi fortemente congestionate.

La conferma della scuola di vela è un fatto positivo, ma diventa un’occasione persa il suo ridimensionamento a struttura precaria stagionale che non le consentirà di diventare una base per gare  e per gli allenamenti di singoli atleti e squadre nelle varie stagioni dell’anno, come invece sarebbe stato se fossero rimaste le previsioni della prima bozza del piano. Occorrerà allora affrontare seriamente il tema nel prossimo Regolamento Urbanistico, perché una città sul mare non può rinunciare al turismo sportivo. Rispetto a quello che era un ottimo equilibrio tra riqualificazione, sviluppo e rispetto ambientale, vero patrimonio di questa zona, rimangono del vecchio piano le destinazioni turistico-ricettive del Casone, sia pure opportunamente rivista con altri servizi, e quella dell’ex Croce Rossa, insieme ai pontili galleggianti del campo boe. Le prime due previsioni sono molto importanti per ampliare e diversificare l’offerta turistica, con positive ricadute occupazionali e di reddito sul territorio.

I pontili galleggianti daranno finalmente un aspetto ordinato al campo boe e lo riqualificheranno, consentendone ulteriori sviluppi. Positivo poi il netto ridimensionamento delle Caldanelle, anche da noi richiesto per evitare un’inutile concorrenza con le attività commerciali di Baratti. Questi importanti elementi ci consentono di non valutare negativamente un piano che comunque ha perso parte del coraggio iniziale ed arretra su alcuni fronti dello sviluppo turistico.

Tutti poi devono senz’altro riconoscere al Comune grande capacità di ascolto – conclude il partito socialista – avendo accolto la gran parte delle conclusioni di un percorso partecipato anche da noi richiesto, ma una seria riflessione su questo strumento, anche in vista di utilizzi futuri, va fatta. A questo su Baratti infatti hanno partecipato in media 60 persone e di queste in media soltanto 16 sono state estratte a sorte per le relative discussioni da cui sono scaturite le conclusioni. Che a decidere, su Baratti, ma in futuro magari anche su altre cose rilevanti, siano numeri di questa portata pone più di un serio dubbio sulla validità di questo strumento.

Partito Socialista Italiano

PIOMBINO

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 3.3.2011. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “PSI: BARATTI, LUCI ED OMBRE NEL NUOVO PIANO”

  1. marco

    Volevo fare un commento ….ma mi cadono le braccia …. Ferrini spero propio che non sia tu che lo hai scritto, Comunque ,chiunque sia stato a cadere cosi’ in basso travestendosi da zerbino ufficio Sindaco, non ha capito che una sola di quelle 60 persone e’ molto piu’ intelligente ,pulita e capace di tutte quelle persone che hanno partorito il piano particolareggiato messe insieme. La vostra posizione l’avevamo gia capita tempo fa , non c’era bisogno che ce lo ricordavate. Ce lo ricorderemo per molto tempo, anche quando ci sara’ da mettere una x ! Il popolo si sta’ svegliando , gli sbagli e le furbate di ora le pagherete in futuro.
    saluti

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    41 mesi, 2 giorni, 17 ore, 20 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it