PD: FACCIAMO DEL NOSTRO MEGLIO SU PARCHI E AUTOSTRADA

la Val di Cornia

Riportiamo integralmente un comunicato stampa della federazione Val di Cornia del PD,  scritto congiuntamente da Claudio Capuano, Capogruppo Consiliare Pd di Piombino, Matteo Brogioni, Capogruppo Consiliare Campiglia Democratica, Vinicio Tambelli, Capogruppo Consiliare Suvereto Democratica e Paolo Corzani, Capogruppo Consiliare Per San Vincenzo.

«L ’attuale dibattito sulla soc. dei Parchi della Val di Cornia non può prescindere dai gravosi tagli operati dal Governo ai bilanci degli enti pubblici, costretti – come ben sanno, o dovrebbero sapere, anche gli amministratori e i consiglieri comunali tutti – a compiere veri e propri “salti mortali” per garantire comunque, per quanto possibile, il mantenimento di servizi minimi essenziali.

Nessuno mette in discussione il valore strategico della Società; ma, nello stesso tempo, non è certo scandaloso immaginarne una diversa riorganizzazione volta a razionalizzare spese e risorse.

In tal senso, la questione posta dal Sindaco di Piombino è determinata, nolenti o volenti, dalla necessità di rispettare i vincoli di spesa e del patto di stabilità imposti dal Governo come tagli e limiti ­– in beffa al tanto conclamato federalismo -, nei prossimi anni ancora più ingenti e stringenti.

La posizione di certe forze politiche di opposizione, ovvero le liste civiche presenti nei consigli comunali di Campiglia, Suvereto e San Vincenzo,che, pur consapevoli di tutto ciò, preferiscono far finta di niente, rappresentando le rispettive amministrazioni come “carnefici”, piuttosto che “vittime” dell’azione del Governo, sembra dunque più dettata da spirito di protagonismo demagogico che da buona fede e senso di responsabilità.

Sulla questione della SAT, il Partito Democratico della Val di Cornia ribadisce la posizione già espressa in ogni sede circa la necessità della gratuità dei pedaggi autostradali per i residenti, il collegamento con il porto e la realizzazione delle infrastrutture complementari; il tutto esattamente come dagli accordi siglati e mai rinnegati. Sui tempi e sui modi di applicazione degli impegni assunti, i Comuni e le altre istituzioni interessate si muoveranno opportunamente e in ragione delle loro diverse articolazioni, anche politiche, nelle sedi competenti: d’altra parte, siamo convinti che la complessità delle diverse questioni  in evidenza non consenta una eccessiva semplificazione delle stesse che mal si prestano a giudizi sommari e, spesso, superficiali.  Per spiegare meglio la questione, lunedì 7 verrà organizzata alla saletta comunale di Venturina, alle ore 21, un’iniziativa pubblica dove saranno presenti tutti i Sindaci della Val di Cornia, al fine di affrontare l’argomento in maniera chiara e senza pregiudizi di sorta.

Noi le questione determinanti per il nostro territorio le vogliamo affrontare e le affrontiamo in maniera unitaria. Quello che è stato ribadito oggi dalla lista civica di San Vincenzo a proposito dei pedaggi sui parcheggi e sulla Parchi non ci sembra vada in questa direzione. E’ molto facile parlare di sovracomunalità e di scelte strategiche d’area quando poi, non si ha la minima intenzione di confrontarsi sulle questioni che riguardano il nostro comprensorio, nel suo insieme.  Ma la politica a volte è fatta di chiacchere che servono solo ad apparire sui giornali e ad avere un po’ di visibilità. Noi non abbiamo bisogno di metterci in mostra ogni giorno, preferiamo darci da fare per dare risposte concrete ai cittadini che ci hanno votato e che vogliamo che ci votino in futuro, senza sentirci male se non vediamo la nostra foto su un quotidiano.

Per quanto infine riguarda la replica al segretario di federazione del PD, Valerio Fabiani, di Massimo Zucconi, a proposito del presunto conflitto di interessi tra il suo incarico di dirigente del Comune di Piombino e quello di capogruppo della lista civica di Campiglia Marittima “Comune dei Cittadini”, riteniamo, nel pieno riconoscimento del diritto di partecipazione alla politica attiva previsto dalla nostra Costituzione per tutti i cittadini (sia pure in gradi diversi per particolari professioni), e al di là di ogni valutazione (pur legittima) sul se e sul come un ruolo politico sia giuridicamente compatibile con quello professionale, di poter liberamente esprimere un giudizio politico di “mera opportunità”: invero, la doppia veste di Zucconi che, nel tempo libero, da rappresentante di una fazione politica di opposizione (ancorchè di un altro Comune), critica e contesta pubblicamente gli indirizzi politici del Comune da cui dipende, e durante l’orario di lavoro, da dirigente, è tenuto tali indirizzi a tradurre in atti e difendere, non può passare inosservata e non suscitare qualche legittima perplessità …»

Claudio Capuano, Capogruppo Consiliare Pd di Piombino;

Matteo Brogioni, Capogruppo Consiliare Campiglia Democratica;

Vinicio Tambelli, Capogruppo Consiliare Suvereto Democratica;

Paolo Corzani, Capogruppo Consiliare Per San Vincenzo.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 2.3.2011. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

5 Commenti per “PD: FACCIAMO DEL NOSTRO MEGLIO SU PARCHI E AUTOSTRADA”

  1. Giuliano Parodi

    Trovo sconcertante l’attacco fatto alle liste di opposizione da parte dei segretari del PD della Val di Cornia.

    Legittimo e’ dissentire sulle posizioni degli avversari politici, ma tacciare ogni volta di demagogia e populismo chi critica e pone un problema reale e’ stalinismo applicato.

    A 20 anni dal crollo del muro di Berlino vedere il partito,erede leggittimo,che del glorioso PCI ha conservato solo i peggiori difetti ed ha archiviato, purtroppo, insieme alle falce e martello i pregi di un partito capace di dialogare con i cittadini, e con le altre forze politiche senza scendere sempre nella bagarre e negli attacchi “ad personam”.

    Come presidente della Commissione Bilancio del Comune di Suvereto, mi dispiaccio delle parole espresse dal Capogruppo PD, Tambelli a mezzo stampa in merito al fatto che le Liste civiche strumentalizzano i tagli dello Stato centrale per far sembrare carnefici invece che vittime i Sindaci. Alla luce sopratutto del percorso che abbiamo fatto nelle varie commissioni dove Uniti per Suvereto ha condiviso le difficolta’ di un amministrazione che per quanto riguarda il nostro Comune ha fatto scelte precise che hanno trovato il plauso dell’opposizione perche tese al mantenimento dei servizi e al contenimento delle tariffe.

    Come ho avuto gia’ modo di sottolineare la scelta di accollarsi per intero il costo del trasporto scolastico dopo i drammatici tagli sul TPL della Regione e la costituzione di un fondo per aiutare le realta’ piu’ disagiate nel pagamento della TIA, sono indirizzi precisi che noi condividiamo fino in fondo.

    Il taglio dei fondi alla Parchi da parte del Comune di Piombino, l’oggetto del contendere di questi giorni, e’ scelta criticabile sopratutto in virtu’ di un Contratto di servizi stipulato anni fa, a cui tutti gli altri comuni hanno adempiuto anche nelle ristrettezze del bilancio 2011, sopratutto perche’ , e qui il discorso diventa piu’ ampio: stigmatizzare sia le azioni che la valenza della Parchi ad una mera questione economica, ridurre il problema ad un “parcheggificio” e’ deludente.

    Paradossale e ‘che un anno fa proprio Uniti per Suvereto, attraverso interrogazione consiliare sollevo’ il problema dell’aumento delle quote comunali per la gestione della Parchi, invertendo un trend che negli anni, vista anche la gestione oculata del Dott. Zucconi aveva visto la diminuzione costante della stessa, per quella semplice posizione critica volta a capire ed approfondire l’operato di una societa’ partecipata, fummo fatti bersaglio di accuse da parte delle Amministrazioni. Oggi gli stessi argomenti vengono usati dalle varie forze politiche per giustificare l’azione del comune di Piombino.
    Se riteniamo la gestione Parchi inadeguata allora agiamo sui vertici e sulle scelte strategiche della stessa in maniera concertata e unitaria.

    La soprpressione del Circondario, ossia la mancanza fisica di un ruolo dove incontrarsi, non doveva impedire ai Sindaci di stilare strategie sovracomunali congiunte, tagliare i fondi in maniera indiscriminata significa solamente abbandonare investimenti in cultura e storia che sono per il nostro territorio patrimonio inestimabile, patrimonio che non si salvaguarda certo alimentando quotidianamente a mezzo stampa sterili polemiche nei coinfronti delle opposizioni.

    Giuliano Parodi
    capogruppo Uniti per Suvereto
    Presidente Commissione Bilancio Comune Suvereto

  2. mario

    L’attacco a Zucconi è vergognoso, antidemocratico e stalinista. Ha ragione Parodi. Attaccano le persone perché non sanno cosa dire sui problemi reali, forse sanno di essere in difetto nei cofnronti dei cittadini, o forse non se rendono neanche conto presi come sono dai fumi del potere o peggio dall’ansia di servire chi è al potere. E poi diciamo la verità Zucconi era uno di loro. Basta cambiare idea per essere trattati così? è pazzesco sembra di essere in un altro paese

  3. giuliano parodi

    interessante come ravvisano un ipotetico conflitto d’interesse nel doppio ruolo di Zucconi. Parlando di autostrada… vorrei sapere dai 4 capigruppo cosa pensano del conflitto d’interessi REALE che grava sulle spalle del Dott.Bargone, presidente della SAT e commissario Governativo (pagato con soldi pubblici 200mila euro annui) che deve VIGILARE sui lavori dell’autostrada Tirrenica…Bargone ossia il Controllore di se stesso…
    aspetto ancora una risposta ufficiale da qualcuno del PD

  4. Giovani "Comune dei Cittadini"

    Campiglia Marittima, 2 Marzo 2011

    Il segretario del PD Valerio Fabiani prima, ed i quattro capigruppo del PD successivamente, sparano contro le liste civiche della Val di Cornia ed in particolare sul nostro capogruppo Massimo Zucconi. L’espediente politico della strumentalizzazione e la non tolleranza verso le critiche ed il dissenso appartengono ad un modo stantìo di concepire la politica. Dispiace che ad adottarli siano anche dei giovani come noi.

    Ci rattrista che un partito politico che governa, sulla base di uno storico consenso elettorale, debba fronteggiare le proprie difficoltà interne attaccando un soggetto politico per colpire tutto il movimento delle liste, createsi sul nostro territorio negli ultimi anni. Dovremmo piuttosto domandarci perché liste e comitati sono proliferati, e se non sia un po’ colpa delle maggioranze che ci hanno governato male, costringendo i cittadini a riprendersi quella politica troppo distante e divenuta spudoratamente autoreferenziale.

    Accusare un consigliere di una lista di minoranza, oltre che essere inutile, visto che non si tratta di discutere problemi reali che toccano la collettività, è anche poco opportuno perché in un certo senso si accusa Zucconi di scarsa trasparenza in quanto dirigente all’ambiente del Comune di Piombino, posizione che mal si concilierebbe con quella di consigliere di minoranza nel Comune di Campiglia.

    Questo concetto non si discosta molto dal significativo titolo dell’articolo: “Zucconi usa la sua posizione contro il Comune che gli da lavoro”. Una domanda ci sorge spontanea, ma se uno lavora nel settore pubblico, in un Comune, non può lamentare problemi o inefficienze delle amministrazioni? Deve rinunciare a fare politica di opposizione perché ci lavora? Deve avere paura di dire la propria opinione sotto il ricatto del lavoro? Con questo concetto un sindacalista, dipendente di un’azienda, dovrebbe rinunciare al proprio lavoro o alla carica sindacale, tutto in nome della democrazia e della trasparenza?.

    Come gruppo di giovani che vede nel Comune dei Cittadini e degli altri movimenti nati in Val di Cornia un esempio di buona politica ed un’occasione di impegno civile, vorremmo invitarli a stare più attenti ai contenuti e alle idee, evitando di attaccare le persone solo perché si permettono di criticare il potere. In particolare ai più giovani, vorremmo che interpretassero i nostri veri bisogni, e non di quella cerchia ristretta che vede nel Pd un’occasione per la propria vita o il proprio lavoro, bensì di tutti quelli che studiano, che non trovano lavoro, che sono stati spinti a fregarsene dei partiti, che non hanno luoghi di ritrovo né opportunità di impiego nel nostro territorio. Intanto il sindaco Anselmi, parlando di “codazzo” e altro continua ad offendere coloro che si impegnano. Non è un bel viatico per avvicinare i giovani alla politica.

    Gruppo giovani del Comune dei Cittadini

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    19 mesi, 14 giorni, 19 ore, 19 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it