MULTIUTILITY TOSCANA: INTERVIENE ANCHE IL MOVIMENTO CONSUMATORI

Il Movimento Consumatori Toscana dopo la pronuncia 159/2023 della Corte dei Conti sul progetto Multiutility Toscana interviene a sostegno dei Consumatori.

“Il progetto Multiutility non dovrà prevedere lo spostamento della titolarità dei beni da mani pubbliche a quelle private, questo sarebbe un primo segnale negativo di tale iniziativa.
Sottolineando ancora una volta l’importanza di questo progetto ribadiamo che soltanto un coinvolgimento degli utenti potrà garantire la buona riuscita di quest’ultimo “- commenta il Movimento Consumatori Toscana.

“Come possiamo sperare che ci siano migliorie se non si ascolta il parere dei diretti interessati, ovvero i Consumatori? Avevamo già ribadito al Consiglio di Amministrazione della Multiutility la nostra proposta: l’instaurazione del Consiglio di Sorveglianza fatto da utenti estratti da liste apposite, che dovevano avere il compito di controllare coloro che gestivano i servizi pagati direttamente dai Consumatori. Quest’ultima è stata respinta, ma è importante sottolineare la creazione di iniziative che possano favorire un azionariato popolare. Ad esempio, rendere meno onerose le azioni per gli utenti o destinare il fondo cauzione in azioni.

Insomma, pretendiamo che sempre più utenti possano sedere nel Consiglio di Amministrazione della Multiutility, è una garanzia per la tenuta del progetto. Una volta terminato il giro delle nomine è necessario fare gli interessi dei Consumatori. Se questo è un interesse degli amministratori noi ribadiamo la nostra disponibilità” – conclude il Movimento Consumatori Toscana.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 25.8.2023. Registrato sotto cronaca, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    84 mesi, 20 giorni, 3 ore, 46 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it