SUCCESSO PER IL «DECAMERONE» AL CONCORDI DI CAMPIGLIA

Nell’intimo e incantevole teatro Concordi di Campiglia Marittima un pubblico numeroso ha assistito allo spettacolo “Decamerone- amori e sghignazzi”, messo in scena dalla compagnia Arca Azzurra Teatro, con la regia e il libero adattamento da Decamerone di Ugo Chiti.

Le premesse perché lo spettacolo fosse ben realizzato e piacevole c’erano tutte. Ugo Chiti, già sceneggiatore di importanti film tra i quali Sms-sotto mentite spoglie, Ivo il tardivo, Donne con le gonne, Benvenuti in casa in Gori, e quest’anno sceneggiatore del best-seller di Saviano, Gomorrra, è considerato uno dei più creativi e stimati autori-registi di teatro nel nostro Paese; da oltre venticinque anni sforna testi e spettacoli teatrali con la compagnia fiorentina Arca Azzurra Teatro, da lui stesso fondata nel 1983 al termine di un laboratorio teatrale. La collaborazione tra la compagnia e Chiti sfrutta l’enorme comunicativo sonoro e gestuale della lingua toscana per realizzare una drammaturgia che supera gli aspetti meramente folcloristici e vernacolari, che siamo abituati a vedere nei film dei registi toscani.

In “Decamerone-amori e sghignazzi”, seguito a “Decameron-Variazioni” messo in scena per la prima volta nel 1990, Chiti prosegue il suo viaggio dentro le pagine del capolavoro trecentesco del Boccaccio, isolando 4 novelle che, attraverso i repentini passaggi dal comico al tragico, dal satirico al filosofico, rappresentano le tre grandi forze che muovono il mondo e si confrontano nella commedia umana: amore, ingegno e fortuna.

Lo spettacolo inizia con la vicenda di Masetto che si fa mutulo e diviene ortolano in un monastero di donne e dalla medesima è preso lo spunto per raccontare l’odissea della bella Alatiel, mandata dal padre in sposa al re Garbo e ripetutamente rapita, concupita e violata, stimolando una riflessione tragico comica sulla condizione femminile. La terza novella è quella di Alibech, proiezione onirica di Masetto al femminile, che diviene romita e impara da Rustico il monaco come si fa a rimettere il diavolo nell’inferno. Infine, la tragica vicenda di Isabetta vittima innocente di un ordine sociale che le nega l’amore.

I testi e l’arte recitativa degli attori hanno saputo mantenere costante e viva l’attenzione del pubblico che ha seguito divertito e impegnato lo spettacolo, “rappresentazione reale e metaforica della vita osservata con occhio sarcastico e dolente assieme” .

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 1.3.2008. Registrato sotto cultura. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 16 giorni, 4 ore, 28 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it