SCUOLA, LA REGIONE CONDIVIDE L’ALLARME PER I TAGLI

La Regione Toscana condivide l’allarme dei genitori e degli insegnanti di Rosignano Marittimo per le sorti della scuola italiana e risponde con una lettera al Comitato che si è fatto promotore, nella zona, di una raccolta di firme che ha coinvolto centinaia di cittadini.

L’assessore Conti ricorda che, nei mesi scorsi, la Toscana si è mossa, insieme alle altre regioni, per
fare pressione sul governo e cambiare gli orientamenti del ministro all’istruzione Mariastella Gelmini. Questi orientamenti, fa notare l’assessore, sono peraltro sconfessati dalle scelte delle famiglie che, al momento delle iscrizioni, hanno optato per il tempo pieno in larga maggioranza, mentre solo una ristrettissima percentuale ha scelto il maestro unico e l’orario di 24 ore.

Anche in queste settimane l’assessore ha preso più volte posizione, rivolgendosi anche formalmente al direttore dell’Ufficio scolastico re gionale per la Toscana, per ribadire la contrarietà della Regione rispetto alla scelta del governo di effettuare tagli consistenti per il personale della scuola con conseguenti gravi ricadute sull’organizzazione e sulla qualità del sistema scolastico.

Nella lettera inviata ai genitori e agli insegnanti di Rosignano Marittimo, l’assessore ha ribadito che, per la Regione, dovrà essere garantito il rispetto di quanto richiesto dalle famiglie. In particolare si chiede un impegno precisio per il superamento delle lunghe liste di attesa nella scuola dell’infanzia e di garantire a tutti coloro che lo hanno richiesto il tempo pieno nella scuola primaria.

Le scelte fatte dalla Regione Toscana, ricorda ancora l’assessore, sono esattamente di segno contrario alla politica di tagli indiscriminati alla scuola decisi dal governo nazionale. Nella nostra Regione, ricorda l’assessore, si sono aumentate le risorse per il diritto allo studio, quelle dest inate alle strutture per la prima infanzia e per gli interventi di edilizia scolastica.

Mai come in questa fase non si può impoverire la scuola. Sulla scuola è invece necessario investire. Un sistema scolastico di qualità, sin dalla scuola primaria, è una delle condizioni necessarie per garantire il futuro della regione e del paese. Per questo la Regione prosegue con forza nella difesa della qualità.(bc)

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 26.5.2009. Registrato sotto Giovani e Sapere. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 23 giorni, 21 ore, 20 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it