GHERARDO COLOMBO A PIOMBINO PER LA CAROVANA ANTIMAFIA

Gherardo_ColomboL’ex pm Gherardo Colombo conclude le iniziative legate alla Carovana antimafie, con un’incontro con gli studenti, al cinema Metropolitan, promosso dall’associazione “R. Toffolutti” : «Non Sono i Re e gli Imperatori che fanno cambiare il Pensiero; sono le Persone a mutarlo».

Cinema Metropolitan affollato dagli studenti delle scuole superiori di Piombino, per l’incontro con l’ex pm Gherardo Colombo sui temi del lavoro, dei diritti, della legalità, delle regole e della sicurezza, svoltosi giovedì 17 dicembre. In realtà si è trattato di un continuo dialogo tra l’ex magistrato e gli studenti durato quasi due ore. Colombo che ha abbandonato da due anni la magistratura si è dedicato, da allora, a continui incontri con gli studenti delle scuole di vario grado. “ Sento che questo mio impegno è importante perché serve a voi, giovani, che siete il futuro  e che per questo dovete acquisire il senso della responsabilità “ – ha detto agli studenti che lo hanno seguito con interesse, rivolgendo molte domande, dopo aver rotto un’iniziale esitazione.

L’ex pm di “ Mani pulite “ ha scelto di svolgere il lungo dialogo muovendosi tra le poltroncine della platea ed avvicinando i ragazzi con un contatto diretto, lasciando il palco, immediatamente dopo la presentazione da parte dell’avvocato Fabrizio Callaioli, a nome dell’associazione “R. Toffolutti” promotrice dell’iniziativa, ed il saluto dell’assessore Anna Tempestini per il Comune di Piombino. Sul palco lo avevano accompagnato, per l’avvio dell’incontro Valeria Parrini, presidente dell’associazione “ R. Toffolutti” ed Ado Grilli per l’ARCI comprensoriale che, insieme a Libera, Avviso Pubblico e, localmente, UISP, CGIL e Rete Radiè Resch, hanno curato l’organizzazione del passaggio della Carovana Antimafie, alla quale l’iniziativa era collegata.

“ Secondo voi può esserci una democrazia senza impegno ? “ – ha domandato ai ragazzi il magistrato, tenendo tra le mani la Costituzione. Molte le domande su questo filone. Colombo ha risposto, con una vera e propria lezione di Diritto, sottolineando: “ La democrazia non può esistere senza l’impegno dei cittadini, altrimenti, anche in presenza di regole, sarà sempre destinata a trasformarsi in qualcosa d’altro. Il lavoro è l’impegno. E l’Italia è una democrazia fondata sul lavoro, e quindi anche sull’impegno, che, nel caso specifico della sicurezza, è anche l’impegno che garantisce che sia difficile cadere da un’impalcatura. E’ l’impegno ad allacciare la cintura, ma anche a controllare che la cintura sia allacciata”.

Di fronte alla sfiducia nel cambiamento, da parte di alcuni studenti ha replicato: “ Ricordate Cesare Beccaria? Le sue idee permisero di abolire la tortura nel giro di pochissimo, dopo la pubblicazione del suo libro “ Dei delitti e delle pene”. Se avesse scritto quel libro  cento anni prima lo avrebbero bruciato. Cos’è cambiato ? . E’ cambiato che non sono i re o gli imperatori che fanno cambiare il pensiero sono le persone a mutarlo, attraverso impercettibili ma incessanti, cambiamenti quotidiani. Anche attraverso molti rischi “.

A.G.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 20.12.2009. Registrato sotto cronaca, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

2 Commenti per “GHERARDO COLOMBO A PIOMBINO PER LA CAROVANA ANTIMAFIA”

  1. marco

    grande ghera!!!!!!!!!!!

  2. e’ meraviglioso come ci tenete al corrente delle notizie. Grazie

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 23 giorni, 23 ore, 34 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it