PIOMBINO: UN PERCORSO PARTECIPATO PER IL FUTURO DI BARATTI

Presentato il piano di partecipazione pubblica per la valorizzazione del golfo di Baratti. Il percorso sarà articolato in varie tappe ed avrà durata di 3 mesi. Al termine del lavoro, a cui parteciperanno l’amministrazione comunale, i rappresentanti degli interessi ed i cittadini, verrà redatto un resoconto con le proposte emerse e con i suggerimenti per il futuro sviluppo della zona. Restano alcuni vincoli strutturali alla partecipazione che vedranno coinvolta la zona del “Casone” attualmente in mano a privati.

“Scopo del piano partecipativo è quello di fornire alla comunità tutte le informazioni sulla proposta dell’amministrazione e stimolare il dibattito riguardo al futuro di una delle perle del nostro territorio, – esordisce il sindaco Anselmi – auspicando la creazione di un dibattito serio e scevro da preconcetti ideologici”. “La nostra proposta – prosegue – è seria perchè non aumenta la cementificazione ed ha come obbiettivi la tutela della morfologia e dell’atmosfera complessiva della zona”.

Ulteriore questione è quella riguardante la congestione dell’arenile che potrebbe essere causata dall’apertura della nuova struttura turistico-ricettiva di Poggio all’Agnello. Dopo aver ribadito parere positivo sulla nascita del complesso, il sindaco ha garantito una accurata analisi del problema ed ha promosso l’idea del riutilizzo della zona di Canessa, attualmente adibita a parcheggio, per l’accoglienza dei visitatori.

Queste le tappe del piano che inizierà a novembre e terminerà a gennaio con la redazione del progetto finale: la prima fase, di informazione e partecipazione, si aprirà il 14 novembre con una “camminata” pubblica nella zona del Golfo e vedrà la partecipazione dei cittadini, del Sindaco e dei tecnici che illustreranno le proposte dell’amministrazione. Il secondo incontro, previsto per il 21 o il 28 dello stesso mese, toccherà i punti nevralgici di Populonia e della Porta al Parco.

Il mese di dicembre sarà caratterizzato da 3 incontri tematici che si terranno il 3, il 10 ed il 17 a Palazzo Appiani. Verranno promossi vari tavoli di discussione coadiuvati da facilitatori e tecnici con la partecipazione di un campione di cittadini del comune.

Il costo del percorso per le casse dell’amministrazione sarà di 13.000 Euro.

Restano alcuni elementi che non potranno essere inseriti nel progetto partecipativo: non sarà oggetto di discussione l’ espropriabilità del “Casone”, attualmente gestito dalla società fiorentina Sogespa (che si occupa di RSA), in quanto il comune non ha al momento le risorse per acquisire la struttura. La stessa zona non verrà considerata nel percorso finchè non ci saranno le condizioni per garantire un investimento che inciderebbe per 3-5 milioni di Euro sulle cassa comunali.

Aperte alla discussione pubblica ed alle proposte saranno le questioni riguardanti il futuro della pineta antistante l’arenile, la gestione della Porta al parco e la riconversione del terreno della zona del centro velico.

Per allargare la partecipazione a tutti gli interessati l’amministrazione ha aperto un canale di posta elettronica visibile sul sito del Comune sul quale far pervenire suggerimenti e proposte per il futuro del Golfo all’indirizzo baratti@comune.piombino.li.it

Andrea Fabbri

__________________________________

Coinvolgimento dei cittadini sul Piano particolareggiato di Baratti: ipotesi di lavoro

Il percorso

Il percorso di partecipazione su Baratti ha l’obiettivo di coinvolgere gli stakeholder e i cittadini organizzati e non, e nella discussione sulla proposta di Piano particolareggiato per Baratti e nella stesura di linee guida per il suo completamento.

Il percorso avrà l’obiettivo di fornire informazioni chiare e dettagliate sugli obiettivi e sulle ipotesi di intervento; raccogliere dubbi e fornire risposte; raccogliere opinioni e trovare soluzioni il più possibile condivise.

Per questo il percorso proposto si articola in momenti di informazione e momenti di lavoro in gruppi ed è aperto a tutti gli attori presenti sul territorio.

Le fasi

Il percorso si svilupperà in 3 fasi: informazione e comunicazione; discussione; restituzione.

1. Informazione e Comunicazione

Per dare modo a tutti i cittadini interessati, inclusi coloro che dovessero decidere di non partecipare alle giornate di lavoro, di venire a conoscenza dell’avvio del percorso e di ricevere informazioni complete e comprensibili, sarà necessario realizzare una serie di azioni:

1.      Conferenza stampa di avvio del percorso;

2.      Pubblicizzazione dell’avvio del percorso sulla stampa locale e sul periodico comunale;

3.      Predisposizione di una pagina sul sito del Comune che sia dedicata al percorso, dove sia possibile trovare il materiale e apertura di un indirizzo mail per l’invio di domande e contributi sul Piano da parte dei cittadini;

4.      Realizzazione di una “Guida” sintetica al Piano particolareggiato nel quale siano presentate in modo semplice gli obiettivi del Piano, le ipotesi di intervento dell’Amministrazione e siano chiariti gli ambiti attorno ai quali è aperta la discussione con i cittadini e quali elementi sono effettivamente negoziabili.

A conclusione di queste azioni, verranno organizzati momenti di “informazione e comunicazione” non convenzionale, che daranno avvio alla fase di confronto e coinvolgimento diretto dei cittadini. Si propone infatti la realizzazione di due camminate nell’area alle quali saranno invitati a partecipare tutti gli interessati.

La prima delle due camminate costituirà l’apertura ufficiale del percorso e sarà dunque il momento in cui l’amministrazione aprirà il dialogo con i cittadini; per questo è importante che il Sindaco e gli Assessori di riferimento garantiscano la propria presenza all’evento.

La prima camminata con presentazione ufficiale del percorso si terrà nel Golfo di Baratti.

La seconda camminata si terrà in una giornata successiva (a distanza di una settimana) e toccherà due tappe: Populonia e area della Porta al Parco.[2]

Le camminate saranno guidate dallo staff di Sociolab con la collaborazione dei tecnici dell’Ufficio urbanistica e dell’Arch. Silvia Viviani che lungo la camminata potranno dare spiegazioni e rispondere a domande.

La guida sintetica al Piano particolareggiato sarà predisposta in previsione delle camminate e dei successivi incontri tematici di discussione  e verrà resa disponibile ai partecipanti prima delle camminate; per questo è utile che coloro che sono interessati confermino la propria presenza alle visite mediante un’iscrizione telefonica o via web.

L’insieme delle domande espresse dai partecipanti corredate dalle risposte fornite dai tecnici e dall’amministrazione durante le camminate verrà riportato su un report preliminare e pubblicato sul sito del Comune. Sul medesimo documento saranno indicate le considerazioni e le osservazioni raccolte durante le camminate.

2. Discussione

A distanza di alcune settimane dalle camminate saranno organizzati tre incontri di discussione tematici[3] che saranno individuati di concerto con l’amministrazione.

Dall’analisi del materiale sembra che i temi principali sui quali discutere con i cittadini e gli stakeholder non possano escludere l’identità del golfo di Baratti, la fruizione degli spazi, la mobilità, la visione per la Porta al Parco.

Il lavoro sarà svolto in piccoli gruppi facilitati.

Al termine di ciascun incontro sarà redatto un report e al termine del percorso un report complessivo che sarà validato dai partecipanti prima di essere consegnato all’Amministrazione.

3. Assemblea pubblica di restituzione

In data da stabilire sulla base del rapporto l’Amministrazione incontrerà i cittadini in un’assemblea pubblica per esprimere le proprie posizioni.

I partecipanti

Agli incontri di lavoro saranno invitati a partecipare circa 60 tra cittadini e stakeholder.

Per garantire che la discussione faccia emergere la varietà dei punti di vista sui diversi aspetti del piano particolareggiato per Baratti saranno dunque invitati a partecipare i commercianti che hanno interessi diretti sull’area, i rappresentanti di associazioni ambientaliste che lavorano sul territorio, gli esponenti dei comitati e tutti gli altri portatori di interesse che l’amministrazione ritenesse utile coinvolgere.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 18.10.2010. Registrato sotto ambiente/territorio, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 25 giorni, 16 ore, 10 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it