WI-FI, UNA OPPORTUNITA’ PER LA VAL DI CORNIA?

Nel mese di ottobre 2005 il ministro delle Comunicazioni Mario Landolfi ha firmato il decreto (http://www.comunicazioni.it/it/index.php?IdNews=93) che sblocca l’utilizzo della tecnologia Wi-Fi (http://it.wikipedia.org/wiki/Wi-fi) per il collegamento veloce a internet senza fili.

Fino a quel momento l’accesso wireless era consentito solo in aeroporti, stazioni e pochi altri casi, nonostante si fosse già formato da tempo un vasto movimento di opinione (http://www.antidigitaldivide.org) che auspicava la liberalizzazione dell’impiego del Wireless Fidelity soprattutto come strumento per combattere il Digital Divide (http://it.wikipedia.org/wiki/Digital_divide), cioè il divario digitale che indica le disuguaglianze nella fruizione delle tecnologie informatiche.

L’introduzione della banda langa in Italia di questi anni non è riuscita, infatti, a diffondere l’accesso veloce a internet in maniera uniforme su tutto il territorio nazionale lasciando intere zone, soprattutto aree di provincia ma non solo, prive di questo servizio e producendo una geografia delle connessioni a macchia di leopardo.
Il risultato è che, ad oggi, circa 10 milioni di cittadini non possono utilizzare l’internet veloce a causa principalmente di problemi strutturali dovuti alla nostra rete fissa gestita da Telecom.

Rispetto ad alcune tecnologie alternative, quali la powerline (internet su rete elettrica) (http://it.wikipedia.org/wiki/Powerline) e il satellite, il Wi-Fi è considerato la soluzione più conveniente in termini di costi e prestazioni ed è infatti su quest’ultima soluzione che scommetterà il mercato nell’immediato futuro in attesa del più affidabile Wi-Max (http://it.wikipedia.org/wiki/WiMAX) che arriverà successivamente.

Sono quindi in partenza progetti che realizzeranno, in breve tempo e con spese relativamente limitate, l’accesso veloce nelle zone fino ad ora prive del servizio permettendo entro un territorio circoscritto (città, comune o provincia) la connessione senza cavo da qualsiasi posizione all’interno della zona stessa.
Le regioni hanno cominciato a finanziare i primi bandi e le aziende o le associazioni che se le aggiudicheranno dovranno costruire le reti wireless basate su antenne.

In questo senso, la Toscana, insieme a Lombardia e Sardegna, gioca di anticipo e si presenta all’avanguardia con la provincia di Firenze che sarà una delle prime reti Wi-Fi in Italia attiva entro i primi mesi del 2007.
Nessuna notizia al momento sul possibile utilizzo anche nella nostra zona, non immune da problemi di rete fissa e non priva di zone a collegamento lento (es. Suvereto).
Attendiamo fiduciosi.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 12.3.2006. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 13 giorni, 10 ore, 44 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it