PARTE IL NUOVO ANNO SCOLASTICO ANCHE A PIOMBINO

Il liceo Carducci di Piombino

Il liceo Carducci di Piombino

Da lunedì 14 gli studenti di Piombino, dalle scuole materne alle scuole superiori, torneranno sui banchi di scuola. In tutto 3.924 alunni compresi i più piccoli delle scuole dell’infanzia, dai 3 ai 5 anni.

Le scuole materne infatti inizieranno le attività didattiche con orario ridotto 8-13 senza servizio mensa almeno per la prima settimana e, in alcuni casi anche per la seconda, per favorire gli inserimenti dei più piccoli e l’organizzazione didattica. Attualmente nel Comune di Piombino ci sono 8 sedi di scuola materna per 22 sezioni (circa 28 bambini a sezioni), due delle quali aperte negli ultimi anni. Tre sezioni di scuola materna paritaria sono state aperte inoltre alla scuola San Francesco e allo Spranger.

L’orario definitivo e il servizio mensa per le elementari partiranno invece da lunedì 28 settembre. Quest’anno le classi prime a tempo normale dei due circoli non avranno il rientro pomeridiano, per la riduzione d’orario operata dalla riforma Gelmini. Invariato invece il tempo pieno.

Alle superiori gli iscritti quest’anno ammontano a 1283, di cui 298 al liceo scientifico, 53 al liceo classico, 188 all’Ipsia Volta, 227 all’Iti Pacinotti, 252 all’Ipc “Seccherelli” e 61 all’Itc “Einaudi”. Un capitolo a parte per gli asili nido comunali, che aprono invece da domani insieme al centro gioco educativo di via Medaglie d’Oro, con orari anche in questo caso differenziati.

Il Comune gestisce due nidi a tempo lungo, “Panda” e “Arcobaleno”, con orario 8-16 e un nido a tempo corto “Girasole”, orario 8-14 per un’offerta totale di 125 bambini. A questi si aggiunge il Centro Gioco Educativo di via Medaglie d’Oro che può ospitare contemporaneamente 50 bambini nella fascia di età dai 18 ai 36 mesi nel modulo mattutino e altrettanti in quello pomeridiano. Per l’anno in corso nel pomeriggio sono stati attivati due moduli per 18 posti, di cui 7 ancora disponibili

Oltre ai nidi gestiti direttamente dal Comune, negli ultimi anni l’offerta è stata ampliata con l’accreditamento e l’autorizzazione di altri servizi: “La Tana dei piccoli”, che accoglie 27 bambini dai 18 ai 36 mesi, nido accreditato e parificato al servizio pubblico, “Le coccinelle” in via De Amicis 20 per 12 bambini da 3 a 36 mesi, e il nido “Oplà”, con la stessa capienza, in via San Francesco, come servizi autorizzati. A fronte di questa offerta, quest’anno si è accorciata la lista d’attesa per i nidi comunali. Le domande pervenute sono state infatti 175. In lista d’attesa, per il momento, 40 famiglie, anche grazie al numero elevato di rinunce da parte di genitori che, dopo aver ottenuto il posto, non hanno confermato l’iscrizione.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 20.9.2009. Registrato sotto Foto, Giovani e Sapere, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 24 giorni, 18 ore, 35 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it