BARATTI: MARINI PER NOI PARLAVA SOLO A TITOLO PERSONALE

Il casone oggi

Riportiamo un intervento di due consiglieri del quartiere Fiorentina-Populonia, Enrico Nannini e Daniele Quinti, che vogliono fare alcune precisazioni sull’intervento del Presidente di Quartire Mauro Marini. Leggiamolo insieme integralmente.

«Alcuni giorni fa sono apparsi dei giudizi dati dall’attuale Presidente del Quartiere Fiorentina – Populonia sulla vicenda del Piano particolareggiato di Baratti. Tali giudizi, se dati in veste personale, sono senz’altro rispettabili. Ognuno ha la sua opinione e deve avere possibilità di darla, sempre. Ognuno pensa ciò che vuole e non c’è granché da sindacare.

Diverso è se sono dati in nome del Quartiere a cui, politicamente, lui è stato demandato come suo capo.  Vorremmo precisare che il Consiglio di Quartiere attuale, a noi sembra, non è stato coinvolto attivamente sul Piano particolareggiato né tanto meno ha espresso una stesura finale di un comunicato.  Visto che il Presidente si è dichiarato lo facciamo anche noi .

E’ senz’altro positivo aver avviato un percorso partecipativo, peccato che lo si sia fatto tardi. E peccato che si è, involontariamente, ribadito l’errore visto che si sono dati 2 paletti non spostabili (ma essenziali) come l’aumento di presenza umana data dalla nuove strutture a servizio dei Residence di Poggio all’Agnello e del Casone.

Sempre a proposito dell’andamento del Consiglio di Quartiere vorremmo far presente che fin dall’inizio dell’attuale legislatura è stato chiesto di discutere la questione dell’ingresso viario ad Ovest di Viale Unità d’Italia. Si parla della Fiorentina – Diaccioni, della Poggio ai Venti – San Rocco, della Val del Melo – Diaccioni. Insomma si parla di una parte del territorio che è di competenza del nostro Quartiere. E’ stata ripetutamente negata tale possibilità. A detta del Presidente non c’è niente da chiarire. Ci auguriamo che qualcuno, più in alto, dia il via libera almeno ad una semplice esposizione dell’attuale stato delle cose.

Per ultimo vorremmo esprimere una speranza. I Quartieri, per legge nazionale, hanno perso alcuni poteri. Ma la volontà politica locale forse potrebbe dare il via libera, in qualche forma consona, all’obiettivo espresso anche da una petizione presentata di recente al Consiglio Comunale da 300 cittadini piombinesi, quello di non farli essere dei semplici passacarte.

Piombino, 7-1-2011

Enrico NANNINI Consigliere di Quartiere – indipendente SEL
Daniele QUINTI  Consigliere di Quartiere – PD

___________________________________________

Vi riportiamo per diritto di cronaca un estratto dell’intervento di Mauro Marini come apparso nelle pagine di attualità di Piombino de “IL TIRRENO” del 27-12-2010

PIOMBINO. Baratti: un progetto teso al riequilibrio del territorio e dell’ambiente.
Il giudizio è di Mauro Marini, presidente del quartiere Populonia-Fiorentina per il quale il concetto di percorso partecipativo è una “buona pratica” amministrativa, «tanto che – dice – il quartiere Populonia è stato coinvolto attivamente fin dalla fase preliminare di discussione e presentazione del piano stesso».

«Come presidente di quartiere, come dirigente politico ma soprattutto come cittadino, – prosegue ancora Marini – colgo nel progetto del piano particolareggiato di Baratti la volontà di cercare un punto di equilibrio tra l’ambiente, la fruibilità turistica e servizi all’utenza».
«Come è naturale – sottolinea – non tutti possono apprezzare la solita cosa, è giusto un confronto per cambiare o superare alcuni particolari».

«Il Comitato Giù le mani da Baratti – chiude Mauro Marini – nasce come movimento di opinione e tale deve rimanere. Ma dalle ultime prese di posizione mi sembra di percepire una non volontà di migliorare il piano ma bensì la strumentalizzazione dello stesso a fini puramente politici».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 7.1.2011. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    41 mesi, 2 giorni, 23 ore, 3 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it