LA TOSCANA TORNA AL VOTO IL 27 E 28 MARZO 2010

voto_elezioniIl presidente della giunta regionale ha firmato oggi l’indizione dei comizi elettorali. Per eleggere il nuovo presidente e il nuovo consiglio regionale si voterà domenica  28 e lunedì 29 marzo 2010. Un voto di particolare importanza per gli equilibri che potrà conservare o spostare, anche dentro il parlamento nazionale, anche nell’ottica che poi, a meno di elezioni straordinarie, non si tornerà più alle urne per almeno tre anni.

Sono tredici le Regioni che rinnoveranno rappresentanti e governo. Ma in Toscana si voterà anche in sei comuni per il rinnovo di sindaci e consigli comunali: a Pietrasanta (Lu), Villafranca (Ms), Coreglia Alteminelli (Lu), Montieri (Gr), Scarperia (Fi) e Orciano Pisano (Pi).
Con l’indizione dei comizi elettorali scattano anche le norme sulla par condicio (Legge 28/2000), che regolano tra l’altro l’attività di informazione e comunicazione istituzionale delle amministrazione pubbliche. Da oggi l’Agenzia di informazione della giunta si limiterà così a pubblicare solo le notizie, in forma impersonale, legate all’attività dell’ente e necessarie all’effi cace espletamento delle sue funzioni.

Tra il 26 e 27 febbraio la presentazione dei candidati
Indetti i comizi elettorali, inizia il conto alla rovescia per la presentazione delle candidature. Partiti e forze politiche hanno a disposizione meno di venti giorni: dalle 8 alle 20 di venerdì 26 e dalle 8 alle 12 di sabato 27 dovranno presentare i candidati alla presidenza e i candidati delle circoscrizioni provinciali per un seggio in consiglio. Nomi e liste che dovranno essere seguite da firme raccolte tra i cittadini elettori, come previsto dalla legge elettorale regionale: tra 1.750 e  2.500 a Firenze, tra 750 e 1.000 a Massa-Carrara, tra 1.000 e 1.500 in tutte le altre otto province toscane. Liste e candidati diventeranno comunque ufficiali solo dopo l’esame da parte del Tribunale e della Corte d’appello. Se non ci saranno ricorsi, basteranno 48 ore per il via libera. In caso di contestazioni, la pronuncia potrebbe slittare fino al 3 marzo.

Quanti candidati consiglieri nelle dieci province
Da venerdì 12 febbraio gli uffici elettorali dei Comuni dovranno rimanere aperti, per la sottoscrizione delle liste, almeno 8 ore al giorno da lunedì al venerdì e 8 ore anche sabato 20 e domenica 21 febbraio, oltre ai giorni di presentazione delle liste. Nei comuni con meno di tremila abitanti gli uffici dovranno rimanere aperti per almeno 4 ore al giorno.
Il numero massimo dei candidati consiglieri per ciascuna lista varia a seconda della popolazione della provincia. A Prato, Massa-Carrara  e Grosseto non potranno essere più tre, a Siena e Pistoia gli aspiranti consiglieri di ogni lista potranno arrivare a 4, 5 a Livorno ed Arezzo, 6 a Pisa e Lucca e 14 a Firenze. In ciascuna lista non potranno essere presentati più di due terzi di candidati dello stesso genere. Se su tre aspiranti consiglieri due sono maschi, il terzo dovrà essere donna . O viceversa. Il candidato presidente dovrà indicare anche chi intende nominare vice-presidente della giunta regionale.

Tutte le informazioni sul sito della Regione
Sul sito della Regione Toscana, www.regione.toscana.it, c’è uno speciale tutto dedicato alle elezioni. Navigando all’interno potranno essere scaricati i moduli necessari per la presentazione delle liste, il calendario delle operazioni prima del voto, il testo della legge elettorale regionale, guide, circolari ed altri informazioni utili. Sulle stesse pagine saranno pubblicati anche i comunicati stampa di servizio e, durante lo spoglio dei voti il 29 marzo, i risultati aggiornati in tempo reale.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 9.2.2010. Registrato sotto cronaca, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 29 giorni, 0 ore, 13 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it