METROPOLITANA LEGGERA: «TANTI BEI PROGETTI, MA CHI PAGA?»

Riportiamo un commento di Stefano Ferrini sui progetti di metropolitana leggera che colleghi Campiglia a Piombino, di cui si parla da decenni, e che non è mai partita probabilmente per gli stessi motivi che cità il rappresentante piombinese del PArtito Socialista.

«Verdi, Rifondazione Comunista ed AN si sbracciano per caldeggiare la trasformazione in una metropolitana di superficie della rete ferroviaria che collega Piombino con la stazione di Campiglia. I vantaggi che elencano sono innumerevoli, tali da non lasciare dubbi sulla sua utilità ed in grado di compattare fronti politici ampi e diversificati. Però le belle idee necessitano di robuste gambe su cui camminare e qui mi pare la cosa si faccia più problematica. Quanto costerebbe questa metropolitana di superficie? E chi dovrebbe finanziarla? Il Comune? Le Ferrovie dello Stato? Privati interessati, ammesso che vi siano? Esiste uno studio sulla fattibilità economica dell’operazione o almeno se ne ha una qualche idea?

Considerando che già adesso le FFSS preferiscono finanziare il bus navetta piuttosto che il treno da e per Campiglia Stazione, per quale motivo un domani, con la metropolitana ed intensificando le corse, il numero dei passeggeri dovrebbe aumentare in modo tale da ripagare il costo del servizio? Tutto si può fare e se riusciamo a ridurre il trasporto su gomma a vantaggio del treno, ben venga, ma occorre vi siano i presupposti perché la cosa stia in piedi. In questo caso, invece, anche se spero di sbagliarmi, mi sembrano più discorsi privi del necessario approfondimento lanciati al vento perché popolari in un clima pre-elettorale piuttosto che proposte concrete.

Prima di perdere tempo andando dietro a progetti faraonici irrealizzabili, sarebbe allora forse il caso, visto il momento di grande difficoltà economica in cui si trova questa città, di lanciare proposte concrete per favorirne lo sviluppo e recuperare così le occasioni perse in questi ultimi anni per diversificare una economia ancora oggi quasi esclusivamente dipendente dalla grande industria. Di questo occorrerebbe seriamente ragionare, invece di inseguire probabilmente il niente».


Stefano FERRINI
Coordinatore Lista INSIEME per lo SVILUPPO – PARTITO SOCIALISTA
PIOMBINO

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 4.11.2008. Registrato sotto politica. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    51 mesi, 21 giorni, 3 ore, 44 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it