PRO LOCO: PIU’ DI 60.000 FIRME PER «CUSTODIAMO LA NOSTRA STORIA»

Il presidente nazionale dell’UNPLI (Unione nazionale delle Pro Loco d’Italia) Claudio Nardocci ha inviato una lettera a tutte le Pro Loco che hanno partecipato alla raccolta di firme per la legge d’iniziativa popolare “Salviamo la nostra storia”  per informarle che le oltre 60.000 firme consegnate alla Camera dei Deputati il 16 gennaio scorso, sono state esaminate e ritenute valide, e pertanto la proposta di legge per la tutela delle tradizioni del nostro paese ha iniziato il suo iter ed è stata già passata alla competente Commissione parlamentare.

La nuova  legge contiene numerose nuove opportunità per le Pro Loco, promuove e tutela infatti il Patrimonio Culturale Immateriale, a difesa delle tradizioni, della cultura popolare, dell’artigianato delle leggende, delle tipicità dell’enogastronomia. La Legge, se e quando verrà approvata, consentirebbe un definitivo riconoscimento della secolare attività delle Pro Loco in tutta Italia, oltre a facilitare le svolgimento della infaticabile attività delle Associazioni iscritte all’Unpli che nel 2010 ha raggiunto il record di 5.750 Pro Loco iscritte, più di 600.000 soci che costituiscono una squadra di volontari che comunque merita rispetto ed ammirazione per tutto quello che è riuscito a creare in 130 anni di storia (Pieve Tesino, la prima Pro Loco d’Italia, compie 130 anni: sarà festeggiata dall’Unpli il 27, il 28 ed il 29 maggio con iniziative e convegni).

«Siamo molto soddisfatti di aver raggiunto il nostro obbiettivo – ha commentato il presidente della Pro Loco di Piombino Giuseppe Trinchini – in quanto nella nostra città sono state raccolte più di duecento firme di altrettanti cittadini che credono nel lavoro svolto dalle nostre associazioni in tutta Italia».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 21.2.2011. Registrato sotto Foto, sociale, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 17 giorni, 10 ore, 27 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it