UDC: SEMPRE PIU’ CRITICA LA SITUAZIONE DEI TRASPORTI

Riceviamo e pubblichaimo intervento dell’UDC sulla situazione dei trasporti in provincia di Livorno e l’interpellanza presentata in consiglio comunale a Piombino.

La situazione del trasporto pubblico locale in Val di Cornia sta attraversando un momento profondamente critico, oltre alle difficoltà prodotte dei tagli che ha comportato la legge di stabilità del Governo e di riflesso il bilancio della Regione, ci sono anche fattori negativi che riguardano la gestione della nuova azienda Tiemme.

Qualche problema legato ai cambiamenti in atto è comprensibile, ma che i problemi riguardino, come al solito, anche i rapporti interni all’area ATM, come sembra emergere da alcune dichiarazioni dei sindacati, è alquanto spiacevole.
Vorremmo sottolineare che le aziende partecipate sono proprietà dei cittadini e non di coloro che le credono proprie, solo perché all’interno hanno incarichi autorevoli nell’ambito della gestione aziendale.
Queste società hanno un ruolo preciso, ossia quello di erogare servizi e pertanto devono svolgere il loro compito nel miglior modo possibile, evitando di creare inutili disagi, soprattutto se originati da situazioni conflittuali interne, che non hanno nulla a che vedere con l’interesse generale.

Tiemme deve ridurre le corse per risparmiare e per far fronte alla riduzione di finanziamenti pubblici, ciò è evidente, ma bisogna che ci sia un piano preciso ed adeguato alle esigenze dei cittadini e non a presunti interessi di parte, come sembra emergere dal dibattito in corso.
Si fa riferimento a precisi percorsi che vengono modificati quotidianamente dall’azienda,  e che sono recepiti dagli utenti in modo profondamente negativo, poiché ingiustificati, oltretutto si agevolano tratte che non sono assolutamente frequentate.
Credevamo che la confluenza in Tiemme desse nuove opportunità al trasporto pubblico locale, invece i problemi del passato permangono con l’aggravio dell’ingente riduzione dei trasferimenti regionali.
Siamo preoccupati che le situazioni di disagio lamentate dagli autisti per la forte conflittualità all’interno dell’azienda, possano ricadere sia sulla qualità dei servizi e soprattutto sulla sicurezza pubblica alla quale deve essere sempre prestata il massimo dell’attenzione.
Nei prossimi giorni ci faremo promotori di un’ iniziativa per discutere della questione dei trasporti pubblici sul nostro territorio, cercando di sviscerare tutte le difficoltà che purtroppo da troppo tempo continuano ad affliggere tutto il settore.

Luigi Coppola (Coordinatore Provinciale UDC)
Massimo De Stefano (Coordinatore Comunale UDC Piombino)
Simone Verucci (Presidente Comunale UDC Piombino)

______________________________________

Soppressione collegamento Piombino-Ischia di Crociano per i lavoratori Lucchini

ORDINE DEL GIORNO

premesso che, la ristrutturazione del servizio di trasporto pubblico locale causato dalla riduzione di trasferimenti statali ha prodotto ingenti tagli alle corse urbane ed extraurbane nel nostro territorio;
considerato che, è stata soppressa la linea Piombino-Ischia di Crociano per il trasporto degli operai Lucchini (che entrano dall’ingresso Ischia di Crociano) che saranno costretti ad utilizzare esclusivamente mezzi propri per recarsi sul posto di lavoro;
preso atto che, il tratto di strada per recarsi da Piombino ad Ischia di Crociano è di norma altamente frequentato in quanto in prossimità dello svincolo della 398 e durante il periodo estivo il traffico raggiunge livelli elevatissimi per la forte caratterizzazione turistica delle aree circostanti;
dato che, il trasporto pubblico per i lavoratori Lucchini, che entrano dalla portineria di Ischia di Crociano per recarsi agli impianti dello stabilimento vicini a quell’area, è stato un servizio costante nel tempo ed utilissimo per coloro che non hanno un mezzo proprio di trasporto (molti dipendenti stranieri di ditte dell’indotto e non solo) o che  non possono utilizzarlo per necessità familiari;
rilevato che, il trasporto pubblico è un diritto sociale, soprattutto se utilizzato per recarsi sul posto di lavoro distante alcuni km dalla propria abitazione, ma soprattutto è garanzia di maggiore sicurezza in particolar modo per i lavoratori turnanti;
preso atto altresì che, gran parte dei dipendenti della Lucchini abitano nell’area urbana di Piombino, dove peraltro si trova l’ingresso principlae allo stabilimento, utilizzato un tempo da migliaia di lavoratori;
rilevato altresì che, all’interno dello stabilimento Lucchini esiste un traffico interno con auto per coloro che hanno mansioni più qualificate ed autobus per gli operai che si recano agli impianti od agli spogliatoi;

Il Consiglio Comunale
–    manifesta il proprio disagio di fronte alla soppressione del servizio di collegamento Piombino Ischia di Crociano utilizzato dai lavoratori Lucchini;
–    invita i vertici Tiemme a rivedere le proprie decisioni, ripristinando il servizio di collegamento Piombino-Ischia di Crociano utilizzato dai lavoratori Lucchini;
–    invita  i vertici della Lucchini-Severstal, nel caso Tiemme non rivedesse le proprie decisioni, ad agevolare i propri dipendenti che non possono più utilizzare il collegamento Piombino-Ischia di Crociano, compatibilmente con le loro esigenze aziendali, permettendogli di entrare dall’ingresso principale in Via Medaglie d’Oro ed d ad utilizzare gli autobus di trasporto interno per recarsi agli impianti ubicati nell’area limitrofa ad Ischia di Crociano;
–    invita il Sindaco di Piombino ed il Presidente del Consiglio ad incontrare i vertici Tiemme e Luchini-Severstal, per porre le questioni presenti nell’ O.d.G. in discussione;


Il Consigliere
Luigi Coppola

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 12.1.2011. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 27 giorni, 1 ora, 45 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it