TURISMO: 2007 OK PER LA PROVINCIA DI LIVORNO

La provincia di Livorno rafforza la presenza nel mercato turistico e raggiunge il 10° posto nella classifica delle province italiane, pubblicata nell’annuario 2008 del Touring, scalando altre due posizioni rispetto al 2006.

“Davanti a noi ci sono realtà come Roma, Venezia, Napoli e Firenze – ha sottolineato con soddisfazione l’assessore al turismo Fausto Bonsignori, illustrando i dati in una conferenza stampa a Palazzo Granducale – mentre il nostro territorio è fra i primi in assoluto per permanenza media più alta (6,5 giorni)”.

I dati sui flussi turistici del 2007 – raccolti ed elaborati dall’ufficio turismo della Provincia, in collaborazione con le due Apt, Costa degli Etruschi ed Arcipelago toscano – parlano di un saldo positivo di arrivi del 2,2% in più rispetto al 2006.

Le giornate di presenza sono state 7.600.000, a queste si devono aggiungere le presenze non ufficiali (seconde case) che, secondo alcuni indicatori, si stima possano essere altrettanto numerose.

“Se si pensa che la spesa pro-capite di un turista si aggira giornalmente sugli 80/100 euro – ha evidenziato Bonsignori – il valore aggiunto rappresentato da questo settore è estremamente rilevante per l’economia della nostra provincia”.

L’area continentale del territorio ha registrato i risultati migliori (+4,9% di arrivi e +3,9% di presenze), mentre dal consuntivo dell’Arcipelago emerge una flessione (-1,9% di arrivi, -4% di presenze), imputabile soprattutto al calo della domanda straniera (-1,6% di arrivi e -8,3% di presenze).

A livello provinciale il più colpito è stato il settore alberghiero (-1,4%), al contrario sono aumentate le presenze nelle strutture extralberghiere: campeggi, residenze turistiche, agriturismi hanno fatto registrare un +2,1%. Crescita più marcata dell’extralberghiero del continente (+5,8%) che è quasi speculare al calo registrato nelle isole (-6,6%).

Buone notizie anche per il sistema museale della provincia che ha visto un consistente aumento di visitatori (+6%): Museo Civico Fattori (+33%); Parchi della Val di Cornia (+20,1%); rete museale della Costa degli Etruschi (+15,9%).

La flessione dei flussi turistici verso le isole ha avuto ripercussioni anche nei collegamenti tra Piombino e l’Elba che hanno visto un calo del 3,3% di passeggeri, pari a 57.000 unità.

“Per i trasporti e i collegamenti marittimi – ha aggiunto l’assessore – ci sono ancora problemi strutturali da risolvere, basti pensare al fatto che l’Arcipelago toscano è l’unico a non avere collegamenti interni fra le isole. E’ un problema che come Provincia stiamo affrontano con strumenti come il Piano di Sviluppo Locale e il masterplan della logistica”.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 21.5.2008. Registrato sotto Economia. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    41 mesi, 2 giorni, 23 ore, 43 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it