LA ROBA: BIOMASSE E DINTORNI IN VAL DI CORNIA

«Il viandante che andava lungo il Biviere di Lentini, steso là come un pezzo di mare morto, e le stoppie riarse della piana di Catania, e gli aranci sempre verdi di Francofonte, e i sugheri grigi di Resecone, e i pascoli deserti di Passaneto e di Passanitello, se domandava, per ingannare la noia della lunga strada polverosa, sotto il cielo fosco del caldo, nell’ora in cui i campanelli della lettiga suonano tristemente nell’immensa campagna, e i muli lasciano ciondolare il capo e la coda, e il lettighiere canta la sua canzone malinconica per non lasciarsi vincere dal sonno e dalla malaria: – Qui di chi è? – sentiva rispondersi: di Mazzarò».

L’incipit è tratto dalla novella di Giovanni Verga “La Roba”. Ma si adatta benissimo a qualcosa che da un po’ di tempo accade nella nostra Valle. Di chi è l’impresa che ha piazzato da un giorno all’altro una grossa gru sul porto e, poco dopo, ha chiesto e ottenuto l’unica autorizzazione disponibile alla movimentazione in banchina? Di chi è la centrale a olio di palma che si vuol costruire a Montegemoli. E ancora di chi saranno i terreni che la Fintecna ha messo all’asta nell’area ex Irfird, strategici per lo sviluppo delle attività retroportuali? E di chi è il casolare di campagna dove si è recentemente festeggiato, presenti anche noti esponenti del partito di governo locale, la conquista della bramata autorizzazione a operare sul porto? Di Mazzarò, naturalmente!

Sarà corta o lunga la filiera della centrale a biomasse? Siamo convinti che molti non sanno neppure di cosa si sta parlando in questi giorni, anche perché la strategia è quella di non parlare, lasciare che i tempi tecnici corrano per poi dire – come ha fatto l’assessore provinciale all’ambiente Garufo – che l’arbitro ha già fischiato e non c’è più tempo per discutere. Pena una bella diffida di Mazzarò che reclama il rispetto della legge. Corta o lunga, l’impressione che la “filiera” in ogni caso ci sia già…

Paperino

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 9.6.2007. Registrato sotto Economia. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 16 giorni, 19 ore, 29 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it