AN: RIFIUTI DI BAGNOLI… GRADITO OMAGGIO A PIOMBINO?

Riportiamo un commento del capogruppo di AN di Piombino Giampiero Amerini sull’annunciato arrivo dei fanghi di Bagnoli, circa 800mila metri cubi di rifiuti industriali depositati a mare dall’ex Ilva di Bagnoli che il ministero dell’Ambiente vuol trasferire proprio nella vasca del porto di Piombino.

«In merito ai rifiuti, fanghi, sedimenti marini e materiali simili di Bagnoli che, a quanto, pare sono destinati a risanare il nostro territorio – commenta Amerini – ritengo opportuno, rendere pubbliche alcune brevi considerazioni. Per prima cosa mi preme sottolineare che sui giornali, nella cronaca regionale del 15 giugno, si legge: “La Tirrenica è uscita dal guado. Disco verde, si procede, si va avanti”.
Ministero, regione e Sat, è stato deciso, il prossimo 4 luglio firmeranno la convenzione. La valutazione d’impatto ambientale c’è già: è stata fatta quando ministro era Matteoli. A gennaio 2010 – continua Amerini – inizieranno i lavori dell’autostrada, quelli della 398 dovrebbero iniziare prima. Non credo che avranno successo gli intralci sterili e bambineschi delle “troppe cicale canterine”: credo, invece, nella determinazione del presidente Martini, che può contare sulla stragrande maggioranza dei cittadini Toscani.

Detto questo veniamo alla cronaca locale dove si trovano le dichiarazioni del sindaco Anselmi: “Noi firmeremo (cioè prenderemo i fanghi) solo se sarà fatta la prosecuzione delle 398”. Ma, mi sbaglio o la 398 sarà fatta anche senza i rifiuti di Bagnoli? Così almeno dicono il Presidente Martini, il ministro Di Pietro e i presidenti di Anas e di Sat che il 4 luglio firmeranno la convenzione. Non sarà, per caso, che la costruzione della strada sia una “trovata” per far digerire l’arrivo a Piombino dei rifiuti tossici industriali di Bagnoli (di questo si tratta), che ci vengono così gentilmente regalati dalla città di Napoli?

Altro dubbio importante che si pone Amerini è il seguente:«se questi fanghi possono essere usati per strade e riempimenti, perché sprecare tanti soldi per trasportarli così lontano quando possono essere usati localmente? Infine, non abbiamo noi qui a Piombino, all’interno dello stabilimento Lucchini, montagne di rifiuti industriali, credo non troppo diversi da quelli di Bagnoli, da poter usare per gli stessi scopi? Un’ultima considerazione: qualunque sarà il mezzo usato per trasportarli (via mare o via terra) tutti, o la maggior parte, dovranno transitare per un tratto dell’unica strada d’accesso alla città con le ovvie conseguenze».

Tutte domande alle quali il sindaco e la giunta dovranno dare risposte ai cittadini, alle quali, noi della redazione ne aggiungeremmo anche altre due:
E’ stato detto che i fanghi in parte saranno smaltiti dalla TAP, ma questa non sarà operativa per la data di arrivo dei fanghi, e quindi dove andranno i fanghi maggiormente inquinanti? In mare? In discarica? E nel secondo caso in quale visto che l’attuale è già piena?

La seconda domanda è cosa ne pensa l’Assessore al turismo di questi continui scandali (Discarica abusiva Lucchini, Fanghi di Bagnoli) che continuano a mettere in cattiva luce a livello nazionale la già pessima fama turistica della città?

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 18.6.2007. Registrato sotto ambiente/territorio. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 16 giorni, 10 ore, 45 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it