NO AUTOSTRADA: “SIT IN” IN PROVINCIA GIOVEDI MATTINA

Un tratto della SS1 Aurelia

Un tratto della SS1 Aurelia

Il coordinamento dei comitati no autostrada si è riunito d’urgenza lunedi 28 alle 19.00 nei locali dell’Arci Bassa Val di Cecina per rispondere a questo autoritario tentativo di passare sopra alla testa dei cittadini imponendo decisioni prese dall’alto. Erano presenti  ARCI Comitato Territoriale; AttivArci di Venturina; Associazione “Ciao Enrico”; Associazione “Monica C” di Donoratico; Associazione “In viaggio con noi” di Castagneto Carducci; Coordinamento Toscano Produttori Biologici; Legambiente; Rete Redié Resch di Venturina; Federazione Livornese del Partito della Rifondazione Comunista; Federazione dei Verdi di Livorno; Partito dei Comunisti Italiani di Donoratico; Forum per San Vincenzo; Lista civica “L’Alternativa” di Bibbona, salviamo Cecina.

«Annunciando il sit in organizzato dal coordinamento del comitato “no autostrada” in occasione dell’incontro fra istituzioni previsto in Provincia per quel giorno, il “No al lotto numero uno è il primo punto di condivisione emerso dall’incontro».  Il Comitato esprime ferma opposizione e avanza proposte in merito al progetto autostrada sollevando, fra le altre cose,il sospetto che dietro alla “manovra autostrada” e allo stralcio del progetto ci sia una trama politica tessuta in funzione delle prossime elezioni regionali.

Oltre al “no al lotto numero uno” l’altro punto da tutti condiviso è l’affermazione del diritto ad un percorso partecipato con la cittadinanza e per il quale richiediamo alle amministrazioni locali di prevedere consigli comunali aperti. Nello specifico il comitato è assolutamente contrario al lotto numero 1 e allo “spezzettamento” del territorio che ne deriverebbe, sostenendo la stessa posizione dei comuni. Riteniamo che il progetto attuativo debba basarsi su un piano finanziario sostenibile di cui vogliamo conoscere i dettagli e che debba comprendere l’intero tratto autostradale.

«A tutela del territorio deve essere presentato un progetto unitario che comprenda l’intero tratto» – commenta il comitato. «Stiamo chiedendo da almeno dieci anni che vengano esaminati due progetti distinti e visto l’iter autoritario adottato, che trascura la volontà popolare e il diritto alla partecipazione sancito dalla legge, lavoreremo per dare forza alla voce dei cittadini che vogliono dire la loro su un progetto che potrebbe migliorare o peggiorare la qualità della vita di tutta la cittadinanza».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 30.9.2009. Registrato sotto sociale, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 26 giorni, 9 ore, 39 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it