APPROVATO L’AFFIDO CONDIVISO AD ENTRAMBI I GENITORI

Dopo più di tre anni di travagliata gestazione in Parlamento, il 24 gennaio 2006 è stata finalmente approvata la Legge sull’Affidamento Condiviso dei figli nei casi di separazione dei genitori. Leggiamo insieme quali sono i principali benefici della nuova legge, come ce le racconta Fausto Paesani del Ge.Fi.S.

«Questa nuova Legge – inizia Fausto Paesani – pur con le sue innegabili limitazioni, dovute alle continue smussature praticate trasversalmente dai Deputati nei vari stadi di discussione in Parlamento, rappresenta il primo passo verso un fondamentale cambiamento in tema di Diritto di Famiglia e della mentalità, ormai radicata da decine di anni, che i figli dovevano per forza essere affidati ad un unico genitore, dove l’altro era relegato quasi esclusivamente ad una funzione di bancomat e niente più».
Premi su: Leggi Tutto…

«Per rigore di cronaca – continua Paesani – occorre dire che anche prima avevamo già una Legge che permetteva ai genitori di avere l’affido congiunto, ma questa era rimasta quasi sempre inapplicata nelle aule giudiziarie, in quanto i giudici, per motivi che ancora oggi risultano misteriosi, non la applicavano neppure se richiesta dai genitori in separazione. Con la nuova Legge abbiamo alcuni punti fondamentali di miglioramento e che costituiscono una vera svolta:

1) il maggiore controllo sull’educazione, la salute ed il divertimento
dei figli, da parte di entrambi i genitori, opportunità che si tramuta
in un tempo maggiore di contatto con gli stessi;

2) il Diritto fondamentale dei nonni, e dei famigliari più stretti, ad avere un contatto continuativo con i propri nipoti, mentre prima
non erano contemplati dalla precedente Legge ed il suddetto Diritto era soltanto a discrezione del genitore affidatario, ma il più delle
volte si ritrovavano a vedere i nipoti soltanto nei ritagli di tempo in cui gli stessi erano dal genitore non affidatario;

3) la perdita del Diritto all’affidamento della casa coniugale da parte del coniuge affidatario che convive con altri, mentre prima i genitori non affidatari erano costretti a lasciare la casa coniugale, anche se di loro esclusiva proprietà, per non farvi, effettivamente, mai più ritorno e a subire l’ulteriore beffa di vedere un altro che prendeva tranquillamente, e gratuitamente, il loro posto.

Nonostante le sue lacune questa Legge rappresenta un passo avanti verso la completa uguaglianza dei Diritti e dei Doveri, più comunemente chiamata “parigenitorialità”, di entrambi i genitori nei confronti dei propri figli, i quali devono sempre essere tenuti al centro dell’attenzione. Naturalmente proprio per il bisogno di cercare di perfezionare ancora questa Legge, tutte le Associazioni di genitori separati, che come noi del Ge.Fi.S. – Genitori di Figli Sequestrati, hanno lottato per svariati anni, al fine di vedere un cambiamento epocale nel Diritto di Famiglia, vigileranno costantemente per garantire che le nuove norme vengano rispettate dai genitori coinvolti, ma anche dai giudici dei Tribunali Italiani, affinchè questa volta non accada quello che è già successo con la precedente Legge, dove l’applicazione del principio della parigenitorialità è stato completamente disatteso, causando, all’interno del nucleo familiare coinvolto, delle fratture incolmabili.

Fratture delle quali la società sta pagando, e continuerà a pagare per qualche anno, attraverso l’aumento delle problematiche giovanili legate alle separazioni dei genitori dove, fino ad oggi, non si è realmente garantito un contatto paritario tra tutti i coinvolti».

Fausto Paesani – cell. 3478473605 – Ge.Fi.S. – Genitori di Figli
Sequestrati – Comitato Senza Scopo di Lucro.
http://xoomer.virgilio.it/geni_e_figli

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 30.1.2006. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 10 giorni, 16 ore, 53 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it