BOATO IN PORTO A PIOMBINO A CAUSA DI UN INCENDIO A BORDO DELLA NIKOLAOS

La Nave Nikolaos

Grande preoccupazione a Piombino, quando nel porto intorno alle 14 di lunedì 15 agosto, si è avvertito un boato proveniente dalla banchina Jsw alla quale era ormeggiata la nave cargo Agios Nikolaos battente bandiera liberiana. Causa dell’esplosione – e del fumo presto sollevatosi – un incendio che si era generato proprio a bordo del mercantile, la cui origine sarà accertata dagli inquirenti.

Prontamente scattato il piano di intervento, la capitaneria di porto di Piombino ha quindi coordinato le operazioni di soccorso, inviando subito sul posto una motovedetta della guardia costiera e allertando i vigili del fuoco. Il personale della Piombino Logistic fortunatamente era già in piena sicurezza e non è stato direttamente coinvolto nell’incidente.

Assicurata l’incolumità dell’equipaggio, le fiamme sono state spente in poco tempo, consentendo così che le operazioni di messa in sicurezza della nave, durate poi circa tre ore, avvenissero direttamente in porto. Sul posto, per verificare le condizioni dell’equipaggio, composto tutto da marittimi filippini, anche il personale sanitario del 118. Fortunatamente, soltanto uno dei lavoratori a bordo è dovuto ricorrere alle cure ospedaliere per accertamenti in seguito a un lieve malessere.

Certo questo tipo di incidenti, a poche decine di metri dal futuro rigassificatore, non fanno dormire sonni tranquilli ai residenti, come commenta anche il primo cittadino nella nota sotto.

IL COMMENTO DEL SINDACO FRANCESCO FERRARI

L’incidente di oggi a bordo della motonave Agios Nikolaos non ci lascia tranquilli. Non potremo esserlo pensando all’ennesimo pericolo – stavolta fortunatamente scampato – per i lavoratori e per i cittadini. È evidente che il tema della sicurezza sui luoghi di lavoro non solo sia drammaticamente attuale, dentro e fuori la fabbrica, ma lo è ancora di più se si considera l’eventuale stazionamento di una nave gasiera all’interno del nostro porto.

Combattiamo il progetto del rigassificatore a Piombino perché blocca lo sviluppo del turismo, danneggia le attività economiche, rallenta i collegamenti. Ma oggi più che mai il problema della sicurezza nel nostro porto è tema sensibile.

Il sindaco Francesco Ferrari
L’assessore al Lavoro, Sabrina Nigro

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 16.8.2022. Registrato sotto cronaca, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    62 mesi, 25 giorni, 12 ore, 4 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it