LA ROBA: BIOMASSE E DINTORNI IN VAL DI CORNIA

«Il viandante che andava lungo il Biviere di Lentini, steso là come un pezzo di mare morto, e le stoppie riarse della piana di Catania, e gli aranci sempre verdi di Francofonte, e i sugheri grigi di Resecone, e i pascoli deserti di Passaneto e di Passanitello, se domandava, per ingannare la noia della lunga strada polverosa, sotto il cielo fosco del caldo, nell’ora in cui i campanelli della lettiga suonano tristemente nell’immensa campagna, e i muli lasciano ciondolare il capo e la coda, e il lettighiere canta la sua canzone malinconica per non lasciarsi vincere dal sonno e dalla malaria: – Qui di chi è? – sentiva rispondersi: di Mazzarò».

L’incipit è tratto dalla novella di Giovanni Verga “La Roba”. Ma si adatta benissimo a qualcosa che da un po’ di tempo accade nella nostra Valle. Di chi è l’impresa che ha piazzato da un giorno all’altro una grossa gru sul porto e, poco dopo, ha chiesto e ottenuto l’unica autorizzazione disponibile alla movimentazione in banchina? Di chi è la centrale a olio di palma che si vuol costruire a Montegemoli. E ancora di chi saranno i terreni che la Fintecna ha messo all’asta nell’area ex Irfird, strategici per lo sviluppo delle attività retroportuali? E di chi è il casolare di campagna dove si è recentemente festeggiato, presenti anche noti esponenti del partito di governo locale, la conquista della bramata autorizzazione a operare sul porto? Di Mazzarò, naturalmente!

Sarà corta o lunga la filiera della centrale a biomasse? Siamo convinti che molti non sanno neppure di cosa si sta parlando in questi giorni, anche perché la strategia è quella di non parlare, lasciare che i tempi tecnici corrano per poi dire – come ha fatto l’assessore provinciale all’ambiente Garufo – che l’arbitro ha già fischiato e non c’è più tempo per discutere. Pena una bella diffida di Mazzarò che reclama il rispetto della legge. Corta o lunga, l’impressione che la “filiera” in ogni caso ci sia già…

Paperino

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 9.6.2007. Registrato sotto Economia. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    53 mesi, 2 giorni, 4 ore, 40 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it