QUANDO IL SISTEMA BANCARIO E’ INADEGUATO

A gentile richiesta pubblichiamo una lettera di un commerciante piombinese sul malfunzionamento delle banche in Val di Cornia.

Si continua a parlare del crack Parmalat, di Cirio, delle più che serie difficoltà delle società di calcio, eccetera, della mancanza di controlli nell’erogazione dei crediti e nell’emissione dei bond. Si parla tanto anche delle responsabilità delle banche nel favorire certi finanziamenti ed è proprio questo che dimostra l’altalenante comportamento del sistema, ove la carenza di capacità nel comprendere le reali necessità porta a inadeguati giudizi.

Gli istituti di credito infatti, preposti all’assistenza finanziaria, come sono disposti a favorire oltremodo taluni, sanno rendersi carnefici nei confronti di altri. Ne deriva che si può assistere a sostegni anche in eccesso, come a volte a decisioni devastanti, senza motivazioni plausibili.
Perciò, a parte Parmalat, Cirio eccetera, cadute anche per eccesso di credito, molte aziende cadono invece per affidamenti insufficienti al carico di lavoro.

Purtroppo è così, il mondo imprenditoriale è sempre e solo nelle mani delle banche, o anche più specificatamente, nella simpatia o antipatia di un funzionario, direttore o vice che sia. Ciò, naturalmente, fintanto che qualcuno non avrà il coraggio di apportare, finalmente, le dovute modificazioni che liberino le imprese da tale pericolosa dipendenza.

E questo avviene quotidianamente nei riguardi delle piccole e medie imprese. Si potrebbero citare migliaia di casi specifici, ed è proprio qui che risiedono parte dei motivi della crisi che imperversa nel mondo dell’imprenditoria e del lavoro.

Si parla tanto di riforme, quella del sistema bancario è veramente di grande importanza.

Lettera firmata

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 16.2.2004. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 19 giorni, 22 ore, 54 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it