PIOMBINO: I NUOVI ORARI DEL COMMERCIO

Via Vittorio Emanuele

Via Vittorio Emanuele

Nuove regole per l’apertura e la chiusura al pubblico degli esercizi commerciali al dettaglio nei Comuni della Val di Cornia. Una ordinanza, emanata dal Comune di Piombino, fissa infatti nuove norme e orari di apertura giornalieri, infrasettimanali, festivi e domenicali, cercando di venire incontro il più possibile alle esigenze dei consumatori, dei lavoratori e tenendo di conto dei flussi turistici nei Comuni.

L’ordinanza, che entra in vigore dal prossimo 22 aprile e che avrà carattere sperimentale fino al 31 marzo 2011, è il risultato di un accordo, elaborato a seguito di una serie di incontri di concertazione che si sono svolti dal mese di dicembre scorso tra tutti i Comuni della Val di Cornia, tramite il Circondario, le associazioni di categoria e quelle a tutela dei consumatori, gli enti le organizzazione sindacali più rappresentative.

Queste le novità introdotte, che ampliano le possibilità di aperture dei negozi al dettaglio, offrendo un servizio più ampio e flessibile.
Orario giornaliero di apertura L’ordinanza fissa la possibilità per gli esercizi di rimanere aperti al pubblico dalle ore 7 alle ore 22, fino a un massimo di tredici ore giornaliere, e di poter svolgere l’attività in maniera continuativa.
Nel periodo di vigenza dell’ora legale, inoltre, è consentito di anticipare l’apertura fino a un massimo di due ore e di posticipare la chiusura fino alle ore 24, derogando dal limite delle 13 ore giornaliere.
Chiusura infrasettimanale. Resta la facoltà di osservare una mezza giornata di chiusura infrasettimanale, determinata liberamente dagli esercenti.
Chiusure festive. Obbligo di chiusura il 1° gennaio, Pasqua, lunedì dell’Angelo, 25 aprile, 1° maggio, 25 e 26 dicembre.

Nei giorni di Pasqua, Pasquetta, 25 aprile, 1° maggio e 26 dicembre gli esercizi di vicinato possono comunque avvalersi della facoltà di rimanere aperti, mentre solo nei giorni del 25 aprile, 1° maggio e Pasquetta, nel caso in cui si svolgano manifestazioni di particolare rilevanza che prevedano un notevole afflusso di persone, le amministrazioni comunali possono concedere, previa concertazione con le parti sociali interessate, una deroga alla chiusura festiva delle medie e grandi strutture di vendita.

Chiusure domenicali. Gli esercizi commerciali di vicinato possono rimanere aperti la domenica nel periodo che va dal 15 gennaio al 31 marzo e dal 1° ottobre al 14 novembre. La media e la grande distribuzione, invece, ha l’obbligo di chiusura di mezza giornata, mattina o pomeriggio.
Deroghe alle chiusure domenicali sono previste nelle prime due domeniche di gennaio e durante i periodi che vanno dal 1° aprile al 30 settembre, e dal 15 novembre al 31 dicembre. Nel caso di due o più festività consecutive, gli esercizi commerciali dovranno garantire inoltre l’apertura al pubblico per almeno una giornata di festa, secondo le modalità stabilite di volta in volta.
Ogni esercizio dovrà rendere noto al pubblico l’orario di apertura e chiusura e l’eventuale orari di chiusura per riposo settimanale.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 20.4.2010. Registrato sotto Economia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 29 giorni, 16 ore, 14 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it