MATTEOLI: SS 398 ALLA SAT, OK PER LE BONIFICHE

Serata importante all’Hotel Centrale di Piombino, durante l’incontro pubblico organizzato da Comune e Autorità portuale, dove il ministro delle Infrastrutture e Trasporti Altero Matteoli, ha annunciato che la prossima settimana, probabilmente venerdì, il progetto dell’autostrada Tirrenica andrà in approvazione al Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica), insieme al prolungamento delle SS398 per il porto di Piombino e il “lotto zero” a Livorno, precisando che il corridoio tirrenico fa parte di uno stanziamento di 16,6 miliardi di euro di opere infrastrutturali da lui personalmente individuate. All’incontro erano presenti oltre al sindaco Gianni Anselmi, il presidente dell’Autorità portuale Luciano Guerrieri, al presidente della Provincia Giorgio Kutufà, anche gli assessori regionali Anna Rita Bramerini e Riccardo Conti.

Matteoli è entrato anche sul tema sempre aperto delle bonifiche, sottolineando la continuità del rapporto istituzionale che c’è stato tra i vari governi, sia di centrosinistra che di centrodestra, con il Comune e l’Autorità portuale. «Il primo accordo l’ho preparato come ministro dell’Ambiente nel 2005. C’era il problema dell’industria siderurgia, ma che fare? A Piombino l’industria ha storicamente dato migliaia di posti di lavoro e continua a darli. La strada è quella dell’impiego delle nuove tecnologie, per evitare che l’inquinamento abbia conseguenze sulla salute dei cittadini. E questo stiamo lavorando per farlo insieme. Oggi si può dire che stiamo risolvendo un problema di Piombino. Sono stato al governo e all’apposizione, ma sono sempre stato d’accordo sul fatto che la città debba avere queste realizzazioni». Il ministro ha poi chiesto di «smetterla di dire sempre di no», con ovvio riferimento al Comitato no fanghi, ha infatti ricordato di aver assistito ad una riunione, lo scorso anno, della Commissione ambiente a Roma «mi sono trovato davanti tutti quelli che negli anni passati non volevano il porto di Salivoli».

Le realizzazioni sono in parte quelle previste nell’accordo di Bagnoli e nella bozza d’intesa sulle bonifiche che i ministeri hanno già approvato e che ora aspetta solo la firma del Comune. E presto – secondo il ministro – si potrà firmare l’accordo definitivo. Anche l’assessore regionale Bramerini ha annunciato che ieri mattina è stato approvato in Regione il testo ufficiale sulle bonfiche, che dà quindi il via all’attuazione dell’accordo sottoscritto nel 2007. «Sta ora a noi individuare le aree per il trattamento dei rifiuti, e poi si parte con l’ultima intesa» ha detto l’assessore Bramerini.

Matteoli ha convenuto poi col presidente della Provincia Kutufà sulla necessità di potenziare anche il corridoio ferroviario tirrenico. «Per questo – ha detto – sto premendo sull’ad delle ferrovie Moretti per far tornare la Genova-Roma una linea di serie A e non emarginata come adesso».

Erano presenti, e sono intervenuti, anche i sindaci di Portoferraio Roberto Peria e di Rio Marina Francesco Bosi. Peria ha dichiarato «di sentirsi parte attiva delle dinamiche di questo territorio» e quindi di vedere positivamente tutti gli sviluppi e gli investimenti che vengono effettuati in Val di Cornia e a Piombino. Rispondendo ai due sindaci elbani Matteoli è entrato anche sulla vicenda della privatizzazione della Tirrenia, società, come noto, a cui è collegata alla Toremar.

«La privatizzazione è inevitabile – ha detto Matteoli – ce la impone l’Unione europea. Sono stato personalmente varie volte a Bruxelles a discuterene e sono riuscito ad ottenere la proroga di un anno. Ora abbiamo tutto il tempo per preparare una soluzione. Le risposte delle Regioni sulle varie compagnie sono diverse. E per la Toscana l’assessore Conti mi ha già detto scherzosamente che non vuole fare l’armatore».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 2.12.2008. Registrato sotto cronaca. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 28 giorni, 10 ore, 23 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it