INCONTRO A ROMA DEI COMITATI «SALVIAMO LA COSTITUZIONE»

Proseguono le adesioni al Comitato «Salviamo la Costituzione», promosso dall’ARCI e da altre associazioni del comprensorio della Val di Cornia. Tra le più recenti vi sono quelle della Federazione della Sinistra giovanile, della CGIL, dell’APE-Crocevia dei popoli, dei DS di Piombino, del sindaco di Suvereto Giampaolo Pioli e di altre personalità della politica e della cultura locale.

Intanto per conto del Comitato, Rossano Pazzagli ha presentato a Roma l’esperienza locale, intervenendo alla riunione del Coordinamento nazionale delle iniziative in difesa della Costituzione, che si è svolto il 13 gennaio nella sede romana della CISL. La riunione, convocata da Franco Bassanini e Sandra Bonsanti promotori del comitato nazionale, è stata presieduta dall’ex Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro, il quale ha dichiarato che “crede molto a questa battaglia contro la riforma costituzionale del centrodestra, che mortifica il Parlamento e accentra i poteri nelle mani del primo ministro”.

Così Scalfaro ha invitato le realtà locali a lavorare con entusiasmo per difendere i valori e i principi della Costituzione italiana. All’incontro sono intervenuti tra gli altri anche Leopoldo Elia, Achille Occhetto, il magistrato Franco Ippolito, Raniero La Valle, Marco Nesci (Rif. Com.), Raimondo Ricci (DS) e i rappresentanti di associazioni e movimenti.

In tale occasione è stato fatto un censimento dei comitati locali già operanti in difesa della Costituzione, già sorti in diversi capoluoghi di provincia (in Toscana a Firenze, Pistoia, Siena e Grosseto, oltre che a Piombino). Ora che entrato a far parte di questa rete nazionale, il Comitato piombinese metterà in cantiere nuove iniziative per sensibilizzare i cittadini sulla necessità di difendere la Costituzione e la democrazia.

Si ricorda che per aderire al Comitato “Salviamo la Costituzione” basta comunicarlo all’ARCI (tel. 0565-221310) o scrivere all’indirizzo di posta elettronica info@cantieredellademocrazia.it

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 17.1.2005. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 16 giorni, 16 ore, 48 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it