CAMPIGLIA: TANTE LUCI E QUALCHE OMBRA SULLA NUOVA ROCCA

Sabato 7 giugno 2008 alle 17.30 in Via XXV Luglio sarà inaugurato il restauro della Rocca di Campiglia alla presenza del Sindaco Silvia Velo, del presidente Provinciale Giorgio Kutufà, dell’Assessore alla Cultura regionale Paolo Cocchi, del Prof. Roberto Venuti preside della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Siena, l’architetto Fiorella Ramacogi Soprintendente per i Beni architettonici e per il paesaggio di Pisa e Claudio Martini Presidente della Regione Toscana.

In attesa di questa importante giornata per il borgo di Campiglia e la sua Rocca restaurata sono stati tra gli argomenti trattati martedì 3 giugno nella trasmissione di Italia 7 “Aspettando il TG”, dove ad illustrare le caratteristiche del monumento più importante del centro storico sono stati l’assessore all’urbanistica Rossana Soffritti e la professoressa Giovanna Bianchi, docente dell’Insegnamento di Archeologia Medievale all’Università di Siena, coordinatrice dello scavo archeologico.

Ma nonostante tutti questi successi un’ombra si cela sulla Rocca di Campiglia, quest’ombra arriva da un comunicato del Comitato per Campiglia che mette “sul piatto” la struttura residenziale di Borgo Novo che ben si vedrà, una volta realizzata dalla Rocca rovinando – secondo il Comitato – tutto il paesaggio verso la Valle di Fucinaia. Leggiamo insieme integralmente il comunicato.

«Il 7 giugno sarà inaugurata la Rocca di Campiglia, restaurata grazie a finanziamenti nazionali ed europei. Purtroppo è una buona notizia soltanto a metà – commenta il Comitato per Campiglia – un risultato su cui grava un’ombra pesante.
L’importanza di questo intervento, che si aggiunge alla meritoria attività culturale dei parchi della Val di Cornia e al recupero della vicina rocca di Suvereto, contrasta infatti con la politica urbanistica del Comune di Campiglia, che prevede nuove edificazioni proprio intorno al colle della Rocca.

La Rocca di Campiglia è un punto panoramico di notevole pregio. La vista che dalla Rocca si posa oggi sulla campagna circostante e sulla Valle di Fucinaia (anch’essa luogo di importanti testimonianze storiche e archeologiche) fino alla Rocca di San Silvestro, ben presto cadrà su una impropria colata di cemento ai suoi piedi: le 53 villette del cosiddetto Borgo Novo che saranno costruite alla Fonte di Sotto, un nuovo villaggio di seconde case con la scusa dello sviluppo turistico. Un intervento che sfregia la monumentalità della Rocca medievale e l’immagine dell’intero borgo storico di Campiglia, come il nostro Comitato ha più volte denunciato.

Il Sindaco Velo nell’annuncio dell’inaugurazione parla di un “percorso culturale di qualità, direttamente leggibile sul campo oltre che sui libri, che collega il patrimonio custodito nel Parco di San Silvestro con il centro storico”. Si dimentica il Sindaco che questo percorso medievale, ricco di beni culturali e di paesaggio, sarà spezzato per sempre proprio dalla costruzione delle villette alla Fonte di sotto: per chi arriverà da San Vincenzo il bel profilo del borgo antico sovrastato dalla Rocca resterà solo uno sfondo sfumato, dietro la schiera delle moderne costruzioni.
Per il bene di Campiglia e del suo paesaggio abbiamo ripetutamente chiesto alle istituzioni deputate di intervenire per bloccare l’intervento invasivo e incoerente alla Fonte di Sotto.

Nello stesso tempo – continua il Comitato per Campiglia – abbiamo suggerito soluzioni alternative, invitando il Comune a considerare altre forme di tipologie ricettive (Albergo diffuso) o a prevedere in altro luogo una struttura alberghiera anziché Residenze turistiche alberghiere (RTA) che, come ormai è evidente in tutta la Toscana, si prestano a trasformazioni in seconde case ed hanno una bassissima ricaduta occupazionale ed economica sul territorio. Lo stesso piano strutturale, che il Comune ha approvato nel 2007, le vieta.

Chiediamo ancora alla Regione Toscana, alla Soprintendenza e al mondo della ricerca e dell’Università che saranno tutti presenti il 7 giugno – conclude il comunicato – di intervenire tempestivamente, altrimenti saranno anch’essi a disagio e un po’ fuori posto nella cerimonia di inaugurazione della Rocca di Campiglia».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 5.6.2008. Registrato sotto cronaca. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 10 giorni, 15 ore, 44 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it