PIOMBINO: A RISCHIO CHIUSURA LO STABILIMENTO DALMINE

Tubi Dalmine

Tubi Dalmine

Nella giornata di lunedì 28 settembre si è svolto un incontro tra la direzione aziendale e il coordinamento sindacale degli stabilimenti italiani del gruppo Tenaris-Dalmine, una dei più importanti gruppi multinazionali nel campo . Nel corso dell’incontro è stato presentato il piano industriale 2010-2011, che prevede investimenti per 114 milioni di euro in due anni con l’obiettivo di perseguire un “riposizionamento strategico” per l’azienda. Gli investimenti saranno concentrati sugli impianti strategici e sono destinati all’ampliamento delle gamme di prodotto, alla razionalizzazione impiantistica delle linee di finitura-filettatura, al miglioramento di produttività ed efficienza. L’implementazione del piano industriale richiede, secondo i vertici aziendali, un riassetto degli organici “coerente” con una prospettiva di produzione attestata nei prossimi anni su una media di 550 mila tonnellate all’anno, rispetto alla punta di 877 mila raggiunte nel 2008.

I fattori che hanno determinato questo mutamento sono, secondo l’azienda, l’incremento esponenziale della concorrenza internazionale, causato dall’aumento di capacità produttiva a livello mondiale. La Cina ha accresciuto del 55% la sua capacità produttiva dal 2005 al 2009 e sta continuando ad investire in nuovi impianti: oggi la sua capacità è di 28 milioni di tonnellate di tubi senza saldatura l’anno, superiore al fabbisogno complessivo mondiale (pari a circa 27 milioni di tonnellate l’anno). A ciò si aggiunge il ridimensionamento strutturale dell’attività di alcuni settori industriali destinatari di tubi senza saldatura, il progressivo ed irreversibile calo di economicità di alcune tipologie di produzioni standard e scarsamente differenziate (come ad esempio i tubi di piccolo diametro per applicazioni meccaniche, per il settore automotive, per la termica).

Il piano prevede la chiusura dello stabilimento di Piombino (LI), il forte ridimensionamento di quello di Costa Volpino (BG) e Arcore (MB), il graduale disimpegno delle attività Fapi (tubi piccoli) a Dalmine (BG) e una generale riorganizzazione che coinvolge tutta l’azienda. L’impatto occupazionale di queste scelte viene quantificato in 1.024 lavoratori in esubero (più di un terzo dei 2.814 dipendenti in forza negli stabilimenti italiani di Tenaris), con la previsione di 717 posti in meno a Dalmine e Sabbio (da 2.218 a 1.501 dipendenti), 119 a Costa Volpino (da 247 a 161), 64 ad Arcore (da 225 a 161) e 124 a Piombino.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 1.10.2009. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 20 giorni, 16 ore, 35 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it