VAL DI CORNIA: TROVA IL RUDERE E COSTRUISCI QUANTO VUOI?

Importante denuncia della lista civica di Campiglia “Comune dei Cittadini” che fa notare che basta trovare tracce di ruderi su una qualunque fetta di territorio della Val di Cornia per poter “recuperare” quelle volumetrie e costruire qualsiasi cosa. Per il Regolamento Urbanistico di Campiglia quindi i ruderi possono essere ricostruiti: basta rinvenire una traccia di fondazione. Per documentare la sua esistenza si potrà ricorrere anche  agli archivi storici e alle Soprintendenze.

«Con questa norma, ad esempio – inizia il comunicato –  se non ci fossero state le ricerche archeologiche del Prof. Francovich, al posto dei “ruderi” del villaggio medioevale di San Silvestro sarebbero potute sorgere nuove costruzioni. Non ci si meravigli: in Italia è accaduto frequentemente di ricostruire su “ruderi” archeologici, ma si pensava che l’evoluzione culturale avesse prodotto qualche ravvedimento. Evidentemente a Campiglia non è così. Storia, archeologia e paesaggio non sembrano contare molto: dove c’era un edificio se ne può costruire uno nuovo. Siccome non vogliamo travisare le volontà di nessuno, riportiamo integralmente l’art. 32 delle norme tecniche del Regolamento Urbanistico di Campiglia, valide anche per Suvereto e Piombino».

E’ ammessa la ricostruzione di ruderi, purché sia prodotta idonea documentazione storica, grafica, fotografica (accatastamenti e rilievi topografici reperibili presso l’Agenzia del territorio; contratti o atti relativi a trasferimenti o costituzione di diritti reali sul bene; documentazione esistente e in deposito presso altri organi della PubblicaAmministrazione, Genio Civile, Archivio di Stato, Soprintendenza Beni Culturali ePaesaggistici), che ne illustri con sufficiente chiarezza ubicazione e dimensione e purché siano ancora esistenti elementi strutturali incontrovertibili o vi sia l’esistenza in sito di parti di edificio rimanenti che consentano, almeno planimetricamente, una precisa ed inequivocabile identificazione dello stesso. Le funzioni ammesse sono quelle del tessuto in cui il rudere ricade o quelle stabilite dalla disciplina del territorio rurale nel caso in cui ricada nel territorio aperto. I ruderi di fabbricati rurali facenti parte di aziende agricole, se ricostruiti, mantengono le funzioni agricole ivi compresa quella agrituristica”.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 26.7.2010. Registrato sotto politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    42 mesi, 19 giorni, 20 ore, 48 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it