CONFERENZA DEL DOTT. FEDELI SULLA CAVA SOLVAY

Piombino (LI): Sabato 24 maggio alle ore 17.00 al MUSEO ARCHEOLOGICO DEL TERRITORIO DI POPULONIA si terrà la conferenza del dott. Fabio Fedeli: “L’insediamento minerario di Cava Solvay”.

Nella conferenza verranno illustrati i risultati delle campagne di scavo condotte nel 1991-1992 da volontari dell’Associazione Archeologica Piombinese nell’insediamento minerario della cava Solvay di S. Carlo per conto della Soprintendenza Archeologica per la Toscana.

Le ricerche hanno messo in luce, fra le altre cose, i resti di due forni per la lavorazione del rame, oltre a migliaia di scorie e numerosi frammenti di crogioli. La materia prima proveniva senz’altro dai giacimenti di rame del Campigliese.

Il complesso dovrebbe essere riferibile ad un momento tardo dell’Eneolitico (inizio II millennio).
Alcuni dei materiali sono esposti al Museo archeologico del territorio di Populonia nella sezione relativa all’Eneolitico.

Informazioni: Museo archeologico 0565 221646

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 22.5.2003. Registrato sotto Senza categoria. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    9 mesi, 25 giorni, 23 ore, 18 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it